Riciclare pannelli in MDF per ricavarne carboni attivi, ecco come è possibile farlo

L’ MDF, ampiamente utilizzato in edilizia ed in molti altri settori, è uno dei materiali più difficili da smaltire. Una start up belga ha ideato un processo che lo trasforma in carbone attivo

I pannelli in MDF – medium-density fibreboard, sono molto utilizzati nell’industria delle costruzioni e dell’arredamento tuttavia, ed è un problema noto solo agli addetti ai lavori, il loro smaltimento non è ne economico ne semplice.

Si tratta di un materiale derivato del legno, composto da fibre di legno e resine, che è possibile produrre sia con legno nuovo sia riciclandone del vecchio (spesso si recupera anche dai mobili o per esempio si usano scarti di lavorazione, tondame e cascame).

I pannelli di MDF, commercializzati prevalentemente sotto forma di pannelli, sono fabbricati con un processo secco che parte proprio da queste fibre legnose le quali, sottoposte a calore e compresse, vengono ‘impastate’ con l’impiego di resine. Il risultato finale è composto circa dall’85% di fibre legnose.

In realtà l’MDF è il prodotto più comune di questa lavorazione del legno. A seconda della densità finale del prodotto, infatti, si hanno tre tipi di pannelli:

  • LDF  a bassa densità
  • MDF a media densità
  • HDF ad alta densità

Questo processo, che è senza dubbio virtuoso prevedendo il recupero del legno, è stato però spesso inficiato in passato dall’uso di resine ricche diformaldeide“, un prodotto che oltre a essere molto probabilmente cancerogeno (oggi è classificato come a rischio “presunto o certo” e certamente in un prossimo futuro sarà bandito) trasforma l’ MDF in un rifiuto speciale che va conferito in apposite discariche, non può essere riciclato e non deve mai e poi mai essere bruciato.

Oggi per fortuna i nuovi materiali disponibili hanno permesso di sostituire alla formaldeide delle bio-resine più sicure e certamente non cancerogene, tuttavia lo smaltimento dei vecchi pannelli è un problema ancora molto attuale.

L’idea ecologica per il riciclo di una start up belga

Il progetto di una start up belga trova una soluzione al problema dello smaltimento di questo materiale.

I pannelli di MDF  vengono portati ad elevate temperature in assenza di ossigeno, senza combustione, e divisi in due componenti:

  • il Syngas  che è una miscela di gas alla base di molti processi chimici e viene utilizzato per la produzione di energia
  • la cenere che è poi lavorata ad altissime temperature e trasformata in carbone attivi, impiegati nei sistemi di filtraggio e depurazione di aria ed acqua

mdf

Secondo il responsabile della creazione aziendale:

“Ora che il riciclaggio del legno trattato e non trattato sta diventando obbligatorio in molti paesi, la nostra società porta sul mercato la sua tecnologia dirompente e il suo potenziale industriale avrà un enorme impatto positivo sull’economia circolare e sull’efficienza energetica”.

Gli obiettivi della start up sono:

  • Riciclaggio di rifiuti non riciclabili
    La missione della start up è di sviluppare le soluzioni di riciclaggio commerciale più ecologiche possibili per i rifiuti difficili da riciclare o non riciclabili come l’MDF. Poiché le sostanze inquinanti presenti nell’acqua, nell’aria e nel suolo hanno un impatto sul pianeta, questo processo che converte l’MDF in un materiale di alto valore contribuisce a rendere il mondo più pulito. Un processo che trasforma i rifiuti di un settore in materia prima dell’altro
  • Creare valore dagli scarti MDF
    L’MDF è un prodotto in legno estremamente versatile con innumerevoli applicazioni: dai mobili da cucina, ai pavimenti in laminato e molto altro. Ogni anno vengono prodotti oltre 70 milioni di tonnellate di MDF in tutto il mondo. Con la mancanza di opzioni di riciclaggio, i tagli di produzione e l’MDF a fine vita vengono inceneriti o scaricati in discariche. Il processo di riciclaggio messo a punto dalla start up belga crea valore dall’MDF su base biologica e aiuta i produttori di mobili ed i raccoglitori di rifiuti a contribuire all’economia circolare e ad attenersi a una legislazione sempre più rigorosa.
  • Pulire il pianeta
    La necessità di conservare le nostre risorse sta spingendo la legislazione mondiale a riciclare. Le nuove soluzioni tecniche emergenti stanno permettendo il riciclaggio di più rifiuti rispetto al passato. Allo stesso tempo, le sostanze inquinanti nell’aria e nell’acqua stanno minacciando la vita così come la conosciamo. La nuova tecnologia trasforma i rifiuti MDF in carbone attivo di alta qualità, essenziale per il trattamento di aria, acqua e suolo inquinati.

 

Clicca qui per conoscere Edificius il software per la progettazione architettonica BIM 

 


Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo del BIM?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *