Carbon neutral, come azzerare le emissioni di carbonio

Ecco come l’Opera House di Sydney è diventata edificio carbon neutral, azzerando il bilancio tra emissioni e compensazioni di anidride carbonica: il contributo del BIM e del BMCS

Il capolavoro dell’architetto danese Jorn Utzon, edificio simbolo dell’Australia, pietra miliare dell’architettura del XX secolo, riconosciuto come patrimonio dell’umanità dall’Unesco, azzera le proprie emissioni di anidride carbonica diventando ‘carbon neutral‘.

Se fino ad oggi l’Opera House di Sydney è stata celebrata soprattutto per le sue caratteristiche architettoniche e come simbolo del connubio tra design e ingegneria, a 45 anni dalla sua inaugurazione celebra un altro evento significativo: il 24 settembre 2018 è stata premiata dall’Australian Government’s National Carbon Offset Standard (NCOS) per i risultati raggiunti nella riduzione delle emissioni di carbonio, con ben cinque anni di anticipo rispetto a quanto programmato.

Cosa significa ‘carbon neutral’?

Letteralmente ‘carbon neutral’ significa ‘zero emissioni’: in sostanza definisce una situazione in cui il saldo di emissioni di CO2 rilasciate nell’atmosfera è minore o uguale a zero.

La produzione in eccesso di anidride carbonica (CO2) comporta danni ambientali in quanto mette in pericolo l’esistenza dell’ozono, uno strato gassoso presente nell’atmosfera che protegge la terra dall’azione nociva dei raggi ultravioletti UV-C provenienti dal sole. Altro effetto della presenza in eccesso di anidride carbonica è il surriscaldamento climatico: durante il giorno la superficie terrestre accumula il calore irraggiato dal sole. Nelle ore notturne il calore viene disperso nello spazio. L’eccessiva concentrazione di anidride nell’aria forma invece, una sorta di cappa che impedisce l’espulsione del calore assorbito dalla terra nelle ore diurne.

Le emissioni di CO2 in eccesso sono una conseguenza dell’attività industriale tipica dei paesi sviluppati: per produrre energia le industrie ricorrono alla combustione dei combustibili fossili (carbone, petrolio). Anche la deforestazione incontrollata è pericolosa per il nostro ecosistema in quanto gli alberi assorbono anidride carbonica e rilasciano nell’atmosfera ossigeno.

Tipicamente la carbon neutrality viene raggiunta tramite riduzioni nelle emissioni di CO2 combinate con l’utilizzo estensivo di energie rinnovabili. Cioè la certificazione a emissioni zero si ottiene quando un’organizzazione o un edificio riducono il più possibile le proprie emissioni creando efficienze o generando energia rinnovabile.

carbon neutral

Sydney Opera House certificata a emissioni zero

Il processo per l’azzeramento del bilancio delle emissioni di carbonio, lanciato nel 2013, si è concentrato principalmente su due fronti: consumi elettrici e rifiuti.

Dal punto di vista energetico l’Opera House ha ridotto i consumi del 75%, mediante interventi volti alla sostituzione delle lampadine incandescenti della sala concerti con lampade led; le minori temperature di esercizio hanno consentito inoltre di impegnare meno l’impianto di climatizzazione, riducendo di circa 450 tonnellate l’anidride carbonica immessa ogni anno nell’atmosfera.

In ambito strettamente energetico, nel 2017 si è intervenuti in modo diretto anche sull’impianto di riscaldamento e raffrescamento: sono infatti state sostituite le vecchie unità di trattamento aria la cui migliore efficienza ha permesso di ridurre i consumi energetici del 9%.

Sistemi BIM e BMCS (Building Management Control System) si sono rilevati indispensabili per il controllo dell’edificio e del processo e la verifica dei suoi risultati nel tempo.

Nel 2016 è stato introdotto un nuovo programma di trattamento dei rifiuti non organici che ha permesso di riciclare maggiori tipologie di materiali, che si oggi si sono allargate anche ai telefonini cellulari, ai tubi fluorescenti, a toner e batterie esausti. Anche i rifiuti organici sono sottoposti a un trattamento di recupero che li trasforma in energia.

È stato inoltre definito un programma di informazione e buone pratiche per tutto lo staff e i lavoratori per la gestione dei rifiuti, misura necessaria per ottenere i risultati sperati.

Nella gestione dei rifiuti è stata incrementata dal 25% al 60% la quantità di quelli riciclati.

carbon neutral

Per raggiungere la neutralità nel bilancio delle emissioni di anidride carbonica sono state necessarie anche azioni passive, come l’aumento delle possibilità naturali del loro assorbimento. A questo scopo sono state piantumate nella vicina Campbelltown 300 alberi di essenze native che avranno anche un ruolo positivo e naturale nella rigenerazione del territorio.

Dopo il raggiungimento di questi importanti risultati, il cammino verso una sostenibilità ancora maggiore tuttavia prosegue: l’obiettivo è quello di raggiungere entro il 2023 la riduzione del 20% dei consumi energetici, il recupero dell’85% dei rifiuti e il raggiungimento delle 5 stelle (oggi sono 4) del Green Star Performance Rating del GBCA (Green Building Council of Australia).

 

Clicca qui per scoprire Edificius, il software per la progettazione architettonica BIM

 

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo del BIM?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *