Progettazione ponteggi e BIM: collaborazione e condivisione alla base del successo

Collaborazione tra progettisti e condivisione di informazioni e dati anche nella progettazione ponteggi per ottimizzare tempi e risorse, avere maggior velocità di esecuzione dei lavori e minor numero di infortuni

Per la realizzazione o la ristrutturazione di un qualsiasi edificio è necessario montare un adeguato ponteggio, ossia una struttura provvisionale (cioè a disposizione del cantiere per un periodo di tempo limitato) reticolare multipiano necessaria per la realizzazione, la manutenzione e il recupero di opere edilizie ad altezze superiori ai 2 metri.

Realizzazione, manutenzione, recupero: si comprende bene come il ponteggio rappresenti un elemento sempre presente, e particolarmente importante, nel cantiere; questa importanza è legata anche al concetto di sicurezza insito nell’elemento ponteggio.

Se la sua funzione è infatti quella di permettere di realizzare, mantenere, recuperare opere ad una certa altezza, è evidente che il ponteggio deve consentire tutto questo ponendo i lavoratori nelle migliori condizioni di lavoro e, soprattutto, in condizioni di assoluta sicurezza.

Sappiamo infatti che le cadute dall’alto rappresentano uno delle principali cause di infortuni sul lavoro in Italia.

Ecco dunque che la progettazione ponteggi rappresenta una parte fondamentale e delicata dell’intero processo di progettazione ed perché essa non può non trovare posto nel flusso di progettazione BIM.

progettazione ponteggi

D’altra parte: quanto impegno e quanto tempo il tecnico  dedica oggi alla progettazione del ponteggio per renderlo coerente con il tipo di progetto (di architettura, di struttura, di impianti)?

Come detto, frequentemente e da più parti, parlando di BIM la collaborazione e la condivisione di dati ed informazioni da parte di tutti i progettisti rappresentano una necessità e sono indispensabili per poter fruire dei vantaggi che il BIM consente di perseguire: processi più veloci ed efficienti, incremento di produttività, controllo e riduzione dei costi dell’intero ciclo di vita dell’opera, eliminazione dei costi di re-work, sovrapposizione dei modelli per individuare eventuali errori di progettazione e controllo correttezza dei modelli in base alle normative.

Affinché l’attività di progettazione ponteggi svolga adeguatamente la sua funzione è necessario che sia pienamente coinvolta nel processo di progettazione globale, in quanto deve tener conto e valutare le interazioni tra le altre attività progettuali (architettonica, strutturale, impiantistica, ecc.).

Uno strumento di progettazione ponteggi estremamente utile, innovativo e semplice da utilizzare, è quello proposto da ACCA software, l’azienda leader in Italia nel software per l’edilizia.

CerTus-PN, presentato nella nuova versione BIM ONE, è il primo software BIM specializzato per la progettazione dei ponteggi e la redazione del PiMUS.

progettazione ponteggi - modellazione BIM

CerTus-PN BIM ONE si integra tramite l’implementazione di specifiche funzioni con la piattaforma collaborativa usBIM.platform, per una migliore e più sicura condivisione delle attività con tutti coloro che lavorano al progetto, all’esecuzione o alla manutenzione della costruzione.

Il software consente di prelevare dal cloud i modelli BIM in formato IFC della costruzione su cui progettare il ponteggio o redigere il PiMUS e, dopo aver lavorato in CerTus-PN BIM ONE, salvare modello e relazioni tecniche direttamente sul cloud scegliendo in quale cartella salvare i file e con chi condividerli.

La piattaforma collaborativa BIM permette di avere un dialogo aperto e continuo con ognuno degli stakeholder che interviene sulla costruzione durante il suo ciclo di vita come progettisti, imprese di costruzione, imprese di manutenzione, imprese impiantistiche, committente, ecc..

Con il nuovo CerTus-PN BIM ONE il tecnico può entrare nel flusso di creazione del modello BIM, con una migliore organizzazione del lavoro ed un maggiore controllo dei risultati.

progettazione ponteggi - integrazione

CerTus-PN BIM ONE importa modelli BIM di progetti architettonici, impiantistici e strutturali nel formato standard IFC o anche modelli BIM del terreno su cui poggiare il ponteggio.

In alternativa al modello BIM, il tecnico può scegliere di disegnare il ponteggio partendo dal file dwg o dxf o dall’immagine della facciata della costruzione: una procedura guidata lo segue ed assiste in ogni fase della progettazione.

Con CerTus-PN si disegna direttamente in 3D, partendo dal modello BIM della costruzione, inserendo oggetti prelevati da catalogo. In questo modo si genera un flusso di lavoro in cui il modello dell’edificio funge da guida per la progettazione del ponteggio.

Scelta la tipologia di ponteggio (prefabbricati con telaio a H o con telaio a portale, multidirezionali, a tubi e giunti, a montanti e traversi prefabbricati, misti), è sufficiente posizionarla e trascinarla lungo lo sviluppo della costruzione per ottenere, in un’unica fase di input, un ponteggio completo di tipo standard, che potrà essere liberamente personalizzato con tutti gli oggetti 3D specifici presenti nel catalogo.

Partendo dal semplice disegno del ponteggio, CerTus-PN BIM ONE permette di ottenere automaticamente tutti i documenti previsti dalle norme per la sicurezza dei ponteggi e quelli necessari per il loro montaggio, uso o smontaggio.

  • PiMUS, Piano di Montaggio Uso e Smontaggio dei ponteggi metallici fissi
  • Disegno esecutivo dei ponteggi
  • Planimetria di cantiere
  • Computo metrico / distinta dei materiali
  • Valutazione del rischio scariche atmosferiche
  • Verifica degli ancoraggi

Tutti gli elaborati sono dinamicamente collegati al modello BIM del ponteggio, qualsiasi modifica, quindi, aggiorna i dati delle relazioni e delle stampe in modo da avere tutti gli elaborati sempre coerenti tra loro ed aggiornati. Grazie alla progettazione BIM ottieni automaticamente efficaci presentazioni grafiche componendo tavole di disegno tramite il drag and drop di piante, sezioni, prospetti o viste 3D.

progettazione ponteggi - Tavole_Esecutive

La modellazione BIM 3D ti permette di avere subito evidenza di eventuali criticità da considerare per la sicurezza dei lavoratori.

CerTus-PN BIM ONE sarà presentato in anteprima nazionale al prossimo SAIE (Bologna, 17-20 ottobre 2018).

 

Clicca qui per richiedere il biglietto omaggio SAIE 2018

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo del BIM?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *