ACCA alla Conferenza Esri Italia 2019

The Science of Where – Envisioning Where Next. Questo il tema della Conferenza Esri Italia 2019: eventi, workshop e tavole rotonde su GIS & BIM, smart city, digitalizzazione della pubblica amministrazione e tanto altro

Con il contributo delle maggiori aziende del settore, tra cui ACCA software, si è tenuto a Roma quello che viene considerato come il più importante momento di incontro e confronto del settore dei sistemi informativi geografici, delle tecnologie geospaziali, della geolocalizzazione e della Geomatica: la conferenza Esri Italia.

Il focus della conferenza è dedicato al tema “The Science of Where, Envisioning Where Next“: un viaggio alla scoperta delle opportunità offerte dalla trasformazione digitale in ambiti strategici per l’economia e la pianificazione del territorio.

Interessantissimo, in questa edizione 2019 della conferenza Esri Italia, lo Stakeholder Talk dedicato all'”Innovazione Sud”, con istituzioni e imprenditoria che hanno raccontato i motori dello sviluppo ed evidenziato le potenzialità del Sud Italia.

Moderato da Emilio Misuriello, AD di Esri Italia, hanno partecipato:

  • Carla Ruocco, Presidente della VI Commissione (Finanze) della Camera dei Deputati;
  • Guido Cianciulli, Fondatore e CEO di ACCA software;
  • Massimo Comparini, CEO di e-Geos;
  • Salvatore Cincotti, CEO di Altergon;
  • Gjergj Buxhuku, Presidente Konfindustria Albania e Kosovo.

conferenza esri italia guido cianciulli

Guido Cianciulli ha illustrato le relazioni tra lo sviluppo di nuovi software tecnologici e le esigenze di innovazione in Italia: l’integrazione tra CDE Open BIM IFC di ACCA e GIS di Esri per portare le informazioni delle costruzioni a livello territoriale ed avere dati sempre aggiornati in tempo reale su un SIT.

Quando si parla del futuro della progettazione delle infrastrutture, infatti, la direzione è ormai chiara: la rivoluzione dell’integrazione GIS & BIM è realtà. Una visione olistica in cui i professionisti GIS da una parte, i progettisti e gli ingegneri dall’altra, stanno integrando la loro visione di infrastruttura:

  • il professionista GIS fornisce la conoscenza dell’ambiente naturale;
  • il progettista e l’ingegnere forniscono informazioni dettagliate sulle infrastrutture.

conferenza esri italia _ guido cianciulli 1

La conferenza Esri Italia è proseguita con “The Science of Where Stories“, momento dedicato alla presentazione di best practice internazionali e nazionali.

Uno degli elementi più interessanti dell’edizione 2019 della Conferenza Esri Italia è stato il “GEO smart campus Innovation Forum”, momento di networking sui più importanti trend dell’Innovazione, con un’attenzione particolare all’IA.

Tanti eventi e best practice hanno caratterizzato il programma delle sessioni della Conferenza. Nel corso della due giorni si è parlato d’innovazione nella Pubblica Amministrazione, di New Space Economy, delle nuove frontiere del Geo Business e ancora di GIS 3D & BIM.

Tante le soluzioni innovative presentate:

  • il primo navigatore per disabili, una soluzione pensata per aiutare persone con disabilità motorie e facilitarne gli spostamenti cittadini attraverso una tecnologia distribuita su un’app per smartphone, costituita da mappe interattive di navigazione che rubricano i livelli di accessibilità degli ambienti, urbani e no
  • droni e laser scanner ad alte prestazioni aviotrasportato proposti in una sperimentazione che mescola le potenzialità del cloud e quella dei dati raccolti sul territorio
  • interazione robot-umani e di interazione robot-robot grazie a un sistema di intelligenza artificiale
  • i ricevitori Gnss di alta precisione dedicati al monitoraggio delle grandi infrastrutture critiche: i grandi ponti e le opere sempre più a rischio in Italia che potranno così godere di una sensoristica del tutto rinnovata.

Nell’area espositiva della conferenza, sono stati ospitati gli stand dei principali operatori del settore per scoprire e sperimentare le soluzioni più avanzate nell’ambito delle tecnologie geospaziali.

conferenza esri italia _ acca 4

ACCA ha dedicato il proprio spazio ai partecipanti la Conferenza permettendo loro un’esperienza diretta e concreta del BIM e della Realtà Virtuale Immersiva.

#nuvola dei punti #gis #architectural visualization #editor IFC #realtà virtuale

 

ACCA ed Esri

L’accordo ad indirizzo strategico tra ACCA software ed Esri Italia prevede un progetto congiunto per integrare il mondo del GIS con quello del BIM.

Il progetto tra Esri ed ACCA riporta l’ACDat (Ambiente di Condivisione Dati) come piattaforma Cloud, sempre aggiornato ed attuale, su scala territoriale, consentendo l’accesso al Building Information Model e quindi al Digital Twin del costruito in ogni momento del suo ciclo di vita.

L’integrazione tra la piattaforma ArcGIS di Esri ed usBIM.platform di ACCA software consente di avere a disposizione i dati BIM, presenti nell’ACDat, direttamente nella piattaforma GIS, permettendo la creazione di mappe tematiche ad hoc.

Inoltre l’integrazione tra la tecnologie fa in modo che l’informazione territoriale sia sempre aggiornata, in quanto i dati sono legati dinamicamente all’ACDat e quindi soggetti alle procedure di aggiornamento continuo in ogni momento di vita del costruito.

Avere tutti i dati del Building Information Model del costruito, non solo il modello 3D, consente di gestire, controllare e pianificare il territorio con una consapevolezza totale.

Diventa ad esempio possibile ed estremamente facile effettuare una ricerca tematizzata in base alla classificazione energetica degli edifici. A partire dalla piattaforma ArcGIS è possibile recuperare tutte le informazioni relative all’edificio di interesse, in questo caso l’APE (Attestato di Prestazione Energetica degli Edifici) e creare una mappa tematica che evidenzia i risultati in base alla classe energetica.

A seguito di attività di riqualificazione, le informazioni aggiornate sono sempre disponibili e consultabili tramite l’integrazione tra i due sistemi.

Addirittura è possibile consultare l’andamento della fase di esecuzione di un progetto: si può tornare “indietro nel tempo” e visualizzare lo stato di fatto in un determinato istante temporale.

 

 

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo del BIM?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *