Progettazione degli spazi esterni: Daegu Gosan Public Library

Progettazione degli spazi esterni: Daegu Gosan Public Library

Dalla modellazione del terreno all’inserimento della vegetazione, vediamo come approcciare la progettazione degli spazi esterni con un software BIM: video di dettaglio del progetto per la Daegu Gosan Public Library

Il vantaggio del software BIM rispetto ai vecchi software di progettazione architettonica, è soprattutto quello di integrare al proprio interno tante caratteristiche e funzionalità.

Ad esempio le funzionalità legate alla modellazione del terreno 3D o più in generale agli spazi esterni, si possono trovare in un software BIM come Edificius. Si ha così la possibilità così di avere integrate le caratteristiche di un software per la progettazione urbanistica e del paesaggio.

Ecco un esempio legato al progetto della Daegu Gosan Public Library, realizzato dallo studio Martin Fenlon Architecture, e di come si può lavorare sugli spazi esterni con il software BIM Edificius.

Creazione di un vialetto con un software BIM

  • Nell’ambiente terreno di Edificius, nel livello progetto, importiamo la pianta in formato dwg utilizzando l’oggetto “Disegno DXF/DWG” presente nel menu “GRAFICA 2D”. Utilizziamo la pianta come traccia del disegno.
  • Min 00:35 – Il tracciamento del viale viene effettuato tramite l’oggetto “STRADA”. Nel toolbox delle proprietà, che troviamo a destra, impostiamo una larghezza di 3,5 m e definiamo l’allineamento di tracciamento della strada. Procediamo quindi al disegno della strada per punti sulla pianta dwg precedentemente importata. Otterremo una spezzata formata da tratti lineari. Per i tratti curvilinei procediamo alla trasformazione del tratto lineare in curvilineo. Bisogna cliccare con il tasto destro del mouse sul tratto e selezionare l’opzione “Cambia in arco”.

Definizione delle quote del vialetto

  • Nella Vista 3D procediamo alla definizione dell’andamento altimetrico del viale. Selezioniamo i singoli punti dei vari tratti che compongono il viale e assegniamo ad ognuno la quota. La quota può essere assegnata cliccando su quella esistente che compare sopra al punto quando viene selezionato. Bisognerà digitare da tastiera la sua quota reale, oppure editarla nel toolbox delle proprietà o manualmente agganciando il punto alla quota desiderata.

Modellazione del terreno con un software BIM

 

  • Definito il viale dal punto di vista planimetrico ed altimetrico, procediamo alla modellazione del terreno adiacente. Aggiungiamo la scarpata utilizzando lo strumento “Aggiungi scarpata” nel menu. Impostando un offset dal viale pari a 1 m, verrà connesso il viale con il terreno circostante.
  • Min 00:20 – Modelliamo la scarpata così da raccordarla con il terreno sul lato destro e con il marciapiede sul lato sinistro. Selezionando la maniglia (pallino blu) è possibile spostarsi nella direzione desiderata senza vincoli, mentre selezionando la maniglia verde solo in direzione verticale.
  • Inseriamo dei piccoli cordoli ai bordi del viale utilizzando lo strumento “Solido su Terreno”. Nel toolbox delle proprietà alla voce profilo scegliamo dal catalogo una forma rettangolare di dimensioni 160×50 mm. Attiviamo l’opzione di generazione automatica del cordolo selezionando l’opzione “Strada Piazzale” (bacchetta magica) e lo generiamo effettuando un click sui lati della strada.

Inserimento vegetazione e definizione materiali con un software BIM

  • Completiamo la costruzione del viale assegnando i materiali e inserendo la vegetazione lungo il percorso del viale selezionandoli dai relativi cataloghi. Effettuiamo queste operazioni nella vista 3D per notare in tempo reale le scelte effettuate nella vista Real Time Rendering.

Di seguito il video generale della lavorazione effettuata.

 

Impara ad utilizzare il software BIM per la progettazione architettonica Edificius. Scarica subito gratis la Trial e provalo!

 

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo dell'edilizia?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *