Come progettare un bagno, la guida completa

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Progettare un bagno, ecco una guida completa con schemi di bagni, riferimenti normativi, misure tipiche, oggetti e modelli 3D da scaricare

Progettare un bagno richiede sempre grande attenzione, sia che il bagno (già esistente) debba essere ristrutturato, sia in caso di una nuova realizzazione.

In questo focus ti mostro come progettare un bagno e ti fornisco alcuni schemi e modelli 3D che puoi usare anche come spunto per i tuoi prossimi progetti. Per aprire e modificare i modelli 3D, o per creare nuovi progetti puoi utilizzare lo stesso software che ho utilizzato io, Edificius (scarica gratis la versione Trial), il software BIM per la progettazione architettonica.

Vista fotorealistica di un bagno

Progetto di un bagno | Render realizzato con Edificius

Quello che ti ho appena proposto è il render del bagno che ho progettato con Edificius; scarica la trial e prova anche tu la semplicità di modellare i tuoi progetti e realizzare immagini fotorealistiche come questa.

Schemi di bagni

In questo articolo parlerò della progettazione del bagno nelle civili abitazioni; ti consiglio di leggere anche il nostro approfondimento sulla progettazione di bagni per diversamente abili.

Nelle abitazioni normalmente troviamo:

  • servizi igienici principali
  • servizi igienici secondari.

I servizi igienici principali sono solitamente quelli fruibili anche dagli ospiti: hanno generalmente dimensioni maggiori e sono caratterizzati da una migliore cura dei dettagli e dello stile. Devono essere dimensionati e distribuiti in modo da ospitare, in modo fruibile, la seguente dotazione minima di apparecchi:

  • water
  • bidet
  • lavandino
  • vasca o doccia.

Inoltre, qualora non sia ospitata in un locale appositamente dedicato, è opportuno prevedere anche l’istallazione di una lavatrice che può essere anche integrata in armadi o mobili su misura.

Il render mostra il modello di un bagno realizzato con Edificius

Come progettare un bagno | Render realizzato con Edificius

 

Il render mostra il modello di un bagno realizzato con Edificius

Render di un bagno realizzato con Edificius

Anche i render che hai appena visto sono stati realizzati con Edificius; questi rappresentano alcuni esempi di servizi igienici principali.

I servizi igienici secondari (o bagni di servizio) sono quelli utilizzati dai componenti della famiglia e non hanno alcun ruolo di rappresentanza. Possono essere dimensionati anche per contenere solo alcuni degli apparecchi igienici sopra elencati.

Ti propongo ora alcuni schemi grafici di bagni differenziati in base alla disposizioni degli apparecchi sanitari ed alla geometria dell’ambiente. La disposizione delle apparecchiature sanitarie è sempre studiata per consentire una buona fruibilità dello spazio e dello svolgimento di tutte le operazioni ricorrenti.

A seconda dello spazio a disposizione, è possibile disporre i sanitari:

  • in linea
  • ad angolo
  • su lati opposti.

Bagni in linea

Nei bagni in linea gli apparecchi igienici sono posti sul lato lungo dell’ambiente.

In genere questa distribuzione è consigliabile quando si ha a disposizione uno spazio stretto e lungo.

Rappresentazione di uno schema di bagno con apparecchi in linea

Schema di bagno con apparecchi in linea

Bagni ad angolo

Nei bagni ad angolo gli apparecchi igienici sono posti lungo due lati contigui dell’ambiente. Questo schema, così come quello ‘in opposizione’, è consigliabile quando si ha a disposizione una pianta piuttosto quadrata.

Rappresentazione di uno schema di bagno che presenta apparecchi ad angolo

Schema di bagno con apparecchi ad angolo

Bagni in opposizione

Nei bagni in opposizione, gli apparecchi igienici sono posti lungo due pareti opposte tra di loro.

Rappresentazione dello schema di un bagno che presenta apparecchi opposti e dotato di una finestra

Schema di bagno con apparecchi opposti con finestra

 

Rappresentazione dello schema di un bagno che presenta apparecchi opposti e dotato di una finestra

Schema di bagno con apparecchi opposti senza finestra

Riferimenti normativi

Un bagno per civile abitazione deve rispettare le disposizioni previste dalla normativa vigente. Solo in questo modo è possibile assicurare spazi abitativi sicuri e confortevoli.

Gli aspetti da considerare per il bagno sono molteplici e variegati. Si tratta, infatti, di un locale di servizio ma anche di relax, spesso di dimensioni contenute, che vede la presenza contemporanea di acqua ed elettricità.

Quando si costruisce una nuova abitazione, e quando se ne ristruttura una esistente (anche se si interviene su un solo locale, come il bagno), è obbligatorio attenersi alle norme igienico-sanitarie, a quelle edilizie e a quelle di sicurezza che regolano le caratteristiche degli alloggi abitativi e delle singole stanze, compreso il bagno.

Le norme principali sono:

  • il dm 5 luglio 1975, che disciplina la materia a livello nazionale
  • il Regolamento edilizio di cui ciascun Comune è dotato.

Esistono misure standard nel progettare un bagno?

La legge nazionale (dm 5 luglio 1975) non indica una superficie minima o massima per il bagno, ma si limita a elencare i pezzi indispensabili: vaso, bidet, vasca da bagno o doccia, lavabo. Per sapere quanto deve misurare un bagno è necessario consultare il Regolamento edilizio del proprio Comune.

rappresentazione grafica della pianta di un bagno con dimensioni

Disegno tecnico della pianta di un bagno

Finestre

Nel bagno è obbligatorio avere una finestra?

La normativa nazionale richiede che in tutti i locali di un’abitazione ci sia illuminazione naturale diretta, tranne che in alcuni tra cui i bagni. E’ specificato, però, che nel bagno deve esserci un’apertura verso l’esterno per garantire il ricambio dell’aria oppure un impianto di aspirazione meccanica.

E’ la normativa locale che può dare indicazioni più restrittive, specificando nel dettaglio tutti i requisiti in tema di aeroilluminazione naturale.

Altezza soffitto

In base al dm 5 luglio 1975, l’altezza minima interna dei bagni può essere ridotta a 2,40 m (invece dei 2,70 m richiesti come limite minimo per tutte le altre stanze), come evidente nella sezione renderizzata con Edificius, riportata di seguito.

Rappresentazione di una sezione renderizzata in cui è inserita l'indicazione dell'altezza minima

Sezione renderizzata| Altezza minima

Questo significa che se l’abitazione ha soffitti molto alti, in bagno è possibile inserire ribassamenti e controsoffitti per ricavare vani tecnici o ripostigli sospesi in quota.

Rivestimenti

Altro argomento importante: dove è necessario mettere i rivestimenti e che altezza essi devono raggiungere?

E’ opportuno anzitutto precisare che sarebbe più corretto parlare di superfici lavabili e disinfettabili: attualmente, infatti, molto diffuse sono le resine, o materiali simili, che non sono veri e propri rivestimenti nel senso tradizionale del termine.

In ogni caso non esiste alcun obbligo di portare le superfici lavabili fino a due metri (o più) di altezza; poichè il loro scopo è quello di riparare i muri dall’acqua, infatti, sono necessari unicamente nelle zone soggette a schizzi, quinid doccia e parete dietro i lavandini.

In particolare:

  • per la doccia è opportuno rivestire le pareti almeno fino a 2 m di altezza (a meno di cabina doccia)
  • per la zona rubinetto invece possono bastare 1,20 – 1,40 m
Vista di pianta del progetto di un bagno

Pianta renderizzata del progetto di un bagno

Illuminazione ed impianto elettrico

Di fondamentale importanza nel bagno è la progettazione della luce, naturale e artificiale.

Anzitutto va progettata la luce naturale: finestra o portafinestra, anche se obbligatorie solo in uno dei bagni dell’abitazione, sono uno degli elementi principali per creare un ambiente salubre e di qualità.

Per quanto riguarda l’illuminazione artificiale, occorre tenere in considerazione le due tipologie di illuminazione che serviranno: quella diffusa (generale) e quella puntuale (zona lavabo-specchio).

Bisogna fare in modo che l’illuminazione generale sia soft e che crei un senso di relax. Bisogna invece assicurarsi che quella puntuale, sulle zone di attività (lavabo, specchio, piano di appoggio..) sia ben organizzata in modo da non creare zone d’ombra fastidiose.

È la norma Cei 64-8 V4 ”Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua” che stabilisce le prestazioni minime riguardo all’impianto elettrico domestico e prescrive l’installazione di un numero minimo di punti presa per l’energia separati e di punti luce in funzione del tipo del locale, della dimensione e del livello prestazionale dell’impianto.

Lo standard minimo per il bagno richiede almeno 2 punti presa: solitamente una in corrispondenza dello specchio e una per la lavatrice, considerando di installare anche una presa schuko per tale apparecchio. E, inoltre, almeno due punti luce.

La norma Cei 64/8 prescrive che il comando dei punti luce di ogni locale (compreso il bagno) deve essere posto nei pressi dell’ingresso, non importa se interno o esterno; ovviamente vi possono essere anche punti di comando posizionati in altri posti, purché aggiuntivi a quello menzionato.

Rappresentazione esemplificativa di una sezione con indicazione degli ingressi e delle uscite dell'impianto idrico

Sezione esemplificativa con ingresso/uscita impianto idrico

Sicurezza: acqua e luce insieme

I locali contenenti bagni o docce devono essere classificati, con riferimento alla sicurezza contro i contatti elettrici (diretti e indiretti), come luoghi a rischio aumentato: ecco perché in essi è opportuno prevedere l’adozione di precauzioni particolari, con lo scopo di evitare condizioni pericolose per le persone.

Nel progettare un bagno la progettazione e l’installazione dell’impianto elettrico devono essere eseguite con maggiori prescrizioni tecniche rispetto agli altri ambienti. Esse devono rispondere, oltre che alle prescrizioni generali di sicurezza della norma Cei 64-8, anche a particolari requisiti di sicurezza che riducono il rischio relativo ai contatti diretti o indiretti tipico dell’ambiente bagno.

In sostanza quanto più ci si avvicina alla vasca da bagno o alla doccia tanto più le condizioni di pericolo sono gravi.

In funzione della pericolosità, nei locali bagno e doccia la norma Cei 64-8 (alla sez. 701) individua quattro zone, caratterizzate da un pericolo decrescente man mano che ci si allontana dal bordo della vasca da bagno e/o della doccia. L’immagine seguente mostra schematicamente le quattro zone, indicate con colori diversi.

schema zone impianto elettrico

Schema di bagno – zone impianto elettrico

Ecco una tabella riassuntiva con le caratteristiche delle varie zone.

zonadovecaratteristiche
zona 0individuata dal volume interno alla vasca da bagno o al piatto docciaPer le docce senza piatto, l’altezza della zona 0 è di 10 cm e la sua superficie ha la stessa estensione orizzontale della zona 1.

Data la presenza di acqua in condizioni normale di utilizzo, questa zona deve essere considerata ovviamente la più pericolosa

zona 1individuata dal volume sovrastante la vasca da bagno o il piatto doccia fino a un’altezza di 2,25 mNel caso in cui il fondo della vasca o della doccia sia a più di 15 cm sopra il pavimento, la quota di 225 cm verrà misurata a partire dal fondo e non dal pavimento. Per le docce senza piatto la zona 1 si estende in verticale per 120 cm dal punto centrale del soffione posto a parete o a soffitto. La zona 1 non include la zona 0, e lo spazio sotto la vasca da bagno o la doccia è considerato zona 1.

Nella zona 1, si possono installare solo apparecchi utilizzatori fissi e connessi in modo permanente

zona 2comprende il volume immediatamente circostante la vasca da bagno o il piatto doccia, estesa fino a 0,60 m. in orizzontale e fino a 2,25 m. in verticale, con la distanza verticale misurata dal pavimentoPer le docce senza piatto non esiste una zona 2, ma una zona 1 aumentata a 120 cm come indicato al punto precedente.

Nella zona 2 (che corrisponde al volume circostante alla zona 1 che si sviluppa in verticale, parallelamente e ad una distanza in orizzontale dalla zona 1 di 0,6 m, fino ad un’altezza di 2,25 m dal piano del pavimento) si possono installare solo:
• scaldacqua elettrici;
• apparecchi di illuminazione di Classe I e II, apparecchi di riscaldamento di Classe I e II ed unità di Classe I e II per vasche da bagno per idromassaggi che soddisfino le relative Norme

zona 3si ottiene dal volume esterno alla zona 2, o della zona 1 in caso di mancanza del piatto doccia, fino alla distanza orizzontale di 2,40 m 

Qui si possono disporre le prese necessarie per il normale utilizzo di elettrodomestici come la lavatrice o il boiler elettrico.

Le quattro zone non si estendono all’esterno del locale attraverso le aperture: questo vuol dire che l’interruttore posto fuori dalla porta del bagno è ammissibile, anche se dista a meno di 60 cm dal bordo della vasca e/o del piatto doccia.

Riassumendo:

  • Il dm 5 luglio 1975 definisce i minimi di legge da tenere in considerazione. In aggiunta a questo è sempre necessario consultare eventuali normative comunali.
  • Per il dimensionamento e la giusta progettazione dell’impianto elettrico fare riferimento alla CEI 64/8.
  • Per la disposizione dei portafrutti consultare la CEI 64/50.
  • Per quanto riguarda le dimensioni dello scarico, far riferimento alla norma UNI EN 12056-2:01.
  • Consultare la norma UNI 91822:2014 per l’impianto di alimentazione e distribuzione dell’acqua.
  • Per conoscere le dimensioni e la posizione degli impianti igienici, è opportuno sempre consultare la scheda tecnica del produttore. Questo sarà utile anche per capire la dimensione e il posizionamento preciso degli impianti di alimentazione e scarico dell’acqua.
  • Posizionare gli oggetti di arredo coerentemente alla loro funzione.

 

Della stessa collana leggi anche:

Come progettare un bagno: download

Scarica i dwg in formato zip degli elaborati del progetto
Scarica il modello 3D BIM versione EDUCATIONAL(file .edf) del progetto
Scarica il modello 3D BIM TRIAL(file .edf) del progetto

Video: Ecco come progettare un bagno

 

edificius
edificius
2 commenti
    • Michele Santoro dice:

      Aniello, grazie per l’attenzione con cui ci segui e per il suggerimento.
      Abbiamo già avuto modo di trattare la progettazione del bagno e la progettazione del bagno per persone diversamente abili: il tema che ci proponi è certamente interessante e di utilità.
      Ne valuteremo senz’altro l’inserimento nel piano editoriale. Continua a seguirci e buon lavoro

I commenti sono chiusi.