Hyperloop: il treno ultraveloce ideato da Elon Musk (Tesla)

La Virgin Hyperloop One è sulla buona strada per raggiungere il suo ambizioso piano di mettere in funzione la prima tratta di treni ultra veloci entro il 2021

Una crescente economia globale richiede modalità di trasporto più veloci, più economiche, più sicure e più efficienti. Le strade, gli aeroporti ed i porti attuali sono congestionati; da queste considerazioni Elon Musk, il fondatore di Tesla, in collaborazione con la Virgin, ha sviluppato un’idea nata nel 2013 che promette di rivoluzionare il sistema dei trasporti.

Si tratta di treni ultra veloci che scorrono su binari magnetici all’interno di tubi, ciò al fine di neutralizzare gli acerrimi nemici dei treni tradizionali: attrito e resistenza dell’aria.

hyperloop

La Virgin Hyperloop One è un progetto nato nel 2014, con l’obiettivo di permettere viaggi ultra veloci eliminando le barriere della distanza e del tempo, riducendo inoltre le emissioni ed i costi rispetto ai sistemi di trasporto tradizionale.

Con 300 dipendenti che lavorano nell’Innovation Campus di Los Angeles, il progetto è portato avanti da una società nata grazie ad una rete di partner pubblici e privati che ha stanziato 295 millioni di dollari. Volto e rappresentante di questo grande sistema di partnership è Elon Musk il fondatore di Tesla.

Il sistema di partnership pubblico-privato, a livello internazionale, è stato fondamentale per progettare il nuovo sistema di trasporti e sperimentare la tecnologia Virgin Hyperloop One nel modo più veloce. Infatti aziende ed enti di tutto il mondo hanno permesso di realizzare dei prototipi di treni e tratte sia negli Stati Uniti sia a Dubai.

Hyperloop è una nuova modalità di trasporto che sposta merci e persone rapidamente lungo una tratta a propulsione elettrica, il treno corre all’interno di un tubo a bassa pressione.

Il veicolo galleggia sopra la pista grazie alla tecnologia a levitazione magnetica e scivola a velocità pari a quella di un’aereo a causa della resistenza aerodinamica ultra-bassa.

Virgin Hyperloop può correre in tratte di “tubazioni” sopraelevate costruite su pilastri o in dei tunnel scavati nel sottosuolo. Le tratte devono essere completamente chiuse per evitare incroci ed ostacoli, come la fauna selvatica, che a causa dell’altissima velocità potrebbero essere fonti di pericolo.

hyperloop

Il sistema innovativo di trasporto oltre ad essere completamente chiuso è anche autonomo, senza pilota, neutralizzando così sia gli errori del conducente sia le interferenze ed i rischi meteorologici. È sicuro e pulito, senza emissioni di anidride carbonica dirette.

Si stima che la velocità massima per un veicolo passeggeri, o a carico leggero, sarà di 1080 chilometri all’ora, 2-3 volte più veloce di treni ad alta velocità e treni classici a levitazione magnetica e 10-15 volte più veloce rispetto ai treni tradizionali.

L’dea di viaggiare ad alta velocità in tubi sotto pressione, non è recente, era già in circolazione dalla fine dell’800. Tuttavia in tempi moderni a riprendere quest’idea è stato il CEO di SpaceX, Elon Musk che ha pubblicato il suo white paper nell’estate del 2013.

L’ obiettivo è avere delle tratte complete a metà del 2020, ed operative per il 2021, la capacità di raggiungere questo obiettivo dipenderà molto dall’adeguamento del sistema normativo e burocratico, a questa nuova forma di trasporto. Saranno infatti necessari numerosi test e certificazioni che attesteranno la sicurezza del sistema.

 

 

Scopri Edificius, il BIM italiano n.1 per la progettazione architettonica

 

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo del BIM?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *