La casa sulla cascata progettata con un software BIM

La Casa sulla Cascata: il capolavoro dell’architetto Frank Lloyd Wright simbolo dell’architettura organica

La Casa sulla Cascata è un progetto realizzato dall’architetto Frank Lloyd Wright tra il 1936 e il 1939. Fu commissionata da Edgar J. Kaufmann, un ricco commerciante di Pittsburgh.

La casa (più nota con il nome di Fallingwater Casa Kaufmann, dal nome del suo proprietario) è situata in prossimità di una cascata sul torrente Bear Run, immersa nei boschi della Pennsylvania.

Il progetto, ad oggi, è considerato uno dei capolavori dell’architettura organica per lo straordinario equilibrio che la costruzione instaura con la natura circostante.

L’architettura organica concepisce un nuovo stile di progettazione basato principalmente sull’armonia e l’equilibrio tra uomo e natura, grazie anche a un utilizzo di materiali del luogo. La Casa sulla Cascata esemplifica al meglio la filosofia dell’architettura organica.

Architettura del progetto

L’edificio sorge su un terreno di circa 6 kma cui si accede lungo un percorso impervio e irregolare a causa di un forte dislivello del terreno e la presenza di rocce lungo il percorso.

La struttura si sviluppa intorno ad un blocco roccioso, vero fulcro della costruzione, ben visibile nell’ampio salone collocato al piano principale dell’edificio, in adiacenza al quale è disposto il tipico camino centrale.

Al piano principale, oltre al soggiorno, sono presenti anche cucina e sala da pranzo. Delle scale conducono al piano superiore adibito alla zona notte.

L’ultimo piano dell’abitazione (di dimensioni ridotte) è stato progettato per accogliere un piccolo studio e una camera da letto.

La struttura si caratterizza per la presenza di numerose terrazze progettate lungo i 4 pilastri dal quale sorgono i livelli dell’edificio.

I tre piani della casa arretrano gradualmente dal corpo roccioso centrale. L’asimmetricità e lo slittamento dei volumi rappresenta l’organico disordine caratteristico della natura del posto.

Anche gli interni della casa sembrano inglobarsi con la natura stessa. Ogni elemento di arredo è studiato con cura. I rivestimenti interni sono stati realizzati con materiali del luogo, per enfatizzare il forte equilibrio che si instaura tra la costruzione e la natura circostante.

La Casa sulla Cascata rappresenta l’espressione esemplare dell’architettura organica: un’architettura che rompe gli schemi progettuali e che non presenta nessuna simmetria.

I grandi ambienti e le grandi vetrate (a sviluppo verticale e orizzontale) per una maggiore introspezione della luce enfatizzano armonia e equilibrio tra uomo e natura.

Nei prossimi appuntamenti vedremo come Wright avrebbe potuto realizzare La Casa sulla Cascata grazie all’utilizzo di un software BIM Oriented.

Leggi la seconda parte del focus

Clicca qui per conoscere Edificius, il software per la progettazione architettonica BIM

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo del BIM?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *