Case a ballatoio: progetti famosi da scaricare

WoZoCo Apartments ed altre case a ballatoio: progetti con caratteristiche tecniche, immagini, dwg e modelli 3D BIM da navigare online

Continuiamo il nostro Focus sui progetti di case a ballatoio.

Nei primi articoli di questo nostro approfondimento ci siamo occupati delle case a schiera. Dallo scorso Focus, invece, abbiamo iniziato a parlare di quest’altra tipologia edilizia residenziale, tipologia che in questi ultimi anni è stata notevolmente rivalutata.

In questo articolo vedremo le caratteristiche che contraddistinguono le case di ringhiera e le descriveremo attraverso alcuni progetti famosi: di questi avremo a disposizione per il download piante, prospetti, sezioni in formato DWG, ed il modello 3D che ci consentirà di ‘entrare nel progetto’ grazie alla navigazione online.


Leggi gli approfondimenti dedicati alle case a schiera

Leggi il primo articolo dedicato alle case di ringhiera (o a ballatoio)

In questo articolo

 

Prima di iniziare ecco subito disponibili per il download i modelli 3D BIM di alcuni progetti che abbiamo realizzato: il primo si ispira ad un progetto realizzato nel 2011 a Roma mentre l’altro, particolare e molto famoso, si ispira al progetto di casa di ringhiera WoZoCo Apartments ad Amsterdam.

Download modello 3D BIM

Case-a-ballatoio-progetto-ispirato-a-Ripa-di-Pineta-rendering-realizzato-con-Edificius

Case a ballatoio, progetto ispirato a Ripa di Pineta – rendering realizzato con Edificius

 

Scarica il modello 3D BIM (file .edf) ispirato al progetto di casa di ringhiera a Ripa di Pineta

 

Case-a-ballatoio-progetto-ispirato-a-Wozoco-rendering-realizzato-con-Edificius

Case a ballatoio, progetto ispirato a Wozoco – rendering realizzato con Edificius

 

Scarica il modello 3D BIM (file .edf) ispirato al progetto di case a ballatoio a WoZoCo

 

Clicca qui per scaricare Edificius, il software per la progettazione architettonica BIM

Case a ballatoio: le caratteristiche dell’edificio e dell’alloggio.

Parlare delle caratteristiche della casa di ringhiera ci porta necessariamente a considerare le caratteristiche delle ‘parti’ che la costituiscono:

  • l’edificio
  • le singole unità abitative

↑Torna all’indice

Edificio

L’edificio a ballatoio è una struttura pluripiano e multifamiliare, la cui altezza, così come la sua lunghezza, è teoricamente illimitata.

Lo spessore del corpo di fabbrica è variabile: mediamente 8-10 metri.

L’altezza, la volumetria (cubatura) e l’impronta a terra (superficie coperta) dell’edificio dipendono invece dalle norme urbanistiche e dalle scelte che il progettista opera nel tenere conto di dette norme. La lunghezza dipende dal numero di alloggi (o cellule) che sono aggregate al singolo piano.

case-a-ballatoio-a-Ripa-di-Pineta-pianta-piano-terra

case a ballatoio a Ripa di Pineta – pianta piano terra

 

pianta-primo-piano

pianta primo piano

pianta-secondo-piano

pianta secondo piano

pianta-terzo-piano

pianta terzo piano

pianta-quarto-piano

pianta quarto piano

 

Scarica tutti i DWG in formato .zip delle piante del progetto

Rispetto al corpo di fabbrica la posizione della scala è variabile, e può essere:

  • interna, ossia tra i singoli alloggi;
  • in testata, quindi parallela o perpendicolare al corpo di fabbrica;
  • esterna, cioè parallela o perpendicolare al ballatoio.

Il numero delle scale necessarie dipende dalla lunghezza del ballatoio (per ragioni di sicurezza).

Le scale, così come il ballatoio, possono essere chiuse (con infissi) oppure aperte. Entrambi devono consentire il passaggio di almeno 2 persone contemporaneamente: pertanto dovranno avere un’ampiezza minima di 0,60 cm x 2.

In ragione del suo rapporto con il lotto di insistenza possiamo classificare l’edificio:

  • al centro del lotto, parallelo al lato lungo
  • al centro del lotto, ruotato (secondo l’asse eliotermico o seguendo altri criteri)
  • al centro del lotto perpendicolare al lato lungo
  • sul fronte strada con il lato lungo
  • sul fronte strada con il lato corto e con il lato lungo perpendicolare al fronte strada

Il rapporto dell’edificio con il lotto indirizza le soluzioni possibili per il progetto della parte del lotto non occupata dall’edificio (verde, verde attrezzato, parcheggio, percorsi pedonali, ecc.)

Nel posizionare l’edificio rispetto al lotto è bene tenere conto dell’esposizione.

prospetto-1

prospetto 1

prospetto-2

prospetto 2

 

Scarica tutti i DWG in formato .zip dei prospetti del progetto

 

Alloggio

L’alloggio (o cellula) è delimitata da 4 lati, 2 a 2 paralleli: 2 lati ciechi (entrambi adiacenti alle cellule contigue), 1 lato aperto (con possibilità di affaccio), 1 lato sul ballatoio (con limitate possibilità di affaccio a causa dell’introspezione).

L’alloggio tipo è, così come già visto a proposito delle case a schiera, quella intermedia e non quella di testata, così come analoghi a quelli delle case a schiera possono essere i criteri di aggregazione fra gli alloggi (accostamento e ribaltamento).

Generalmente in corrispondenza del ballatoio sono previsti ambienti di servizio (cucina e/o servizi igienici) con infissi impostati al di sopra di metri 1,80 per evitare l’introspezione.

La superficie del singolo alloggio è variabile; il singolo edificio può contenere sia alloggi tutti uguali che tutti diversi tra loro.

Tipologicamente possiamo trovare sia cellule simplex (ossia a 1 piano) che cellule duplex; in questo secondo caso il ballatoio sarà presente ogni 2 o 4 piani. Ciò consente di avere al livello superiore (dove non troviamo il ballatoio) un doppio affaccio libero senza problemi di introspezione.

 

Residenza-Ripa-di-Pineta-sezione-C-C

Residenza Ripa di Pineta-sezione C-C

 

Scarica tutti i DWG in formato .zip delle sezioni del progetto

 

↑Torna all’indice

Progetti di case a ballatoio o a ringhiera

 

 

WoZoCo’s Apartments ad Amsterdam – 1994/1997

Verso la metà degli anni Novanta appare evidente che il carattere della Città Giardino di Amsterdam Ovest, costruita negli anni ’50 e ’60, inizia a scontrarsi con il massiccio incremento della densità della popolazione che minaccia i suoi spazi verdi, da sempre la qualità più importante della città.

In linea con questa problematica viene proposta allo studio MVRDV la costruzione nel quartiere Osdorp di un blocco di 100 appartamenti per persone di età superiore ai 55 anni.

case-a-ballatoio-WoZoCo-Apartments-assonometria-anteriore

case a ballatoio – WoZoCo’s Apartments – assonometria anteriore

case-a-ballatoio-WoZoCo-Apartments-assonometria-posteriore

case a ballatoio – WoZoCo’s Apartments – assonometria posteriore

 

Nel contesto delle case e degli appartamenti per anziani, l’intento è di realizzare qualcosa che offra una maggiore indipendenza ai suoi abitanti, con l’idea, per lo sviluppo futuro degli appartamenti, di adattarli agevolmente a residenti più giovani.

L’idea di progetto è sempre stata quella di realizzare un edificio con tipologia a ballatoio che ospitasse 100 unità familiari; tuttavia il piano regolatore vigente (normativa AUP di Cornelis Van Eesteren, risalente alla fine degli anni ’20) non consentiva ciò senza privare gli edifici che sorgevano nelle vicinanze della corretta esposizione solare e quindi in queste condizioni era possibile realizzare solamente 87 appartamenti.

Dove poter inserire le rimanenti 13 unità?

 

Scarica il DWG in formato .zip delle piante dei singoli moduli del progetto WoZoCo

 

Scarica il DWG in formato .zip di tutte le piante del progetto WoZoCo

Una prima soluzione proposta fu quella di realizzare due edifici. In questo modo però si sottraeva ulteriormente terreno da un’area verde che invece si mirava a preservare.

Se fossero stati collocati in un altro punto dell’area, lo spazio comune sarebbe stato troppo ridotto. Ed un blocco molto profondo con unità molto strette non pareva possibile: l’orientamento Nord-Sud del blocco comportava che il modulo generatore fosse di 7,20 m.

Non potendo aumentare la profondità del corpo di fabbrica fu adottata una soluzione estrema: realizzare le 13 unità abitative rimanenti totalmente a sbalzo lungo la parete nord dove sono collocati i ballatoi attraverso un complesso sistema reticolare di travi che permettesse il sostegno dei pesanti volumi.

 

Scarica il DWG in formato .zip di tutti i prospetti del progetto WoZoCo

 

Dalla necessità di aggirare gli ostacoli, deriva dunque l’idea di sospendere letteralmente 13 unità sulla facciata, come grossi parallelepipedi a sbalzo, ovviando ad un’ulteriore e scongiurata occupazione di suolo. Gli appartamenti orientati Nord-Sud sono così completati con una tipologia sospesa di orientamento Est-Ovest, con vista sul polder.

La monotona tipologia adottata negli appartamenti-galleria è stata resa accettabile adottando accorgimenti elementari, intuitivi, ma senza pregiudizi: ogni galleria offre una diversa prospettiva. Cambiando posizione alle finestre, dimensione ai balconi e variandone i materiali, i vari appartamenti acquisiscono un loro carattere.

Inoltre le facciate sono state trattate con una diversificazione cromatica dei parapetti dei balconi e attraverso un movimento nella disposizione delle finestre.

Ciò che scaturisce è un lavoro unico, saggio e divertente insieme, intelligente e brioso. È una tavolozza di colori tridimensionale che riscatta il grigiore della periferia.

case-a-ballatoio-WoZoCo-Apartments-sezione

case a ballatoio – WoZoCo Apartments – sezione

 

Scarica il DWG in formato .zip di tutte le sezioni del progetto WoZoCo

 

Dato che i muri di ripartizione sono stati costruiti di uno spessore maggiore di 8 cm rispetto a quello strutturalmente necessario (per l’isolamento acustico), è stato possibile usare questo spessore extra per le connessioni delle travi in aggetto senza avere un incremento di peso dei muri portanti. E’ stato necessario il rivestimento di queste travi per l’isolamento acustico e contro il pericolo di incendi.

↑Torna all’indice

Clicca qui per conoscere Edificius, il software di progettazione architettonica BIM

 

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *