BIM 4D: come associare la proprietà “tempo” ad un oggetto del modello BIM

BIM 4D: ecco come, grazie a un potente strumento, un tecnico può analizzare e monitorare i tempi di esecuzione di un’opera

Il BIM non è uno strumento, ma un processo che utilizza un modello contenente tutte le informazioni che riguardano l’intero ciclo di vita di un’opera, dal progetto alla costruzione, fino alla sua demolizione e dismissione, agevolando la collaborazione tra le diverse figure interessate nelle diverse fasi del ciclo di vita di una struttura.

Il grande vantaggio del BIM risiede nella possibilità di arricchire il modello informativo sempre con nuove informazioni offrendo un grado di dettaglio via via maggiore (leggi l’articolo di approfondimento “Le 7 dimensioni del BIM“).

Il BIM 4D aggiunge ulteriori informazioni al modello e può fornire al professionista utili strumenti che gli consentono di ottimizzare la pianificazione e la gestione dei progetti e dell’esecuzione del cantiere.

La quarta dimensione del BIM (BIM 4D), infatti, consente di analizzare e monitorare i tempi di costruzione. In questo modo i progettisti sono in grado di coordinare i diversi soggetti e programmare le attività correlate del processo di costruzione.

La modellazione 4D permette ai progettisti di visualizzare lo stato di avanzamento delle attività già in fase di progettazione in modo da ottenere notevoli vantaggi quali:

  • verifica e ottimizzazione dei tempi di esecuzione dell’opera
  • verifica di eventuali sovrapposizioni critiche
  • possibilità di valutare possibili scenari differenti

Il nuovo ambiente 4D implementato in Edificius permette di associare la “proprietà tempo” ad ogni singolo oggetto del modello BIM. In questo modo è possibile visualizzare tramite una timeline l’intero processo costruttivo e di conseguenza ottimizzarne i tempi.

Come ottimizzare la pianificazione e la gestione dei progetti con Edificius

Direttamente in Edificius accediamo all’ambiente GANTT. Quest’ultimo consente la gestione 4D di un progetto BIM permettendo di impostare informazioni temporali direttamente sugli oggetti BIM del progetto

Vediamo come è semplice operare.

L’ambiente GANTT di Edificius si presenta con un’interfaccia semplice e intuitiva. In un’unica schermata vengono rese disponibili il modello 3D e il diagramma di GANTT.

Sulla destra, invece, è presente il “toolbox strumenti GANTT” dove è possibile visualizzare tutti gli oggetti presenti nel progetto.

Interfaccia ambiente 4D-GANTT

In maniera molto semplice e intuitiva possiamo creare la nostra struttura del GANTT aggiungendo un’attività e definendone un titolo (possiamo definire una data di inizio o una durata).

La realizzazione del GANTT avviene attraverso la costruzione di una WBS (Work Breakdown Structure), grazie alla quale è possibile scomporre il progetto in parti elementari (periodi) e collegarli agli oggetti del modello attraverso la funzione del Drag&Drop.

Possiamo associare oggetti dello stesso gruppo, collegare un singolo oggetto o oggetti appartenenti a tipologie differenti.

Per agevolare e velocizzare il lavoro, è possibile selezionare gli oggetti anche dalla vista 3D. In questo modo dal “toolbox strumenti GANTT” visualizziamo gli oggetti selezionati nel 3D e sempre con un Drag&Drop è possibile associarli al GANTT.

Ambiente 4D-Gantt: WBS e Modello 3D

Infine, avviando la Timeline del GANTT visualizziamo l’evoluzione del progetto, dalla fase di cantiere all’opera conclusa.

Per un miglior impatto visivo possiamo visualizzare la Timeline del progetto anche attraverso la vista “Real Time Rendering”.

Ambiente 4D-Gantt: vista del modello “animato” nell’RTBIM

Di seguito un video sulle nuove funzioni 4D GANTT di Edificius

Clicca qui per conoscere Edificius, il software di progettazione architettonica BIM

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *