ACCA software a Malaga: continua il BIMtour in Spagna

Il contributo di ACCA software al BIMtour 2019 in Spagna: tra IFC-Open BIM, e-Permit e piattaforma collaborativa BIM

BIMtour è un’iniziativa di BIM Academy, fondata da Ignasi Pérez Arnal, e nata con l’obiettivo di supportare i tecnici del settore AEC nel processo di transizione verso modelli di lavoro BIM durante l’intero ciclo di vita degli edifici.

Come il nome stesso lascia intendere, BIMtour comprende una serie di appuntamenti dedicati al BIM nelle maggiori città spagnole ( tra cui: Barcellona, Bilbao, La Coruna, Lleida, León, Malaga) e rivolte agli stakeholder del settore delle costruzioni:

  • pubbliche amministrazioni ed università
  • Project Management, ingegneri, architetti, geometri e professionisti della costruzione
  • costruttori, produttori ed installatori.

Ogni conferenza vede sviluppare tematiche specifiche incentrate sul BIM: cosa è il BIM, suggerimenti per implementarlo in modo semplice, quali strumenti sono necessari (hardware, software e sistemi) e come questa nuova metodologia contribuirà a trasformare il modo di progettare, costruire e mantenere gli edifici e le infrastrutture del territorio.

In questo quadro si è configurata la partecipazione di ACCA software come main partner al BIMtour 2019.

BIMtour 2019 – Spagna

Questi i prossimi appuntamenti del BIMtour in Spagna:

  • Lleida – 10 ottobre
  • Huesca – 24 ottobre 2019
  • La Coruna – 29 ottobre 2019
  • Jaén – 7 novembre
  • Salamanca – 21 novembre

Per conoscere tutti i dettagli, vai alla pagina del BIMtour.

ACCA software a Malaga

Si è tenuto il 4 ottobre presso il COA Málaga (Calle Palmeras del Limonar – Málaga) una nuova tappa del BIMtour 2019.

I tecnici ACCA hanno tenuto un intervento dal titolo: “IFC Open BIM para Administración Pública: plataforma colaborativa para el BIM Management, gestión de modelos IFC, e-Permit BIM, gestión de infraestructuras”.

BIMtour 2019: l’evento tenutosi a Malaga il 4 ottobre

bim tour malaga

BIMtour 2019: l’evento tenutosi a Malaga il 4 ottobre

ACCA al BIMtour a León

Il BIMtour è stato ospitato il 26 settembre presso il Salón de Grados all’interno della Escuela de Ingenierías de León.

ACCA software, che si candida sempre più ad essere l’esperto n.1 al mondo per l’IFC-Open BIM, ha presentato i suoi strumenti software, ed in particolare l’unica piattaforma collaborativa BIM certificata da bSI.

bim tour 2019

L’incontro tenutosi a Leon

Le novità di ACCA software al BIMtour 2019

Nei suoi interventi ACCA ha posto l’accento anche su due nuovi progetti estremamente interessanti: usBIM.ePermit e IFC railway.

e-Permit e usBIM.ePermit

Gli sviluppi della metodologia BIM interessano sempre più la filiera delle costruzioni. Recenti implementazioni del BIM riguardano la gestione amministrativa, quali i permessi e le autorizzazione in ambito edilizio, il rilascio di titoli abilitativi, delle autorizzazioni sismiche, ecc..

Per tali aspetti, BuildingSMART International ha coniato il termine e-Permit BIM.

In particolare, con i processi e-Permit BIM diventa possibile ottenere un controllo automatico finalizzato al rilascio di un titolo abilitativo o un’autorizzazione amministrativa relativa a un certo progetto BIM.

ACCA ha presentato, durante il BIMtour, usBIM.ePermit, il progetto svolto in collaborazione con il Politecnico di Milano (entrambi membri di buildingSMART International e quindi di buildingSMART Italia) che si pone come obiettivo quello di utilizzare esclusivamente formati aperti per la richiesta del Permesso di Costruire.

Il servizio di e-Permit online consente all’utente di avviare la pratica fornendo tutte la documentazione iniziale necessaria in formato digitale. Tali informazioni, in formato aperto, vanno a popolare la banca dati del servizio in una base di dati non strutturata. Step successivo è la verifica del rispetto del Regolamento Edilizio, e per farlo si utilizzano gli strumenti oggi a disposizione per modificare un modello IFC generico, cioè prodotto da qualsiasi BIM Authoring, a cui aggiungere tutte le informazioni necessarie ai fini del Code Checking.

Grazie a questi strumenti si arricchisce il modello con tutte le informazioni necessarie al controllo e da questo vengono estratti anche tutti gli elaborati in modo uniforme da tutti i modelli IFC di input.

Il tecnico incaricato della verifica ha quindi a disposizione tutti gli elementi necessari per approvare la pratica o comunicare all’utente eventuali problematiche e ripetere nuovamente le operazioni previste per la richiesta.

IFC rail

L’associazione internazionale buildingSMART international  sta studiando le modalità di implementazione dello standard aperto IFC applicato alle infrastrutture lineari (IFC rail, IFC tunnel, IFC road).

L’obiettivo è di elaborare una strategia comune che porti ad una sempre più efficace ed efficiente digitalizzazione del settore ferroviario, con particolare attenzione al BIM (building Information modelling) declinato nella sua versione non proprietaria, cioè non legata ad una specifica software house: l’IFC rail.

Le parole chiave in tale processo sono standardizzazione, digitalizzazione e interoperabilità.

Notevoli i benefici che potranno riflettersi sull’ambiente, e la società in generale, e sulle aziende ed istituzioni.

I cittadini e le istituzioni, infatti, attraverso tali strumenti potranno ottenere infrastrutture sempre più efficiente e sostenibili. Inoltre l’adozione del BIM produrrà vantaggi in termini di risparmi (tempi/costi) ed aumento della competitività delle aziende; vantaggi maggiormente evidenti mano a mano che i processi digitali si sostituiranno ai processi tradizionali.

Inoltre l’applicazione dei principi dell’Open BIM e degli IFC nel settore delle infrastrutture ferroviarie presenta un ulteriore vantaggio: evitare tutti i rischi legati all’obsolescenza dei software e degli hardware.

I dati necessari per la progettazione di tali grandi infrastrutture sono infatti talmente “preziosi” e “complessi” da non potere rischiarne la perdita a causa di eventuali incompatibilità tra i file che li contengono, nuove versioni di software/hardware, o formati file proprietari di altre software house.

Ignasi Perèz Arnal

Ignasi Pérez Arnal, esperto di management BIM, è il fondatore di BIM Academy e uno degli organizzatori principali del BIMtour e dell’European BIM Summit di Barcellona.

E’ membro di diverse organizzazioni tra cui:

  • Comisión Construir el Futuro (CCF)
  • Comisión de la Estrategia Nacional Española esBIM
  • buildingSMART Spain
  • GBCe-GreenBuilding Council Spain
  • eg-ice/European Group for Intelligent Computing in Engineering
  • È stato relatore alle conferenze EUBIM 2013 e 2014, ed è direttore del:
  • BIM PCM Master dell’Università della Cantabria
  • Master BIM Applications in Historical Heritage dell’Università di Burgos
  • Master Urban dell’Ecole des Ingenieurs de la Ville di Parigi nella sua edizione spagnola.

 

edificius
edificius

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo del BIM?