Pannelli fotovoltaici flessibili, il futuro delle rinnovabili

Si moltiplicano negli ultimi anni le aziende che producono pannelli fotovoltaici flessibili, di piccole dimensioni, portatili e vendibili in rotoli

Con la diffusione in tutto il mondo dell’energia solare, cresce la consapevolezza dei grandi vantaggi che essa offre:

  • permette ai nostri edifici di garantire un elevata efficienza energetica con conseguente risparmio economico
  • è sinonimo di sostenibilità e rispetto dell’ambiente, permettendo di abbandonare fonti energetiche inquinanti
  • permette l’autonomia dai grandi distributori e dalle reti di energia elettrica, rendendo queste tecnologie portatili e facilmente trasportabili
  • garantisce prestazioni elevate in termini: di durata di vita, di resistenza agli urti e agli agenti atmosferici, flessibilità di utilizzo

L’incredibile sviluppo del settore, e le immense potenzialità ancora da sfruttare, sta portando tante aziende ad investire su queste tecnologie in termini di ricerca e sviluppo.

Uno degli obiettivi è migliorare continuamente l’efficienza delle celle solari, rendendole  più durevoli, di dimensioni sempre più contenute ed applicabili a situazioni quotidiane come l’alimentazione di telefoni, veicoli, ed altri dispositivi intelligenti.

Una soluzione che gli scienziati e gli ingegneri hanno escogitato, per facilitarne la diffusione, è la capacità delle nuove celle di flettersi e curvarsi attorno agli oggetti. Le celle solari flessibili diventano così dei veri e propri fogli, vendibili anche in rotoli.

Pannelli fotovoltaici flessibili

In questo modo si possono adattate a oggetti e dispositivi che prima non erano compatibili con le classiche celle solari rigide, come quelle utilizzate nei pannelli solari residenziali e commerciali.

Applicazioni e vantaggi

Vediamone alcune applicazioni.

I primi esempi di celle solari “non piane” li ritroviamo nella realizzazione di impianti fotovoltaici su coperture di edifici nei centri storici (tegole solari) o per coperture curve; tuttavia questi pannelli erano ancora rigidi, seppur di forma curva.

Oggi grazie alle celle flessibili i pannelli solari di nuova generazione si adattano a tutte le coperture, di qualsiasi forma e di qualsiasi materiale.

Nelle grandi metropoli sono già ampiamente diffusi anche come rivestimenti per le pareti verticali degli edifici e dei grattacieli.

In questo modo si supera la difficoltà di trovare ampie superfici orizzontali dove poterli istallare. Infatti le poche superfici piane sulla sommità degli edifici spesso sono occupate da impianti (climatizzazione, antincendio, antenne radio/tv, ecc.).

La radicale innovazione offerta da questa tecnologia è nella facile “trasportabilità” poiché questi pannelli/celle sono leggeri e quindi portatili: è possibile portarli in viaggio, in campeggio ed in aree poco accessibili; inoltre possono essere applicati su tutti i mezzi di trasporto, dalle imbarcazioni alle biciclette.

In questo modo si può avere una fonte di energia ovunque, da utilizzare per caricare batterie portatili o alimentare qualsiasi dispositivo elettronico.

La continua ricerca ha inoltre permesso di immettere sul mercato fogli con celle solari di qualsiasi dimensione e dal peso veramente irrisorio, le più performanti possono addirittura essere applicate come degli adesivi su qualsiasi superficie!

Pannelli fotovoltaici flessibili

Questo tipo di pannello flessibile utilizza strati in silicio ultrasottile ad alta efficienza sovrapposti l’uno sull’altro per costituire la cella fotovoltaica, una tecnologia utilizzata da anni che però continua ad evolvere.

Pannelli fotovoltaici flessibili

Scienziati di tutto il mondo stanno lavorando sui principali punti di debolezza di queste innovative celle:

  • il costo di produzione, che seppure in diminuzione è ancora un ostacolo per la loro competitività sul mercato. Per ridurre il costo di produzione, i pannelli solari flessibili devono essere fabbricati mediante la lavorazione roll-to-roll, il che significa che devono essere prodotti su una plastica flessibile o una lamina metallica che può essere arrotolata. Un metodo per ottenere ciò è attraverso la stampa a getto di inchiostro, che consentirebbe di inserire i componenti di colorante ed elettrolita nella lamina.
  • la durata di vita dei moduli. È importante che la quantità di energia prodotta da una cella solare flessibile nel corso della sua vita sia maggiore della quantità necessaria per produrre e trasportare la stessa cella solare. Se così non fosse, allora la cella solare in questione non potrebbe essere considerata una risorsa rinnovabile.

 

Clicca qui per conoscere Solarius-PV il software per la progettazione di impianti solari fotovoltaici

 

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo del BIM?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *