BIM Canada, la comunità tecnica è pronta; le istituzioni no

Il Canada negli ultimi anni ha fatto progressi notevoli nella diffusione del BIM, grazie alla comunità dei tecnici. Mancano ancora piani operativi e strategie statali

Il Canada sta facendo uno sforzo notevole negli ultimi anni, non solo per l’adozione del BIM nel settore dell’AEC (Architecture Engineering Construction), ma anche per l’approvazione di un’apposita normativa tecnica e l’introduzione di strumenti digitali.

Le statistiche mostrano come il design, le costruzioni ed il settore immobiliare siano strategici per il Canada. Le sole costruzioni rappresentano il 7%  del prodotto interno lordo (PIL) del paese ed il 7 % dell’occupazione, muovendo capitali per oltre 290 miliardi di dollari ogni anno.

La comunità canadese di architettura, ingegneria, costruzione, proprietari e operatori (AECOO) è già pronta per il cambiamento verso il digitale nelle costruzioni; le istituzioni non ancora.

L’assenza di politiche governative

Il Building Infomation Modeling si sta  sviluppando velocemente in Canada; studi recenti hanno dimostrato che:

  • il 31% delle imprese canadesi sta già utilizzando BIM in maniera continuativa
  • il 29% sta lavorando con approcci integrati (BIM e sistemi tradizionali)
  • solo il 21% lavora unicamente con metodi tradizionali

I dati sembrano molto incoraggianti, ma va sottolineato ancora una volta che non esiste una politica istituzionale sul BIM e tanto meno obblighi normativi per il suo uso nei lavori pubblici. Ad oggi ci sono poche grandi iniziative pubbliche nel Paese:

  • Progetto pilota Royal Alberta Museum, promosso da Alberta Infrastruttura
  • Diversi piccoli progetti pilota, creati dalle infrastrutture Quebec Society
  • Progetto di IPD Ospedale , dal Governo del Saskatchewan

Royal Alberta Museum – rendering

Sebbene molti paesi in tutto il mondo abbiano elaborato politiche pubbliche rivolte all’implementazione del processo collaborativo BIM, gli enti pubblici canadesi sono notevolmente indietro. 

Le conseguenze di non avere una chiara strategia statale, sono molteplici:

  • lo status quo ha un costo. C’è un’enorme opportunità sprecata a causa di pratiche inefficienti. Ciò rappresenta miliardi di dollari persi ogni anno.
  • la limitazione delle politiche ambientali rivolte a rendere il settore delle costruzioni maggiormente sostenibile ed il cattivo utilizzo delle risorse durante la costruzione influiscono negativamente sul nostro ambiente. Ciò è particolarmente importante alla luce dell’impegno del Canada a ridurre le sue emissioni di gas serra in linea l’accordo di Parigi.
  • il Canada rischia di perdere la sua posizione in termini di innovazione e competitività su scala nazionale e internazionale in uno dei suoi settori industriali più importanti. Mentre altri paesi stanno investendo nel sostenere la ricerca, lo sviluppo e promuovere l’innovazione, il Canada mostra un supporto molto limitato per questo settore.

Il Canada ha bisogno, secondo gli operatori del settore, di sviluppare 3 punti chiave per avere un significativo cambiamento nelle costruzioni:

  • una strategia BIM nazionale
  • standard “aperti” specifici
  • un mandato BIM che introduca obblighi normativi

Alcune organizzazioni pubbliche e private, tra cui università, ministeri, rappresentanti delle imprese di costruzioni e delle professioni tecniche stanno iniziando a collaborare per raggiungere questi 3 obiettivi.

 

Building SMART- Canada & l’Institute for BIM in Canada (IBC)

Building SMART il Canada ha iniziato la sua attività nel 2004, quando collaborò per la prima volta nella creazione del Data Dictionary at buildingSMART, sviluppato grazie anche a buildingSMART international, ed oggi lavora alacremente per la promozione del BIM nel Paese.

Con l’adesione a buildingSMART – Canada, le persone entrano a far parte di una comunità sempre in crescita, che promuove l’eccellenza del settore attraverso l’impiego di pratiche collaborative tipiche del BIM, sia in Canada sia in tutto il mondo.

I membri possono partecipare allo sviluppo di standard, protocolli e programmi attraverso gruppi di lavoro incentrati su specifici aspetti, necessari per il raggiungimento degli obiettivi nazionali. sul portale è inoltre attivo un forum che permette di monitorare e condividere “best pratices” (pagina del forum di bildingSMART Canada).

Building SMART- Canada è entrata a far parte, insieme ad altre associazioni del settore, dell’ IBC  l’Istituto del BIM in Canada, che nel 2010 si è posto come missione quella di guidare e  coordinare l’uso del Building Information Modelling nella progettazione, nella costruzione e  nella gestione nell’edilizia canadese.

IBC è un comitato che riunisce, per la prima volta, tutte le associazioni professionali, le maggiori imprese ed istituzioni del paese, tra i principali ricordiamo:

  • Architecture Canada (RAIC)
  • Association of Consulting Engineers – Canada (ACEC)
  • Canadian Construction Association (CCA)
  • Construction Specifications Canada (CSC)
  • Owner representatives from DND and DCC

Secondo Susan Keenliside, presidente di buildingSMART- Canada, per promuovere efficacemente l’adozione del BIM bisogna seguire 6 punti prefissati.

1) COINVOLGERE

Obiettivi:

  • Il coinvolgimento e l’impegno da parte delle istituzioni governative e del mondo accademico, è fondamentale per la promozione degli standard BIM in Canada.
  • Avere un ampio supporto dell’industria, dei settori privati ​​e dell’opinione pubblica, attraverso la promozione di progetti pilota e delle migliori pratiche apprese.

2) SVILUPPARE

 

Obiettivi :

  • Creare e e promuovere una strategia nazionale BIM
  • Creare standard nazionali BIM
  • Sviluppare linee guida BIM (manuali di pratica, toolkit, ecc.)
  • Sviluppare piattaforme software unificate
  • Creare definizioni, protocolli, progetti pilota e “best pratices

3) EDUCARE

Obiettivi :

  • Creare programmi di formazione accademico/professionale per implementare le capacità dei tecnici
  • Avere standard educativi definiti e accertati
  • Creare percorsi educativi integrati e multi disciplinari
  • Avere un processo di certificazione e accreditamento per gli utenti, solido e riconosciuto a livello internazionale
  • Fornire l’accreditamento ed il supporto necessario alle istituzioni

4) DISTRIBUIRE

Obiettivi :

  • Ampliare la domanda nell’uso del BIM nel settore e tra i committenti pubblici/privati
  • Implementare e migliorare continuamente strategie di comunicazione e promozione
  • Sviluppare un linguaggio contrattuale standardizzato con il supporto legale specifico
  • Sviluppare e adottare contratti standardizzati
  • Standardizzare dati e file, per facilitarne la trasmissione e l’apertura tra i diversi operatori

5) MONITORARE  &  MISURARE

Obiettivi :

  • Misurare e valutare l’impatto del BIM nell’edilizia, per comprenderne i cambiamenti
  • Promuovere processi di misurazione digitali standard
  • Monitorare progetti e pratiche già in atto
  • Comprendere i punti di debolezza del settore

6) SOSTENERE

Obiettivi :

  • Avere continuità nel monitoraggio e nella continua implementazione del settore
  • Documentare e promuovere storie di successo dei casi studio canadesi
  • Allineare e mantenere standard/linee guida internazionali
  • Stabilire partnership tra mondo accademico e industria per incoraggiare la creazione di conoscenza e l’innovazione

 

Clicca qui per conoscere Edificius il software ACCA per la progettazione architettonica BIM

 


Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo del BIM?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *