Edificio 4.0, i 10 punti cardine per la riqualificazione immobiliare e l’importanza dell’Open BIM

Edificio 4.0: costruire digitale. Ecco il manifesto con le 10 proposte per la rigenerazione urbana e la riqualificazione immobiliare del nostro Paese

Si è tenuto il 4 luglio a Roma, presso la sede ANCE, un importante incontro organizzato da Federcostruzioni nel quale è stato presentato il Manifesto per l’Edificio 4.0.

Attraverso un’ applicazione diffusa della digitalizzazione, Federcostruzioni ha elaborato 10 proposte che, partendo dall’edificio 4.0, rendono possibile i seguenti obiettivi:

  • rigenerazione urbana
  • riqualificazione degli edifici
  • monitoraggio del territorio
  • programmazione delle infrastrutture
  • gestione della manutenzione
  • affidamento degli appalti
  • organizzazione dei cantieri
  • produzione delle tecnologie

L’applicazione della tecnologia BIM in fase di progettazione e gestione dei cantieri, così come tutte le tecnologie digitali, dal rilievo laser al monitoraggio tramite sensori di sicurezza, può contribuire in modo sostanziale alla riduzione degli errori.

Edificio 4.0, i 10 punti cardine

Le proposte della Federcostruzioni possono cosi sintetizzarsi:

  1. Miglioriamo la sostenibilità urbana
  2. Riqualifichiamo il patrimonio immobiliare
  3. Miglioriamo l’efficienza ed il confort degli edifici
  4. Rendiamo più sicuro il patrimonio immobiliare
  5. Riduciamo i costi della pubblica amministrazione
  6. Tuteliamo e valorizziamo gli edifici storici
  7. Riduciamo i costi di gestione degli edifici
  8. Diffondiamo l’uso del Bim (Building information modeling)
  9. Promuoviamo una cultura del riuso e del costruire sostenibile
  10. Creiamo un quadro normativo a supporto della digitalizzazione.

Il concept del manifesto è che l’uso sempre più diffuso della digitalizzazione può incentivare un rinnovo del patrimonio immobiliare del paese ed una rigenerazione urbana diffusa. Questo processo virtuoso passa attraverso la trasformazione di:

  • normative di appalto
  • modelli di progettazione
  • gestione delle opere
  • modelli di costruzione.

Ciò porterebbe, secondo i costruttori, a vantaggi per la collettività in termini economici, di sicurezza e di rispetto per l’ambiente.

Questo manifesto rappresenta quindi la visione del futuro del nostro Paese, di tutta la filiera delle costruzioni.

Smart City ed Edifici 4.0

Uno sviluppo intelligente delle Città a livello internazionale porterebbe ad un risparmio di 4600 miliardi di dollari entro il 2020, visto che il 54% della popolazione mondiale vive in città. Il concetto di città intelligente si estende a moltissimi ambiti ed implica:

  • una visione strategico/politica di medio-lungo termine
  • l’adozione di un apolitica energetica rinnovabile e sostenibile
  • lo sviluppo della rete infrastrutturale in modo sostenibile ( sharing, mezzi pubblici elettrici.. )
  • una sostenibilità degli edifici, isolati, a basso consumo, intelligenti

Con le smart city l’attenzione è puntata sulla qualità della vita dei cittadini e alla loro crescite personale e sociale.

Piattaforme digitali e Open BIM

Durante l’incontro è stata ribadita l’importanza delle piattaforme BIM aperte BIM – Open BIM – e dello scambio di informazioni tra progetti. Lo stesso ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli ha inviato un messaggio e che è stato letto nel corso dell’incontro da Dimitri Dello Buono, capo della Segreteria Tecnica del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (Mit):

La possibilità di lavorare su un principio di apertura come “Open BIM” rappresenta un vantaggio irrinunciabile; ora si tratta di spingere sull’acceleratore per rendere il prima possibile operativa una piattaforma digitale di gestione del BIM e degli oggetti BIM. Il mio ministero sosterrà il ruolo dell’Italia nella realizzazione della piattaforma europea, ma è altrettanto fondamentale aiutare le amministrazioni pubbliche, le stazioni appaltanti a progettare in BIM, una sfida tanto difficile quanto irrinunciabile.

 

 

Clicca qui per conoscere usBIM.platform, la piattaforma collaborativa OpenBIM

Clicca qui per scaricare Edificius, il software per la progettazione architettonica BIM

Clicca qui per scaricare il manifesto di Federcostruzioni

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *