Il BIM nel Mondo: come il Building Information Modeling sta rivoluzionando il settore AEC

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa / Salva PDF

IL BIM è oggi riconosciuto come uno strumento fondamentale per il rilancio dell’economia globale: è per questo che in molti Paesi sono stati avviati processi di digitalizzazione del settore AEC

Il BIM viene oggi riconosciuto come strumento centrale nelle politiche nazionali globali dedicate allo sviluppo infrastrutturale ed edilizio di ogni Paese: facciamo quindi il punto della diffusione del BIM nel mondo, con riferimento ai maggiori Paesi dei 5 continenti.

Ecco un’analisi delle politiche, degli strumenti e degli organismi che in vari Paesi stanno rapidamente implementando i processi di digitalizzazione del settore AEC, grazie all’innegabile valore strategico del BIM.

Cosa è il BIM

BIM è l’acronimo di “Building Information Modeling” con cui intendiamo una metodologia (non un semplice strumento software, dunque) che consente di generare un modello virtuale del costruito in grado di contenere tutte le informazioni ad esso relative (architettoniche, strutturali, impiantistiche, di efficientamento energetico, ecc.); informazioni che non attengono solo la fase di progetto, ma l’intero ciclo di vita della costruzione.

I  vantaggi del BIM

Ormai da anni appare chiaro che i processi costruttivi di tipo tradizionale sono insostenibili a causa della loro inefficienza dovuta ad esempio:

  • alla perdita di parte delle conoscenze accumulate ad ogni passaggio;
  • alla presenza di informazioni talora ridondanti o errate;
  • alla frequenti rilavorazioni causate da mancate condivisione di scelte progettuali o carenze da parte della committenza;
  • alla aumento incontrollato dei tempi e dei costi;
  • alla difficile comunicazione tra i vari attori.

Criticità che grazie al BIM possono essere superate: è questo il motivo per cui tale potente strumento viene ritenuto fondamentale per un rilancio, in chiave digitale e sostenibile, del settore AEC di vari Paesi.

Il BIM nel Mondo

Analizziamo lo stato di diffusione del Building Information Modeling in alcuni Paesi: alcuni di essi sono all’avanguardia (Regno Unito, Paesi scandinavi), altri si stanno approcciando al BIM in maniera graduale ma decisa (come l’Australia ed il Canada).

Il BIM in Nord America

Nel Nord America, ed in particolare negli USA, il BIM è nato, è stato sperimentato e collaudato, si è affermato, diffondendosi globalmente. Tuttavia negli Stati Uniti, dopo una prima fase di implementazione, a causa della forte frammentazione tra Enti federali ed i singoli stati federati, il processo di trasformazione del settore AEC ha perso slancio.

Oggi la digitalizzazione dei processi costruttivi negli Stati Uniti ha di nuovo preso vigore grazie a 2 aspetti fondamentali, che hanno permesso i maggiori progressi della produttività del mondo delle costruzioni americane: standardizzazione e collaborazione.

In Canada sono notevoli gli sforzi compiuti negli ultimi anni non solo per favorire l’adozione del BIM nel settore dell’AEC (Architecture Engineering Construction), ma anche e soprattutto per l’approvare mirate politiche nazionali.

Mentre la comunità canadese di tecnici ed imprese del settore AEC è già pronta al cambiamento verso il digitale nelle costruzioni, le istituzioni non lo sono ancora, non avendo una politica istituzionale sul BIM e tanto meno obblighi normativi per il suo uso nei lavori pubblici. Le imprese ed i tecnici canadesi si stanno così auto organizzando, permettendo la diffusione di progetti pilota innovativi ed all’avanguardia.

Il BIM negli Stati Uniti

Scopri di più sullo stato del BIM negli Stati Uniti nel seguente articolo.

Il BIM in Canada

Scopri di più sullo stato del BIM in Canada nel seguente articolo.

Il BIM in Sud America

Nei Paesi latino-americani i processi di digitalizzazione del settore AEC sono partiti in ritardo rispetto ai Paesi europei o nord americani; tuttavia il loro vigore e lo slancio verso l’obiettivo ne sta consentendo la rapida diffusione.

Nel giugno del 2017 in Brasile è stato istituito il Comitato strategico per l’implementazione del BIM (CE-BIM) e un Gruppo di Appoggio Tecnico (CAT-BIM) con 6 gruppi ad hoc che trattano temi specifici. La strategia BIM BR è organizzata in finalità, obiettivi, azioni, indicatori e mete secondo un preciso schema logico.

Lo scorso 9 settembre 2019 è stato pubblicato in Perù, nella Gazzetta ufficiale “El Peruano”, il decreto contenente le disposizioni per la progressiva integrazione del BIM nei progetti pubblici.

Il decreto, elaborato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF), mira a ridurre i sovra-costi ed i ritardi nell’esecuzione delle infrastrutture pubbliche, a renderne più efficienti il ​​funzionamento e la manutenzione, nonché a promuovere la trasparenza nei processi di investimento pubblico: il primo passo verso una strategia nazionale denominato Piano BIM Perù.

Anche se in ritardo rispetto altri Paesi, l’Argentina ha adottato ad agosto 2019 un piano che porterà dal 2025 all’adozione del BIM per tutti i lavori pubblici. Lo scopo di questo piano è quello di sviluppare un insieme ordinato di principi, linee guida e procedure per regolare e stabilire una metodologia di lavoro per i settori di opere pubbliche interessati all’implementazione dei processi BIM.

Il BIM in Argentina

Scopri di più sullo stato del BIM in Argentina nel seguente articolo.

Il BIM in Brasile

Scopri di più sullo stato del BIM in Brasile nel seguente articolo.

Il BIM in Perù

Scopri di più sullo stato del BIM in Perù nel seguente articolo.

bim perù

Il BIM in Australia

In Australia le autorità hanno seguito con interesse i progressi inglesi nella digitalizzazione delle costruzioni, introducendo il BIM gradualmente anche in Oceania: è così che oggi sono nel pieno dello sviluppo del settore.

Le esperienze assimilate dal Regno Unito hanno evidenziato l’opportunità di agire adottando un approccio nazionale organico, coinvolgendo industrie, Enti locali ed Università.

Proprio come il successo di un progetto BIM deriva da un’efficace collaborazione tra professionisti dell’edilizia, lo stesso vale per il successo delle politiche nazionali australiane che hanno bisogno di collaborazione tra i vari stakeholder istituzionali e privati: è questa la ricetta inglese appresa.

Scopri di più sullo stato del BIM in Australia nel seguente articolo.Australia - BIM nel mondo

Il BIM in Asia

L’analisi della diffusione del BIM nel mondo non può prescindere dal continente asiatico, nel pieno dello sviluppo digitale ed economico.

Nel continente asiatico la Cina è sicuramente il Paese che ha maggiore familiarità con il BIM, avendo anche il maggior tasso di crescita e diffusione di tale metodologia: infatti a partire dal 2016 si è registrata in Cina una crescita esponenziale nel grado di utilizzo del BIM da parte di architetti e soprattutto impresari cinesi.

Dal 2016 ad oggi il numero di architetti che hanno iniziato ad utilizzare il BIM per una parte dei loro progetti è salito dell’89%, e addirittura del 108% fra le imprese. Un livello di crescita che dimostra chiaramente l’elevato valore aggiunto attribuito a questo strumento.

In contrapposizione la Turchia.

In un sondaggio pubblicato a dicembre 2018 viene fatto il punto della situazione; da tale documento appare chiaro come vi siano molti ostacoli da superare per la digitalizzazione delle costruzioni, soprattutto a causa del generale disinteresse delle Istituzioni e delle Università.

La Russia (il più grande stato trascontinentale al mondo) sta cercando di diventare uno tra i Paesi leader nell’utilizzo del BIM nel mondo delle costruzioni, con l’obiettivo di esportare le proprie competenze in tutto il mondo.

Secondo il rapporto intitolato “Mercato dei modelli di informazione sull’edilizia BIM- Opportunità e previsioni per il 2022” il mercato BIM raggiungerà 11,7 miliardi di dollari entro il 2022, con un tasso di crescita annuale del +21,6%.

In particolare la domanda di servizi BIM nell’Asia e nei paesi caucasici è prevista in grande crescita, grazie alle attività di costruzione in costante espansione; un mercato che la Russia non vuole perdere (anche per questo la inseriamo nel paragrafo relativo all’Asia).

Il BIM in Cina

Scopri di più sullo stato del BIM in Cina  nel seguente articolo.

Cina - BIM nel mondo

Il BIM in Russia

Scopri di più sullo stato del BIM in Russia nel seguente articolo.

bim russia - BIM nel mondo

Il BIM in Turchia

Scopri di più sullo stato del BIM in Turchia nel seguente articolo.

Il BIM in Europa

Il Vecchio continente vanta sicuramente il più alto numero di politiche e best pratices sul BIM, grazie ad un’apertura maggiore verso le politiche di rinnovamento del settore AEC.

I Governi europei (primo fra tutti il Regno Unito ed i Paesi scandinavi) hanno già da molti anni compreso che l’unica strada per rendere il settore delle costruzioni più efficiente, limitando al minimo gli sprechi in termini di tempi e costi, è quello di incentivare la trasformazione verso il digitale dei processi costruttivi.

Sin dal dopoguerra il Governo Inglese si è posto il problema di come utilizzare le tecnologie informatiche nel settore delle costruzioni per sfruttarne gli evidenti vantaggi.

I progressi della rivoluzione digitale inglese trovano un esempio emblematico nell’obbligo, introdotto sin dal 2011, di utilizzare modelli BIM per qualsiasi progetto pubblico e nelle grandi infrastrutture: ciò ha posto il Regno Unito al primo posto in Europa per lo sviluppo delle costruzioni.

In Francia il Piano di transizione digitale dell’edilizia (Plan Transition Numérique dans le Bâtiment) promosso dal governo francese, si pone come obiettivo il 2022 per la completa diffusione delle strategie BIM nella progettazione/gestione delle opere pubbliche, nelle grandi infrastrutture, nonché nell’edilizia privata.

Nel 2015 la Germania ha iniziato a ispirarsi all’esempio del Regno Unito.

Le politiche statali tedesche hanno preso forma con l’approvazione del piano per le costruzioni digitali in cui viene sottolineata l’importanza di un’accurata pianificazione e  della digitalizzazione dei processi, come passo obbligato per sviluppare il settore. Successivamente è stato annunciato ufficialmente che l’uso del BIM sarà obbligatorio per tutti i progetti di trasporto ed infrastrutture tedeschi entro la fine del 2020.

Il BIM nel Regno Unito

Scopri di più sullo stato del BIM in UK nel seguente articolo.

Il BIM in Francia

Scopri di più sullo stato del BIM in Francia nel seguente articolo.

Il Bim in Germania

Scopri di più sullo stato del BIM in Germania nel seguente articolo.

 

A differenza di molti altri Paesi nel mondo, i Paesi scandinavi si coordinano l’un l’altro sviluppando organizzazioni e piattaforme comuni.

buildingSMART Nordic, ad esempio, è un’organizzazione no-profit comune a più Paesi, membro di buildingSMART International, composta da rappresentanze di Finlandia, Svezia, Danimarca e Norvegia.

In Finlandia l’uso del BIM è oramai consolidato; già dal 2001 l’azienda governativa Senate Properties, che è responsabile del patrimonio pubblico immobiliare, ha iniziato a promuovere i progetti con il BIM.

In Svezia la Swedish Standards Institute (SIS) ha fin dal 1991 pubblicato una serie di guide per la promozione del BIM nel Paese, mentre dal 2014 la BIM Alliance Sweden ha riunito i principali enti e attori, sia pubblici che privati, con lo scopo di trovare maggiori risorse a supporto dell’innovazione delle costruzioni.

L’elemento chiave della strategia spagnola sul BIM è la collaborazione tra i diversi attori di tutti i settori coinvolti monitorando il processo per mezzo del Ministero dello Sviluppo. Esso ha creato, attraverso la commissione BIM, il progetto es.BIM con il fine di accelerarne la diffusione del BIM in Spagna.

Un rapporto di es.BIM mostra che nel primo trimestre del 2018 i dati mostrano un aumento del 700%  di bandi pubblici che si basano su metodologie BIM rispetto al primo trimestre del 2017. Si può quindi affermare che la tendenza ad includere l’uso di protocolli BIM nei bandi pubblici è crescente e costante, visto che questi dati confermano una crescita già avutasi prima del 2017.

Il BIM nei Paesi Scandinavi

Scopri di più sullo stato del BIM in Scandinavia nel seguente articolo.

Scandinavia - BIM nel mondo

Il BIM in Spagna

Scopri di più sullo stato del BIM in Spagna nel seguente articolo.

 

edificius
edificius