Come effettuare il calcolo e la verifica di un muro di sostegno a gabbioni con l’ausilio di un software

Modellazione e calcolo di un muro di sostegno a gabbioni. Ecco come è possibile ottenere il risultato in pochi semplici passaggi con l’ausilio di un software di modellazione ad oggetti parametrici tridimensionali

I muri di sostegno sono le opere più frequenti per contenere la terra e il suo scoscendimento, e quindi per conservare o ripristinare l’equilibrio di un pendio che può venire a mancare per cause naturali o artificiali. Più nello specifico, i muri di sostegno, hanno lo scopo di prevenire lo smottamento di pendii naturali ripidi e di assicurare la stabilità di pendii artificiali sagomati con pendenze superiori alla pendenza di equilibrio naturale.

Tipologia dei muri di sostegno

In generale, in base al funzionamento, possiamo distinguere i muri di sostegno in:

  • muri a gravità
  • muri a mensola

I muri di sostegno a gravità, sono elementi murari di adeguate dimensioni che fondano la loro stabilità sulla particolare robustezza della struttura e sul peso.
I muri di sostegno a mensola sono elementi murari snelli, con fondazioni particolarmente ampie in cui la parete svolge entrambe le funzioni, di sostegno e di contenimento.
In particolare, i muri di sostegno a mensola sono più costosi e difficili da realizzare rispetto a quelli a gravità. Infatti, vengono realizzati con materiali più costosi e richiedono una manodopera specializzata.
Tra le diverse tipologie di muri di sostegno a gravità individuiamo una particolare tecnica di costruzione utilizzata soprattutto nelle opere di ingegneria naturalistica a basso impatto ambientale: il muro di sostegno a gabbioni.

Muro di sostegno a gabbioni: definizione

I muri di sostegno a gabbione sono strutture scatolari realizzate in rete metallica riempite di ciottoli e pietre. Generalmente, sono composte da una rete d’acciaio a maglia esagonale e a doppia torsione per evitare che il cedimento di qualche filo faccia smagliare una parte estesa del gabbione con la conseguente fuoruscita del pietrame.

Muro di ostegno a gabbioni

Muro di sostegno a gabbioni: vantaggi

I muri a gabbione offrono una serie di vantaggi, tra cui:

  • struttura flessibile: la struttura è capace di adattarsi ad eventuali cedimenti differenziali del terreno senza spaccarsi come succede con i muri in calcestruzzo o in muratura. I muri a gabbione permettono di apportare modifiche all’intera struttura nel corso del tempo e si adattano perfettamente alla conformazione dei versanti;
  • facilità della posa in opera: i muri a gabbione sono facili da realizzare e non prevedono l’uso di manodopera specializzata;
  • permeabilità: grazie all’elevata porosità del materiale di riempimento dei gabbioni è possibile ottenere un efficiente drenaggio delle acque meteoriche da monte a valle dell’opera;
  • ridotto impatto ambientale: i muri a gabbione consentendo l’applicazione di piante a crescita controllata sulla superficie esterna dell’opera. Proprio per questo vengono utilizzate principalmente in opere di ingegneria naturalistica.

Modellare un muro di sostegno a gabbioni con GeoMurus

Con GeoMurus possiamo effettuare un calcolo del muro di sostegno a gabbioni in pochi semplicissimi passaggi.
Dal menu “Nuovo”, attraverso la creazione guidata, selezioniamo il documento “Muro a Gabbioni”.

Seleziona muri a gabbione

Seleziona muri a gabbione

In questa fase, possiamo aggiungere e modificare la nostra struttura a gabbioni togliendo o aggiungendo blocchi e modificando le caratteristiche, la geometria e l’aspetto della struttura mediante il toolbox delle Proprietà.

Possiamo definire e aggiungere le diverse stratigrafie del terreno (tasto destro del mouse) specificandone le caratteristiche di ogni strato. La stratigrafia del terreno va definita, per ogni sezione del muro, disegnando gli opportuni oggetti (strati) nella tavola della sezione del muro stesso.

Stratigrafia GeoMurus

Ulteriori funzioni permettono, con pochi semplici click, di aggiungere un riempimento o modificare semplicemente il terrapieno.

Guarda un breve video su come modellare un muro a Gabbioni con il software GeoMurus.

Calcolo e verifica del muro di sostegno a gabbioni con GeoMurus

Specificati i Dati Generali e quelli dell’Analisi Sismica (se richiesta), possiamo procedere alla fase di calcolo e verifica.

Dopo aver effettuato il calcolo, possiamo visualizzare in maniera semplice i seguenti risultati:

  • i cunei di spinta;
  • i diagrammi delle pressioni (sul paramento e sul terreno di fondazione);
  • i diagrammi delle sollecitazioni (con un semplice click del mouse è possibile leggerne i valori in ogni sezione del muro);
  • la superficie di scorrimento relativa alla verifica di stabilità globale, effettuata con i metodi di Bishop e di Fellenius;
  • le armature predisposte automaticamente dal programma (paramento, fondazione, contrafforti, pali, ecc.) con possibilità di interrogazione dei diagrammi di fabbisogno di armatura.

Durante la prima fase del calcolo il programma provvede ad effettuare automaticamente l’analisi sismica e l’analisi dei carichi delle strutture. Viene, quindi calcolato il modello strutturale di ogni sezione. Successivamente il programma procede al calcolo delle sollecitazioni sui vari elementi costituenti le sezioni del muro.
Eventuali incongruenze o errori rilevati durante le varie fasi del calcolo vengono segnalati dalla Diagnostica del programma.

 

Calcolo con Geomurus

In fase di calcolo il programma produce automaticamente anche gli elaborati grafici necessari, quali le Tavole Quotate delle varie Sezioni e le Tavole delle Armature calcolate per i vari elementi (paramento e fondazione, contrafforti, ecc.) di ogni sezione.

Dopo aver richiesto il calcolo per la struttura del progetto attivo, è possibile richiedere la composizione automatica della Relazione Tecnica/Geotecnica.

 

Clicca qui per conoscere GeoMurus, il software per la progettazione e il calcolo dei muri di sostegno

Scarica un esempio di relazione tecnica realizzata con GeoMurus

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *