Il BIM e l’importanza della piattaforma collaborativa

La piattaforma collaborativa consente ai progettisti di lavorare in maniera sicura su uno stesso progetto, anche contemporaneamente. Ecco perché, nell’ottica BIM, è indispensabile adottarla in tutti gli studi di progettazione

Troppo spesso si guarda al BIM soltanto come a uno strumento digitale innovativo, quando invece il suo principale valore, oltre a richiedere una visione fondata sulla produzione e gestione integrata di un numero crescente di dati, contribuisce a condividere un approccio manageriale.

Il BIM è un ‘contenitore di informazioni sull’edificio’ dove inserire dati grafici e specifiche sugli attributi tecnici anche relativi al ciclo di vita previsto. Gli elementi che rappresentano il fabbricato possiedono tutte le caratteristiche, fisiche e logiche, delle loro controparti reali: quindi si tratta di elementi intelligenti che costituiscono il prototipo digitale degli elementi fisici (muri, pilastri, porte, finestre, scale, ecc.) che ci permettono di simulare l’edificio ed il suo comportamento al computer, prima di iniziarne la costruzione.

Quando si parla di BIM si parte da un modello tridimensionale che racchiude informazioni riguardanti dimensioni, materiale, aspetto, caratteristiche tecniche che non vengono perse nella comunicazione tra differenti piattaforme informatiche (progettisti).

Il metodo diventa collaborativo in quanto consente di integrare in un unico modello le informazioni utili in ogni fase della progettazione: da quella architettonica a quella strutturale, da quella impiantistica a quella energetica e gestionale.

Operare con il BIM offre al progettista numerosi vantaggi, ad iniziare dalla consapevolezza dell’importanza di concepire il processo di progettazione e di costruzione in una dimensione più ampia, dove la sistematizzazione di tutto ciò che viene analizzato precedentemente al progetto e ai processi produttivi interni diventa un elemento fondamentale da cui dipende tutto il processo successivo.

MAGGIORE MINORE
Precisione ed efficienza Interferenza – strutture/impianti
Interoperabilità Errore in fase esecutiva
Produttività Costo di costruzione
Controllo Inoperatività

Grazie al BIM cresce la percezione dell’importanza della collaborazione e del lavoro in team, rafforzando percorsi organizzativi e migliorando notevolmente i risultati attraverso una più adeguata organizzazione rispetto alle richieste delle committenze.

 

piattaforma collaborativa

Il BIM rappresenta una piccola rivoluzione nella modalità operativa di una società di ingegneria, ma non solo … anche per tutti quelli che comunque sono toccati dall’esigenza di adottare un sistema BIM, perché obbliga soggetti diversi, di cultura diversa, di estrazione sociale diversa, a dover cooperare nell’ambito della legislazione di un progetto mettendo tutte le loro competenze e conoscenze all’interno di questo strumento che ne è il contenitore e l’integratore.

Nessuno può, da solo, pensare di essere protagonista di opere importanti se non è dotato di una struttura di supporto in cui il BIM svolge un ruolo centrale.

Lavorare con metodologia BIM, infatti, significa utilizzare la tecnologia per integrare al meglio le diverse professionalità che intervengono sull’opera in itinere, consentendo un proficuo interscambio di conoscenze, un puntuale aggiornamento in tempo reale delle informazioni a disposizione, con la conseguenza di ridurre drasticamente gli errori e ottenendo un miglioramento globale.

Questa collaborazione tra i settori e tra le persone coinvolte in un progetto di costruzione non è possibile senza l’accesso libero a tutti i dati essenziali memorizzati in un BIM.

Da qui la necessità di strumenti idonei, piattaforme collaborative che si fondino su sistemi aperti.

Una piattaforma collaborativa BIM deve essere in grado di supportare i professionisti dell’architettura, dell’ingegneria, e più in generale del mondo della costruzione, per creare e gestire correttamente i modelli BIM, sotto ogni aspetto specialistico.

Affinché se ne comprenda l’utilità è anche necessario che tale piattaforma collaborativa BIM sia facile da utilizzare e perciò accessibile a tutti.

Significativa in questo senso è l’ultima produzione di ACCA, la software house italiana che vanta il maggior numero di software BIM certificati IFC al mondo.

usBIM-platform ONE è la piattaforma collaborativa BIM studiata appositamente per attuare il processo BIM anche in piccoli progetti e in organizzazioni di dimensioni ridotte, la soluzione per la gestione e la condivisione dei dati che risponde alle nuove norme e implementa le più avanzate tecnologie.

piattaforma collaborativa - infografica

Non un semplice cloud!

Con usBIM.platform ON il tecnico:

  • progetta con metodologia e tecnologia BIM secondo le indicazioni del Codice degli Appalti (d.lgs 50/2016), del decreto BIM (dm 560/2017), delle norme UNI 11337 e PAS
  • gestisce ed organizza i dati in cloud nel rispetto del codice di condotta CISPE, del GDPR e delle indicazioni europee in materia di privacy
  • invita altri tecnici sul proprio spazio di lavoro assegnando ruoli e permessi di accesso
  • lavora on line, da browser, senza software stand alone, da dispositivi mobile e desktop
  • salva sulla piattaforma i file prodotti con qualsiasi software
  • crea e gestisce il modello BIM con modelli 3D, documenti e dati
  • visualizza direttamente file in formato IFC, DWG, DXF, OBJ, SKP, 3DS, RVT, ecc.
  • gestisce il computo dal web con collaborative working
  • gestisce piani di sicurezza dal web con collaborative working
  • salva i file degli elaborati direttamente dai software ACCA (Edificius, PriMus, CerTus, EdiLus, TerMus, ecc.)
  • ha traccia delle azioni compiute sul modello BIM e le revisioni dei documenti condivisi
  • dispone di funzioni di backup automatico dei dati e disaster recovery
  • organizza i documenti e i dati del modello digitale (#TagBIM)
  • può integrare code checking, clash detection e BIM 4D
  • integra con documentazione aggiuntiva il modello digitale
  • naviga da browser il modello BIM con le informazioni e i dati condivisi nell’ACDat
  • gestisce, visualizza e modifica il modello BIM in formato IFC senza alcun software di Authoring BIM a pagamento

 

piattaforma collaborativa

usBIM.platform ONE sarà presentato in anteprima nazionale al prossimo SAIE (Bologna, 17-20 ottobre 2018).

 

Clicca qui per richiedere il biglietto omaggio SAIE 2018

 

 

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo del BIM?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *