Certificazione energetica e BIM

Certificazione energetica e BIM: come cambia il modo di lavorare e quali sono i reali vantaggi per il tecnico

La metodologia BIM sta raggiungendo livelli di maturità sempre più elevati, offrendo maggiori opportunità e vantaggi a tecnici e professionisti nel settore dell’edilizia. Il progressivo utilizzo e consenso, da parte dei professionisti, della tecnologia BIM consente una continua evoluzione di questa metodologia.

Oggi il campo di applicazione della tecnologia BIM è sempre più vasto e ha raggiunto livelli di specializzazione elevati.

Lo sviluppo di software BIM oriented, quindi, non si limita solo all’ ambito della progettazione architettonica, bensì si espande anche in numerosi altri settori come, ad esempio, quello della certificazione energetica.

A tal proposito la domanda sorge spontanea:

come può la tecnologia BIM integrata in un software di certificazione energetica migliorare e agevolare il lavoro del professionista?

Cerchiamo di dare una risposta, spiegando quali dovrebbero essere le caratteristiche di un software di certificazione energetica BIM e soprattutto quali vantaggi può portare a tecnici e professionisti del settore.

Come deve essere un software di certificazione energetica BIM

Un software BIM authoring di certificazione energetica deve consentire al professionista di poter generare un modello parametrico dell’edificio, mediante l’inserimento di oggetti architettonici quali: muri, porte, finestre, ecc. e assegnargli le relative proprietà termiche, in totale autonomia.

All’interno del programma deve essere possibile importare, tramite il formato IFC, un modello digitale realizzato con qualsiasi software di  BIM authoring (Edificius, Revit, ArchiCAD, AllPlan, VectorWorks, ecc.), in modo da poter ricostruire il modello informativo energetico.

Le funzioni di import/export tramite il formato IFC devono consentire al progettista di collaborare agevolmente nel flusso della progettazione BIM, così come richiesto dal nuovo Codice degli appalti e dalle linee guida UNI 11337.

I vantaggi di un software di certificazione energetica BIM oriented

Con un software di certificazione energetica BIM oriented diviene più facile progettare, in quanto è possibile capire il comportamento energetico del sistema edificio-impianto ed intervenire cambiando le caratteristiche energetiche degli oggetti usati per la creazione del modello BIM.

Costruire il Modello Informativo Energetico edificio/impianto rende il lavoro semplice e altamente professionale e consente di descrivere e controllare il comportamento termodinamico dell’edificio in maniera efficace.

La localizzazione del modello riconosce i dati climatici non solo in termini generali di temperatura, umidità, ecc., ma addirittura rispetto all’orientamento e alla posizione rispetto ad altri edifici o oggetti.

Il controllo dell’esposizione solare del modello consente il calcolo automatico dell’ombreggiamento rispetto ad oggetti esterni o ad aggetti del modello stesso. Tutti i confini delle differenti zone climatiche dell’edificio sono definiti dal modello 3D in maniera corretta e visibile al progettista.

Il riconoscimento automatico dei confini delle zone climatiche dal modello BIM permette al software di procedere al calcolo automatico di tutte le dispersioni energetiche tra le differenti zone.

TerMusBIM, il primo software energetico BIM italiano

TerMusBIM consente di realizzare direttamente il modello parametrico dell’edificio con l’inserimento di oggetti architettonici quali muri, porte, finestre, ecc., senza avere nessun modello di riferimento oppure ricostruendo il Modello Informativo Energetico dal modello digitale IFC dell’edificio importato da qualsiasi software di authoring architettonico.

Nell’input proprio di TerMusBIM ogni oggetto è dotato di tutte le proprietà energetiche: oltre alla rappresentazione 3D dell’edificio, è possibile ottenere immediatamente il Modello Informativo Energetico del sistema edificio-impianto attraverso le dettagliate informazioni di ogni specifico elemento.

L’importazione del modello IFC generato da altri software di BIM authoring garantisce velocità operativa e correttezza professionale; infatti il Modello Informativo Energetico sarà perfettamente corrispondente al modello architettonico dell’edificio.

L’interscambio delle informazioni garantito dall’import ed export dei modelli IFC consente un avanzamento del progetto che ha debitamente in conto le esigenze architettoniche ed energetiche ed ottimizza i risultati che si riescono ad ottenere.

L’import in IFC permette al progettista che lavora con TerMusBIM di collaborare agevolmente nel flusso della progettazione BIM, così come richiesto dal nuovo Codice degli appalti e dalle linee guida UNI 11337.

Pubblicare e condividere il modello digitale sul web

Il modello digitale può essere pubblicato sulla piattaforma cloud TerMus-VR per condividere il progetto con committenti, progettisti architettonici, impiantisti o con il costruttore.

In questo modo, chiunque, anche in cantiere, può avere tutte le informazioni della struttura e viaggiare nel modello virtuale per coglierne con semplicità e naturalezza tutti gli aspetti.

Clicca qui per conoscere TerMusBIM, il software per la certificazione energetica degli edifici e la verifica delle prestazioni energetiche

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *