Case a schiera classiche e moderne, il progetto di Lafayette Park di Mies Van der Rohe

Case a schiera classiche e moderne, il progetto di Lafayette Park di Mies van der Rohe, con modello 3D BIM, piante, planimetrie dwg da scaricare

Proseguiamo il nostro approfondimento sulle tipologie edilizie ed in particolare sulle case a schiera.
Nel primo articolo abbiamo definito le case a schiera e visto quali sono gli elementi che le caratterizzano e quelli da valutare nel processo di progettazione di loro insediamenti.

Leggi il primo articolo dedicato alle case a schiera

In questo secondo articolo inizieremo a trattare alcuni tra i più importanti progetti di case a schiera classiche e moderne realizzati da architetti famosi: li analizzeremo nel dettaglio descrivendoli, riproducendone il modello BIM e rendendo disponibili per il download anche i DWG di piante, assonometrie, prospetti, sezioni,…….

Il primo progetto che prendiamo in esame è quello dell’architetto Ludwig Mies van der Rohe: il Lafayette Park a Detroit.

In questo articolo:

 

Download modello 3D BIM

Prima di entrare nel vivo della descrizione del progetto e delle scelte progettuali che hanno caratterizzato l’opera di Mies van der Rohe e l’hanno resa più che mai attuale, ecco disponibile il download del modello 3D in formato EDF realizzato con Edificus, da cui poter ottenere con la massima semplicità ed in maniera automatica tutti gli elaborati di progetto…

Prospettiva-case-a-schiera-sull-esempio-del-progetto-a-Lafayette-Park-opera-di-Mies-van-der-Rohe-Prodotta-da-file-edf

Prospettiva di case a schiera sull’esempio del progetto a Lafayette Park, opera di Mies van der Rohe – prodotta da file edf

Scarica il modello 3D BIM (file .edf) delle case a schiera a Lafayette Park

Case a schiera di architetti famosi

Numerosi gli esempi rilevanti di progetti di case a schiera che meriterebbero di essere menzionati. Ricordiamone brevemente alcuni, limitandoci alle opere di architetti europei.

Il complesso residenziale Heuberg di Vienna di A. Loos del 1920: una serie di case a schiera popolari concepite rispetto ad una sezione gradonata a terrazze in cui ogni cellula abitativa era integrata con un piccolo appezzamento di terreno coltivabile, utile per il sostentamento alimentare del nucleo familiare.

Le case a schiera del quartiere operaio Kiefhoek a Rotterdam del 1924-25 dell’architetto olandese J.J.P. Oud, dove i blocchi di case a schiera, composte a formare ampie corti rettangolari, ospitano nelle estremità arrotondate attività commerciali.
Questo progetto, che come altri del medesimo architetto affondano le loro radici nella evoluta tradizione abitativa olandese, è caratterizzato da una composizione armonica di spazi interni ed esterni in volumetrie dalle superfici intonacate di bianco, dove spiccano i riquadri delle porte e delle finestre, dipinte con i colori puri di Mondrian.
Opera di Oud è anche il progetto delle case minime in serie per il quartiere Weissenhof a Stoccarda del 1927, che abbiamo trattato nel primo articolo (scarica i DWG).

Le case a schiera di Klampenborg a Copenhagen di A. Jacobsen del 1950-55 e le case a schiera del quartiere Klein Driene a Hengelo di J. Bakema e J.H. van den Broek del 1956-58, dove le abitazioni sono raggruppate in piccoli nuclei associati a vari tipi edilizi a formare unità visuali e funzionali autonome, comprendenti spazi aperti e servizi.

Esempio-di-case-a-schiera-progetto-Lafayette-Park-opera-di-Mies-van-der-Rohe-rendering-realizzato-con-Edificius

Esempio di case a schiera sul modello del progetto a Lafayette Park, opera di L. Mies van der Rohe – rendering realizzato con il software Edificius

Clicca qui per scaricare Edificius, il software per la progettazione architettonica BIM

Progetti famosi di case a schiera: Lafayette Park a Detroit, di Ludwig Mies van der Rohe

Maestro indiscusso del Movimento Moderno, Ludwig Mies van der Rohe ha diviso la sua carriera tra Europa e USA (dal 1937), caratterizzando le sue molte opere nella ricerca dell’essenziale.

Less is more

amava ripetere.

Lavora agli inizi nello studio di Peter Behrens, come assistente di Walter Gropius; alla fine degli anni Venti progetta due opere-chiave dell’architettura moderna: il padiglione tedesco all’Esposizione internazionale di Barcellona e casa Tugendhat a Brno in Cecoslovacchia.
Dal 1930 al 1933 dirige la Bauhaus di Dessau. Si trasferisce a Chicago nel 1937 e realizza la sua prima costruzione USA, il Minerals and Metals Research Building a cui segue la Crown Hall, la sala per il design “senza pilastri interni e con pareti divisorie libere” preceduta dalla celebre Casa Farnsworth a Plano che inaugura le sue architetture aperte a padiglione.
Negli USA Mies realizzerà una serie di famosi grattacieli, tra cui i Lake Shore Drive Apartments a Chicago e il Seagram Building a New York; nel contempo partecipa al progetto di Lafayette Park a Detroit.

Lafayette Park: la modernità del progetto

Lafayette Park rappresenta uno dei massimi esempi di progetti di case a schiera ed un unicum nel curriculum di Mies. Disegnato insieme al suo amico Hilberseimer, il progetto ha un valore che va oltre la sua forma: è una proposta sociale per ricostruire la periferia americana cercando di superare gli slums degli afro-americani.
Quasi assente dalle storie e dalla pubblicistica architettonica, l’opera dei due maestri del Movimento Moderno ha registrato in tempi recenti sempre maggiori consensi e interessi grazie alla crescente consapevolezza del ruolo e del significato che l’intervento di Lafayette Park riveste, come modello, sul piano della risposta ai problemi oggi ritenuti decisivi quali il rapporto con il verde, la riduzione del traffico veicolare, la varietà abitativa, l’attenzione all’utilizzo di energia e la capacità di costruire luoghi provvisti di identità.
Oggi Lafayette Park è inserito nel National Register of Historic Places d’America.

Case a schiera a Lafayette Park: descrizione dell’opera

Il progetto di Lafayette Park riguarda una vasta area centrale di Detroit occupata fino ai primi anni ’50 da uno slum edificato su una griglia di isolati rettangolari allungati (secondo il disegno consueto delle città americane) disposti nord/ovest – sud/est e prossima a un complesso sistema di strade di scorrimento veloce realizzato nel primo dopoguerra nel tentativo di organizzare un traffico sempre crescente.

L’obiettivo era quello di riportare nella Motor City gli abitanti della middle-class attirati nei sobborghi da una vita più sicura e tranquilla resa possibile dall’automobile.

Case-a-schiera-di-Mies-van-der-Rohe-Lafayette-Park-pianta

Case a schiera di Mies van der Rohe – Lafayette Park – pianta

Scarica il DWG della pianta del progetto

 

Il quartiere è impostato intorno al parco verde con poche attrezzature pubbliche, una viabilità automobilistica esterna e strade interne cieche. Shopping mall, garage, ed edificazione mista danno completezza e vivacità all’insieme senza caratterizzarlo come new town o come città giardino.

L’organizzazione di Lafayette Park ordina i principi messi a punto dalla ricerca di Hilberseimer:

  1. costruzione della città attraverso l’impiego di tipi misti (unicamente edifici alti e bassi)
  2. eliminazione del traffico automobilistico di attraversamento e sua riduzione all’interno dell’insediamento
  3. estesa presenza di spazi naturali
  4. accesso pedonale da casa a parchi, scuole e strutture collettive senza dover attraversare strade
  5. attenzione all’energia, all’orientamento degli edifici e alle ombre portate sulle altre abitazioni.

Il Lafayette Park è costituito da edifici a 21 piani per appartamenti, case a schiera a uno e a due piani, strutture per parcheggi, centro commerciale, parco pubblico, scuola pubblica, club house e piscina.

Un aspetto del tutto inedito nel progetto di Lafayette Park è rappresentato dalla struttura mista e fortemente differenziata delle tipologie edilizie, comprese in una struttura formale saldamente geometrica nella quale il disegno preciso degli edifici e la massiccia conformazione delle case alte conferiscono all’insieme un carattere di particolare rilevanza urbana.

 

Case-a-schiera-di-Mies-van-der-Rohe-Lafayette-Park- assonometria

Case a schiera di Mies van der Rohe – Lafayette Park – assonometria

Scarica il DWG con l’assonometria del progetto

 

Si tratta di un sistema complesso che vede tipi di abitazione differenti destinati alle diverse necessità residenziali secondo una visione ragionevolmente varia delle possibili esigenze abitative: le case basse con patio e le case a schiera sono poste direttamente a contatto con la natura e dedicate prevalentemente alle famiglie con figli, mentre le case alte ad appartamenti sono destinate a chi ha esigenze diverse.

Nel progetto il tema fondamentale è proprio quello della relazione con il verde: la disposizione degli edifici permette al verde di circondare l’abitazione, e l’abitazione stessa si apre ad esso reciprocamente.

Lafayette Park ci restituisce il prototipo di casa a schiera di Mies van der Rohe.

Al piano terra i servizi sono collocati in un blocco centrale, scelta che dà continuità alla casa, come un open space.
Non c’è quindi alcuna interruzione tra i due lati aperti, migliorando la vivibilità e l’illuminazione della casa e permettendo al parco di ‘penetrare’ nell’abitazione stessa.

La composizione delle residenze è generata da nuclei omogenei e ricorrenti costituiti da case basse con facciate vetrate, inizialmente anche a patio ma non realizzate, sollevate rispetto ai percorsi unicamente pedonali e poste parallelamente ai due lati di un cospicuo parco che ospita taluni servizi primari, asili e scuole elementari, e alcune strutture commerciali con i relativi parcheggi seminterrati in corrispondenza delle strade di ingresso al quartiere.

case-a-schiera-prospetto-dal-progetto-a-Lafayette-Park-Opera-di-L-Mies-van-der-Rohe

Case a schiera di Mies van der Rohe – Lafayette Park – prospetto

Scarica il DWG con il prospetto

 

 

Sul piano dell’architettura l’edificio di Mies è l’unico veramente innovativo: struttura in acciaio, nessun pilastro interno, distribuzione fissa solo per cucine e bagni, mentre il resto variabile e a piacere.

L’innovazione tecnologica proposta negli edifici bassi è il risultato di un lavoro progressivo sulla elaborazione tecnica ed espressiva della giunzione fra pilastro e solaio, in cui si precisa la soluzione, ricorrente anche in altre opere, della struttura portante esterna nei suoi elementi verticali.

La reale struttura di ogni edificio è così la sua intelaiatura, ripetuta attraverso la sfida della ripetizione.

Le vetrate delle case basse sono ripartite secondo la coordinazione modulare della struttura, utilizzando uno schema già adottato in altri progetti benché su scale completamente diverse, quali quello della Neue Nationalgalerie a Berlino (1962-1968) o quello della Crown Hall all’IIT di Chicago (1950-56): ciascuna vetrata, inserita in un campo strutturale, è costituita in altezza da tre sottomoduli, con il traverso orizzontale collocato nel rapporto di circa 1:2.

case-a-schiera-sezioni-dal-progetto-a-Lafayette-Park-Opera-di-L-Mies-van-der-Rohe

Case a schiera di Mies van der Rohe – Lafayette Park – sezioni

Scarica il DWG con le sezioni del progetto

 

 

I recenti piani avviati in molti paesi europei (in particolare Francia, Inghilterra e Svizzera) per nuovi insediamenti attenti ai consumi d’energia, la necessità di approfondimenti sui temi della densificazione urbana (in opposizione al fenomeno della dispersione), sul controllo del traffico, sui temi della varietà tipologica e dell’abitare in un quadro di sostenibilità e di equilibrato rapporto con la natura, sta progressivamente imponendo la positiva e ormai sessantennale esperienza di Lafayette Park all’attenzione della ricerca architettonica e più in generale del pubblico.

 

Case a schiera e BIM: come progettare le scale

Per finire un brevissimo filmato esplicativo, ispirato al modello delle case a schiera a Lafayette Park a Detroit, che illustra la semplicità di operare con il BIM: nello specifico vediamo la progettazione di una scala.

 

 

Nei prossimi articoli completeremo il nostro approfondimento sulle case a schiera parlando di:

  • Case a schiera: il progetto del Quartiere Malagueira di Alvaro Siza
  • Tipologie di case a schiera
  • Case a schiera moderne:
    • ad Amsterdam: su lotti uguali, soluzioni progettuali differenti e non ripetitive
    • Water Villa’s: realizzate su più livelli, affiancate e realizzate mediante traslazione e rotazione delle singole unità
  • Caratteristiche delle case a schiera con patio e giardino
  • Esempi BIM di case a schiera
  • Esempi di case a schiera con patio e giardino
 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *