BIM: l’importanza del formato file IFC

Per avere libertà di collaborazione e vera disponibilità dei dati è fondamentale un formato aperto, neutro, standard. I vantaggi del file IFC

Per chi lavora con il BIM la vera esigenza è diventata quella di garantirsi piena libertà di condivisione dei dati, ossia lavorare in un sistema che sia realmente aperto.

Esistono molti modi in cui i dati possono essere gestiti in un flusso di lavoro BIM e, di conseguenza, è possibile utilizzare numerosi, e diversi, formati di file.

I formati di file proprietari sono quelli che sono leggibili solo dal proprio software e da altri software autorizzati. Questo uso di formati proprietari può ostacolare l’interoperabilità, nel caso in cui i membri del team di progetto utilizzano diversi tipi di software.

Quando si lavora con un software di progettazione specializzato che dispone di formati di dati proprietari, ci sono diverse opzioni che i professionisti possono coordinare tra i diversi pacchetti:

  • utilizzare il software di authoring BIM principale per rimodellare la parte scelta.
  • se esiste un formato di file comune per il trasferimento tra diversi software, il modello progettato con tutte le sue proprietà può essere trasferito al software di creazione BIM.
  • invio al software di authoring BIM dopo aver convertito il file in formato IFC.

I formati di file non proprietari sono indipendenti dal venditore, il che significa che possono essere letti e modificati da qualsiasi tipo di software. Spesso questi sono open source, con una collaborazione internazionale per il loro sviluppo.

Il formato di file dati aperto e neutro, più comune, è l’IFC (Industry Foundation Classes).

L’IFC nasce con l’obiettivo di garantire la comunicabilità dei dati, qualunque sia il software utilizzato: ha lo scopo di descrivere i dati dell’edilizia e dell’industria delle costruzioni, non controllato da un singolo fornitore o gruppo di fornitori. Si tratta di un formato di file sviluppato da buildingSMART.

I file IFC potrebbero includere, a titolo esemplificativo, le informazioni fotometriche, ossia il modello dei corpi illuminanti/lampade ed il tipo di montaggio di un apparecchio; in tala modo i dati richiesti per l’edificio sono disponibili all’interno del processo di pianificazione generale. Il formato file IFC consente di scambiare dati tra diverse applicazioni software BIM.

Lo sviluppo dello standard IFC estende l’approccio openBIM® a nuove discipline, per una collaborazione sempre maggiore sui progetti.

L’openBIM è un approccio universale alla progettazione collaborativa, alla realizzazione e al funzionamento di edifici basati su standard aperti e flussi di lavoro: favorisce un flusso di lavoro trasparente e aperto che consente a tutti gli attori del progetto di partecipare in modo coordinato, indipendentemente dal software utilizzato. E’ cioè un modo logico per l’interazione tra loro: l’openBIM consente di lavorare insieme, è la capacità di trasferire informazioni, è in grado di cancellare i confini e rendere più trasparenti i processi nel settore delle costruzioni.

usBIM.viewer+  il software gratuito per il BIM in formato IFC.

ACCA da sempre si è posta a favore di un approccio aperto per aiutare il settore dell’edilizia, sostenendo la vera disponibilità di dati e la piena libertà di collaborazione nei processi BIM: per questo è l’esperto N°1 dell’IFC-OpenBIM.

IFC-Open BIM vuol dire libertà di comunicare, condividere, collaborare: lo standard IFC-Open BIM consente infatti il dialogo tra tutti gli operatori che lavorano sul modello digitale della costruzione durante tutto il suo ciclo di vita, dalla progettazione all’esecuzione, dalla manutenzione alla dismissione dell’opera. L’IFC-Open BIM, inoltre, permette l’accesso per illimitato e libero ai dati, indipendentemente dal software e dalla versione del software che li ha prodotti.

In questo quadro si inserisce la distribuzione di usBIM.viewer+, il software gratuito per visualizzare e modificare i modelli BIM in formato IFC.

file IFC _ editing-modello-BIM

Si tratta di molto più di un semplice visualizzatore IFC: usBIM.viewer+ è infatti  l’IFC viewer/converter gratuito che consente di lavorare liberamente su un modello BIM in formato IFC. Consente di:

  • aprire e visualizzare i file BIM in formato IFC
  • editare e modificare il modello BIM in formato IFC
  • convertire in file IFC i tuoi modelli 3D (DWG, SKP, 3DS, ecc.)
  • condividere i propri progetti nel cloud.

usBIM.viewer+ cambia completamente il potenziale uso del formato IFC del modello BIM. Il formato file IFC diventa, infatti, non solo garanzia di accesso al dato nel tempo indipendentemente dal software con cui il modello è stato prodotto, ma anche il formato in cui gestire liberamente le informazioni durante la fase di esecuzione e di manutenzione della costruzione.

 

 


Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo del BIM?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *