100 anni del Bauhaus: gli eventi da non perdere

Mostre, festival, archi-tour e due nuovi musei: ecco gli eventi imperdibili con cui la Germania (ma non solo) si prepara a festeggiare i 100 anni del Bauhaus

Da Berlino a Londra il 2019 sarà un anno molto particolare per ricordare i 100 anni del Bauhaus: eventi e mostre allestiti in tutto il mondo ed un bus itinerante tra Dessau, Berlino, Kinshasa e Hong Kong. Ma anche concerti, installazioni, teatro, danza, cinema, retrospettive, oggetti, workshop e altre perfomance artistiche: tutto racconta il Bauhaus.

100 anni di bauhaus - bus_

Vediamo quali sono gli eventi assolutamente da non perdere.

Opening Festival – Berlino

Si è partiti dal 16 al 24 gennaio all’Akademie der Künste a Berlino con il festival di apertura dei 100 anni del Bauhaus.

100 anni del bauhaus - opening festival 1

Orientato alla Bauhauswoche 1923 (Bauhaus Week 1923) e ai leggendari festival Bauhaus, il festival si è svolto in un’atmosfera creativa di sperimentazione e ricerca, apprendimento e insegnamento, celebrando l’importanza non solo della scuola, ma dell’intera corrente, momento cruciale nel dibattito novecentesco del rapporto tra tecnologia e cultura.

Il programma includeva una selezione internazionale di artisti, sia multidisciplinari che interdisciplinari; ha offerto concerti, teatro, danza e cinema, VR e arte immersiva, presentazioni e workshop. Arte e tecnologia, luce, colore, suono e movimento e il rapporto tra l’uomo e la macchina hanno giocato un ruolo chiave nel programma. L’installazione di realtà virtuale “Das totale Tanztheater” (Total Dance Theatre) ha esplorato questo rapporto usando la danza e permettendo ai visitatori di immergersi nel mondo del palcoscenico virtuale.

Bauhaus Imaginista – Berlino

Si chiude nella capitale tedesca la rassegna mondiale, ma le stazioni del moderno dalla Germania a Tel Aviv, Delhi, Tokyo, Mosca, Chicago e ovunque nel mondo mostrano che l’innovazione non si ferma mai ai confini nazionali, così come le immagini che il Bauhaus è stato capace di creare.

100 anni del bauhaus - bauhaus imaginista

Il progetto Bauhaus Imaginista si concentra sul dialogo reciproco e lo scambio che il Bauhaus ebbe con scuole e movimenti modernisti non europei: in pratica Bauhaus Imaginista esplora la storia globale del Bauhaus, i cui effetti continuano ancora oggi, mirando a creare le basi per nuove ricerche e discussioni transnazionali.

La Bauhaus Imaginista è divisa in 4 capitoli ciascuno dei quali costituito da mostre, workshop e conferenze, che si svolgono in vari paesi del mondo: la programmazione mondiale è iniziata nel gennaio 2018 in Giappone e terminerà a Berlino dopo aver coinvolto altre 8 città del mondo (Rabat, Hangzhou, New York, Tokyo/Kyoto, Mosca, San Paolo, Lagos, Nuova Dehli).

In occasione dei 100 anni del Bauhaus , dal 15 marzo al 10 giugno 2019 le mostre e gli eventi sviluppati a livello locale convoglieranno in una grande esposizione alla Haus der Kulturen der Welt di Berlino. Still Undead è il titolo della mostra che esplorerà come il lavoro sperimentale della scuola abbia avuto ripercussioni anche sul cinema e sulla fotografia, sulla cultura visiva e la musica elettronica.

Anni Albers – Londra

Fino al 27 gennaio 2019 la Tate Modern di Londra ha ospitato la prima grande retrospettiva britannica sul lavoro della textile designer tedesca Anni Albers, una delle prime allieve e poi insegnante del Bauhaus. La Albers diede un originalissimo tocco espressivo all’arte della tessitura realizzando numerosi oggetti di uso quotidiano che furono poi utilizzati anche nella produzione industriale.

Un riconoscimento a lungo atteso del contributo fondamentale di Anni Albers all’arte e al design moderni: in mostra oltre 350 pezzi, tra cui studi su piccola scala, grandi arazzi, gioielli realizzati con oggetti di uso quotidiano e tessuti progettati per la produzione industriale, che mettono in luce gli aspetti salienti del lavoro della designer.

Triennale Der Moderne – Berlino, Dessau e Weimar

Dal 16 settembre al 13 ottobre 2019 nelle 3 città tedesche si terrà il festival itinerante che rivisiterà il patrimonio mondiale dell’architettura moderna in Germania.

100 anni del bauhaus - triennale der moderne

I 3 weekend di architettura nelle tre città saranno per l’occasione del centenario interamente dedicati al compleanno della Scuola e alla designazione di Tel Aviv ‘quarta capitale del Bauhaus’; sotto il protettorato UNESCO, che ha iscritto le quattro città nella lista dei siti patrimonio dell’umanità, il festival si concentrerà sui temi della conservazione e valorizzazione dell’architettura storica, con particolare riferimento ai rapporti delle tre capitali tedesche con la ‘Città bianca’ israeliana.

Grand tour of Modernity – Germania

Per i 100 anni del Bauhaus in tutto il Paese viene organizzato il Grand Tour of Modernity: saranno aperti al pubblico edifici storici costruiti nel XX secolo che ripercorreranno gli ultimi 100 anni di storia dell’architettura. Saranno allestiti 7 diversi percorsi.

Da Peter Behrens ai giorni nostri, molti classici, molte architetture poco note o sconosciute individuate da artisti di tutte le discipline per una lista dei 100 più significativi edifici Bauhaus in Germania (oltre 460 località, dalla Sassonia alla Nord Vestfalia, da Francoforte ad Amburgo). Da aprile 2019

Pioneers of a New World – Rotterdam

Dal 9 febbraio al 16 maggio 2019 il Museum Boijmans Van Veuningen di Rotterdam ospiterà un’ampia retrospettiva che include oltre 60 artisti, designer, architetti. In mostra quasi ottocento oggetti e opere, molti dei quali esposti per la prima volta, che mettono in luce il ruolo di Rotterdam come polo del Modernismo in Europa nel periodo tra le due Guerre.

Bauhaus Original – Berlino

I 100 anni del Bauhaus ripercorsi attraverso la celebrazione delle grandi icone del design made in Bauhaus; molti oggetti riscoperti e inediti per la prima volta in mostra, al fianco dei grandi classici.

14 oggetti emblematici raccontano 14 case histories, una per ogni anno del Bauhaus: dal 6 settembre 2019 al 20 gennaio 2020 saranno in scena alla Berlinische Galerie per la mostra Bauhaus Original le lampade Wagenfeld, le sedie Breuer o il servizio da tè di Marianne Brandt, ma anche i pezzi meno noti, provenienti da collezioni internazionali.

Nuovo museo del Bauhaus – Weimar

Il 6 aprile 2019 è la data più importante per Weimar: il Museo Bauhaus di Weimar aprirà dopo tre anni di costruzione, mettendo in scena i tesori della collezione Bauhaus più antica del mondo e collegando la storia del Bauhaus con domande sul modo di vivere di oggi e di domani.

100 anni del bauhaus - weimar museum

Il museo è concepito come un cubo monolitico appoggiato su una base di cemento con una facciata di vetro opaco e una griglia di luci LED che di notte si accenderanno accentuando la geometria dell’edificio. Progettato dall’architetto berlinese Heike Hanada in collaborazione con l’architetto Benedict Tonon, sarà il primo spazio dedicato alla collezione dei progetti della scuola dal 1919 al 1926. Il via con la mostra Das Bauhaus kommt aus Weimar.

Nuovo museo del Bauhaus – Dessau

L’apertura del Museo Bauhaus di Dessau l’8 settembre 2019 sarà uno dei momenti salienti del centenario.

100 anni del bauhaus - dessau museum

Progettato dagli architetti spagnoli Addenda (González Hinz Zabala), il nuovo spazio di 2.100 mq sorgerà nei pressi della storica scuola del Bauhaus per ospitare nella sua completezza la collezione permanente della Fondazione Bauhaus Dessau (40.000 pezzi di disegni, materiali, studi e oggetti prodotti nella Scuola). L’edificio, che riprende alcuni principi dell’architettura razionalista, come la cortina vetrata, i piani collegati a ponte, la leggerezza delle superfici piane, creerà al piano terra una nuova piazza pubblica fruibile dal pubblico.

La mostra inaugurale è Versuchsstätte Bauhaus. Die Sammlung.

Where is the typographic development going? – Berlino

In occasione del centenario, dal 30 agosto al 15 settembre 2019 la Kunstbibliothek di Berlino riallestisce la mostra storica Where is the typographic development going? dell’artista ungherese Laszlo Moholy-Nagy, di nuovo aperta al pubblico dopo 90 anni, come parte della ‘Settimana del Bauhaus di Berlino’.

I 78 pannelli che illustravano il futuro della della tipografia stampata, poi consegnati alla Biblioteca d’Arte come dono, rappresentarono una delle fasi più innovative della carriera di Moholy-Nagy tra il suo periodo al Bauhaus di Dessau e il Nuovo Bauhaus di Chicago.

 

 

Scopri Edificius, il BIM italiano n.1 per la progettazione architettonica

 

 

Il nostro omaggio al Bauhaus nei 100 anni dalla sua fondazione si concluderà con:

 

4 febbraio 2019: omaggio allo stile Bauhaus, fedele ai principi del funzionalismo e del purismo formale, con la descrizione di alcuni pezzi iconici, testimoni immortali di un design senza tempo.

 

 

 

 

Già pubblicati:

 

14 gennaio 2019100 anni del Bauhaus: la storia, gli eventi, le icone

 

 

 

 

 

21 gennaio 2019: La storia del Bauhaus, verso la Nuova Architettura

 

 

 

 

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo del BIM?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *