progettazione scale interne

Come progettare una scala: criteri, norme ed esempi da scaricare

Progettazione scale interne: ecco la guida completa con criteri generali, regolamenti, esempi e file da scaricare subito

In questa guida alla progettazione scale interne approfondiamo l’analisi delle caratteristiche principali delle scale, ponendo particolare attenzione ad alcuni aspetti pratico/teorici che ne consentono la corretta progettazione.

Avremo modo di vedere, con la possibilità di scaricare subito, sia schemi di diverse tipologie di scale, che riproponiamo in formato DWG con piante e sezioni, che un progetto completo. Al termine della guida un pratico video ci illustra la progettazione scale interne realizzata con un software di progettazione architettonica BIM.

progettazione scale interne

 

 

Scarica il modello 3D BIM (file .edf) dei progetti delle diverse tipologie di scala

 

 

 

Le scale sono gli elementi strutturali che permettono il collegamento tra i diversi piani di un fabbricato. In linea generale una scala è costituita dai seguenti elementi:

  • gradini
  • rampa
  • pianerottolo

I gradini sono elementi orizzontali che si susseguono a quote via via crescenti per consentire all’utente di salire o scendere le scale per passare da un piano all’altro di una costruzione.

Una rampa di scale è costituita da un insieme di gradini consecutivi. Una scala può essere composta da più rampe, divise da pianerottoli.

Il pianerottolo è un elemento orizzontale di connessione tra 2 o più rampe; consente all’utente di riposarsi o accedere alle varie zone servite dalla scala. Il pianerottolo può essere di piano (consente l’accesso alle zone del piano) o di interpiano (collega più rampe tra loro).

La differenza in quota tra un gradino e il successivo è definita alzata. La profondità dello scalino è detta pedata.

progettazione scale interne - scala a L

Progettazione scale interne, tipi di scala

Le scale possono essere classificate in funzione del materiale adottato:

  • scale in c.a.
  • scale in acciaio
  • scale in legno

I tipi più diffusi di scale in c.a. sono

  1. scala a soletta rampante, costituita da una soletta in c.a. armata (una sorta di trave a spessore) sulla quale sono realizzati i gradini. Strutturalmente la soletta poggia su una trave di partenza e una di arrivo.
  2. scala con trave a ginocchio, costituita da una particolare trave emergente, detta trave a ginocchio per la sua particolare forma a ‘z’, su cui sono innestati i gradini con comportamento a mensola.

Le scale possono essere classificate anche in ragione della pendenza. Una scala può essere:

  • a pioli, se è quasi verticale e dunque i gradini fungono da appoggio per i piedi tanto quanto da appiglio per le mani
  • tecnica, se la pendenza è comunque molto elevata (superiore ai 50°); queste scale sono previste per usi occasionali di manutenzione e simili
  • comune, compresa tra i 20° e i 45°; quelle ad uso privato hanno generalmente i valori maggiori di pendenza.
Progettazione scale interne-Scala a tenaglia-SEZIONE

Scala a tenaglia – sezione

Progettazione scale interne, la forma della scala

Lo spazio che si ha a disposizione, e la posizione che andrà ad assumere la scala, influiscono sulla scelta di quest’ultima.

Sfruttare al meglio un angolo o una parete significa scegliere un modello piuttosto che un altro, così come se la scala deve occupare il centro di una stanza andrà scelta proprio per questo scopo.

La forma in pianta del corpo scala può essere un poligono regolare, irregolare oppure un cerchio, un’ellisse, ecc.

I gradini devono sempre essere perpendicolari ai muri della gabbia, in modo che le irregolarità siano concentrate nei pianerottoli.

Il vano scala nella maggior parte dei casi può essere:

  • a pianta rettangolare, con spazio sufficiente per due rampe parallele che si incontrano nei pianerottoli di piano o interpiano
  • a pianta quadrata, con la scala che gira intorno al vano ascensore (scala a pozzo)
  • a pianta circolare (o in certi casi ellittica), in tal caso si parla di scala a chiocciola.

progettazione scale interne

Scale interne a rampa

Le scale a rampa sono indicate per due situazioni in particolare:

  1. quando la scala è da addossare a una parete
  2. quando occorre sfruttare un angolo

La scala a rampa può essere:

  • con andamento lineare, che è la più comune e utilizzata
  • con due rampe ad angolo, spesso composte dallo stesso numero di gradini e interrotte da un piano intermedio (e che nella pianta viene ad assumere forma rettangolare o quadrata)
  • con due rampe dritte collegate però da gradini disposti a ventaglio (che in pianto assumeranno un andamento curvilineo)
  • con rampe miste, costituite da un tratto curvilineo e da uno rettilineo

Progettazione scale interne-Scala a pianta rettangolare

Scala a pianta rettangolare

 

Scale interne a chiocciola

Le scale a chiocciola, o elicoidali o circolari, sono indicate quando la scala sarà posta al centro di una stanza. Le scale a chiocciola possono essere di due tipi:

  • con i gradini agganciati a un elemento centrale, detto spina o piantone, fissato a terra e a soffitto e con funzione portante
  • senza il sostegno centrale, nel qual caso la struttura della scala viene assicurata a terra e al punto di arrivo.

Le scale a chiocciola hanno un ingombro a terra inferiore e sono indicate quando lo spazio a disposizione quindi è limitato. In pianta, le scale a chiocciola possono avere pianta circolare, quadrata o ellittica.

Progettazione scale interne-Scala a chiocciola

Scala a chiocciola

 

I dati che incidono sulla scelta del modello di scala sono:

  • differenza tra i due livelli da collegare: quando questa differenza non supera i 250 cm si può utilizzare una scala a rampa continua, quando supera i 300 cm si può utilizzare un modello ad angolo, mentre per altezze maggiori è consigliabile un modello con pianerottolo intermedio che interrompe la salita
  • ingombro che la scala potrà occupare a terra
  • peso della scala stessa e quello che mediamente dovrà sostenere
  • posizione di porte e finestre e di altri elementi che è importante lasciare liberi, per evitare che la scala impedisca aperture e accessi
  • posizione della scala stessa all’interno delle stanze: in un angolo, addossata a una parete, al centro di una stanza.

Progettazione scale interne, lo sfalsamento

Uno degli aspetti progettuali più importanti di una scala (e spesso molto sottovalutato) è lo sfalsamento da assegnare alle rampe.

Si definisce sfalsamento la distanza tra l’ultima alzata della prima rampa e la prima alzata della seconda rampa.

Lo sfalsamento rappresenta un ‘artificio strutturale’ che garantisce una serie di vantaggi (sia estetici che funzionali), primo tra tutto la continuità del corrimano. A livello estetico è assicurato l’allineamento tra gli intradossi delle rampe e l’intradosso del pianerottolo.

La continuità del corrimano all’interno di una scala in un edificio è importante non solo per garantire la sicurezza dei fruitori della scala, ma anche perché offre la possibilità, in caso di presenza di persone disabili, di montare un eventuale montascale.

In funzione delle grandezze geometriche in gioco, è possibile avere 3 tipi di sfalsamento:

  • sfalsamento in avanti, quando la prima alzata della seconda rampa si trova più avanti dell’ultima alzata della prima rampa
  • sfalsamento indietro, quando la prima alzata della seconda rampa si trova più avanti dell’ultima alzata della prima rampa
  • sfalsamento nullo, quando le due alzate risultano allineate

Nel caso in cui d=a/2 (massetto + rivestimento gradino pari alla metà dell’alzata), lo sfalsamento risulta nullo e le alzate delle 2 rampe risultano allineate.

Nella figura sottostante la parte evidenziata in rosso (costituita da massetto + rivestimento) è pari a metà dell’alzata: il risultato ottenuto è proprio uno sfalsamento pari a 0 (l’ultima alzata della rampa di arrivo – alzata 1-  è perfettamente allineata alla prima alzata della rampa di partenza – alzata 2).

Progettazione scale interne, normative nazionali e regolamenti edilizi

Gli aspetti normativi, strutturali, ergonomici e di sicurezza per la progettazione delle scale sono regolati dalla Legge 13/1989 e dal dm 236/1989.

È importante tuttavia fare sempre riferimento ai Regolamenti Edilizi Comunali: nella maggior parte dei Comuni le rampe di una scala interna (non considerata per uso pubblico) devono presentare una larghezza minima di 80 cm.

Oltre a prevedere la larghezza della rampa, va considerato il dislivello che si vuole coprire per scegliere la corretta alzata e pedata.

Per costruire una scala interna è necessaria una regolare progettazione del gradino, di conseguenza è opportuno rispettare il rapporto fra alzata (a) e pedata (p): 2a + p = 63 cm.

Da questa formula si deduce che l’alzata ideale è inferiore a 19 cm, mentre la pedata ideale è di 30 cm.

Bisogna precisare però che per usi domestici la pedata può restringersi considerevolmente e sono accettabili alzate leggermente superiori a quella prevista dal regolamento.

Come progettare correttamente la scala

Nel progetto di una scala è opportuno che:

  • i gradini siano, almeno per ciascun interpiano, tutti uguali
  • sia previsto un pianerottolo di sosta al massimo ogni 15 gradini
  • i pianerottoli abbiano larghezza non inferiore a quella delle rampe
  • se possibile, impiegare rampe ad asse rettilineo

 

Progettazione scale interne-Scala lineare

Scala lineare

 

Larghezza delle rampe

La larghezza della rampa è funzione del numero di persone che vi possono transitare contemporaneamente e dell’uso a cui è adibita.

La larghezza delle scale, così come quella dei corridoi, deve essere dimensionata in rapporto al flusso massimo di persone ipotizzabile o determinabile che può attraversarla.

Il flusso di persone massimo viene calcolato nella ipotesi di esodo contemporaneo di tutte le persone che abitano, lavorano o svolgono comunque qualsiasi altro tipo di attività nei locali che hanno accesso dalla scala, rampa o cordonata in esame.

Per la maggior parte dei locali pubblici o aperti al pubblico, la larghezza delle scale in rapporto al deflusso massimo (esodo), così come altre caratteristiche tecniche (rapporto alzata/pedata, caratteristiche delle pavimentazioni, ecc.), viene prescritta da normative specifiche relative alla agibilità di tali locali.

La rampa delle scale interne deve essere larga almeno 80 cm, mentre nel caso di una scala a chiocciola il diametro deve essere almeno di 110 cm. Rispetto al pavimento, l’inclinazione della rampa della scala deve essere compresa fra i 30 e i 60 gradi.

Protezioni

Gli elementi orizzontali o verticali che compongono la ringhiera, devono essere a una distanza massima l’uno dall’altro di 10 cm, mentre il corrimano va posto a 90 cm dai gradini. Nel caso di una balaustra, questa deve essere alta almeno un metro dai gradini.

Per impedire ai bambini troppo piccoli l’accesso alla scala, si possono utilizzare gli stessi cancelletti che si utilizzano per impedire l’uscita dei piccoli su balconi o terrazzi. Si tratta di ringhiere, a volte estensibili per scale di larghezze diverse, che si fissano con ventose a entrambi i lati della rampa oppure si applicano alla scala tramite cerniere laterali. L’apertura di queste protezioni può essere manuale, oppure a serratura o con meccanismo elettronico. Tali protezioni possono essere in legno o in metallo.

Progettazione scale interne-Scala a L

Scala a L

Portata

La scala deve essere in grado di sopportare un peso di 400 kg al metro quadro.

Alzata e pedata

Relativamente alla progettazione di alzata e pedata occorre valutare innanzitutto il dislivello da superare.

L’alzata generalmente è compresa tra i 15 e i 17 cm (max 20 cm in scale di servizio), in edifici pubblici (ospedali, scuole) 13-15 cm; la pedata invece è calcolata tramite relazioni empiriche basate sul lavoro svolto dall’utente nell’affrontare il dislivello.

La formula generalmente usata (già citata in precedenza) è quella di Blondel:

2a + p = 62 ÷ 64 cm

ove: a = alzata e p = pedata

Per scale interne a singoli alloggi il rapporto può essere incrementato come segue:

2a + p = ÷ 65 (valore massimo di a = 23 cm)

E’ consigliabile non superare i 15 gradini a scala e comunque è preferibile avere un maggior numero di gradini piuttosto che alzate troppo grandi, altrimenti le scale risulteranno troppo ripide. Se il gradino poi ha profilo anteriore arrotondato, risulta più pratico e sicuro.

Progettazione scale interne-Scala a tenaglia

Scala a tenaglia

 

Scarica il modello 3D BIM (file .edf) del progetto di scala interna a tenaglia

 

Quali sono i titoli abilitativi necessari per costruire una scala?

Il titolo abilitativo da ottenere per realizzare una scala dipende dal tipo di intervento che si va a realizzare.

In linea di massima, si può affermare che l’inserimento di una scala interna ex novo, che presuppone la demolizione di una parte del solaio o una modifica strutturale richiede come titolo abilitativo la SCIA. Se l’intervento, invece, riguarda immobili sottoposti a particolari vincoli architettonici o storici, può essere necessario il Permesso di Costruire.

Nell’eventualità in cui l’intervento non implichi modifiche strutturali o si tratti di una semplice sostituzione di una scala esistente, potrebbe bastare la CILA, configurandosi un intervento di manutenzione straordinaria.

Se si tratta infine di una riparazione, conservando pendenza, posizione, sagoma e materiali uguali ai preesistenti, l’intervento può ricadere nell’edilizia libera.

 

Clicca qui per conoscere Praticus-TA, il software per i titoli abilitativi in edilizia

 

Progettazione scale interne: dieci cose da ricordare

  1. Prima di iniziare il progetto è necessario consultare i regolamenti del Comune di riferimento;
  2. Le norme nazionali di riferimento sono principalmente:
    • legge 13/1989 (eliminazione delle barriere architettoniche)
    • dm 14 giugno 1989 n. 236 (regolamento di attuazione della legge 13/1989)
    • dm 10 marzo 1998 (Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell’emergenza nei luoghi di lavoro);
  3. Le scale devono presentare un andamento regolare ed omogeneo per tutto il loro sviluppo;
  4. Per ogni rampa di scale i gradini devono avere la stessa alzata e pedata;
  5. Le rampe devono contenere possibilmente lo stesso numero di gradini, caratterizzati da un corretto rapporto tra alzata e pedata;
  6. I gradini delle scale devono avere una pedata antisdrucciolevole a pianta preferibilmente rettangolare e con un profilo preferibilmente continuo a spigoli arrotondati;
  7. Devono essere dotate di parapetto atto a costituire difesa verso il vuoto e di corrimano. I corrimano devono essere di facile prendibilità e realizzati con materiale resistente e non tagliente;
  8. Le rampe di scale che non costituiscono parte comune o non sono di uso pubblico devono avere una larghezza minima di 0,80 m;
  9. Le scale comuni e quelle degli edifici aperti al pubblico devono avere i seguenti ulteriori requisiti:
    • la larghezza delle rampe e dei pianerottoli deve permettere il passaggio contemporaneo di due persone ed il passaggio orizzontale di una barella con una inclinazione massima del 15% lungo l’asse longitudinale
    • la lunghezza delle rampe deve essere contenuta; in caso contrario si deve interporre un ripiano in grado di arrestare la caduta di un corpo umano
    • il corrimano, di altezza 1 m da terra, deve essere installato su entrambi i lati in caso di utenza prevalente di bambini si deve prevedere un secondo corrimano ad altezza proporzionata
    • è preferibile una illuminazione naturale laterale. Si deve dotare la scala di una illuminazione artificiale, anche essa laterale, con comando individuabile al buio e disposto su ogni pianerottolo
      le rampe di scale devono essere facilmente percepibili, anche per i non vedenti
    • devono avere una larghezza minima di 1,20 m, avere una pendenza limitata e costante per l’intero sviluppo della scala;
  10. La progettazione di scale, ad uso pubblico o privato, necessita ovviamente di calcolo strutturale.

 

Scarica i DWG in formato .zip di tutti gli schemi dei progetti delle diverse tipologie di scale

 

 


Come progettare una scala con un software BIM

progettazione scale interne tavola esecutiva

 

In questo video Chiara ci mostra norme di riferimento ed aspetti fondamentali da considerare nella progettazione scale interne.

 

 

 


Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo del BIM?

18 commenti
    • Michele Santoro dice:

      Grazie Renato. E’ sempre estremamente gratificante vedere che gli sforzi compiuti per produrre un valido ed utile prodotto siano apprezzati e che si sia raggiunto l’obiettivo. Grazie di nuovo e continua a seguirci. Buon lavoro

      Rispondi
    • Michele Santoro dice:

      Guido, dalla redazione di BibLus-BIM un grazie di cuore per l’apprezzamento. Avere riscontri, per di più estremamente positivi, al proprio lavoro gratifica e stimola a fare sempre meglio. Continua a seguirci. Buon lavoro

      Rispondi
  1. felix dice:

    Buona sera,
    dal momento che queste guide sono molto interessanti sarebbe opportuno farle scaricare come PDF in modo da avere un archivio personale da consultare quando si vuole. Grazie.

    Rispondi
    • Michele Santoro dice:

      Ciao Felice,
      anzitutto grazie per gli apprezzamenti che hai voluto dedicarci.
      Il tuo suggerimento ci è proprio: in effetti avevamo già pensato di organizzare i pdf delle guide per consentire agli interessati di poterli conservare e consultare. Presto avrai novità al riguardo.
      Comunque ci ha fatto molto piacere trovare già condivisione nella nostra idea.
      Grazie ancora per l’attenzione con cui ci segui e… continua a seguirci.
      Buon lavoro

      Rispondi
    • Michele Santoro dice:

      Grazie Cristina.
      Come abbiamo già avuto modo di dire è davvero gratificante riscontrare apprezzamenti per il lavoro fatto.
      Il tuo giudizio, come quello di tutti quanti abbiano voluto esprimerlo, ci sprona a continuare con ancora maggiore entusiasmo.
      Grazie ancora e continua a seguirci. Buon lavoro.

      Rispondi
  2. Bianca dice:

    Articolo molto chiaro e interessante. Mi resta un dubbio in merito al numero massimo di gradini per rampa. Nella prima parte dell’articolo viene specificato “sia previsto un pianerottolo di sosta al massimo ogni 15 gradini”. Alcune righe dopo si afferma invece che “E’ consigliabile non superare i 15 gradini a scala”. Questo limite è previsto dalla normativa o si tratta di una raccomandazione per rendere agevole la salita/discesa? Grazie

    Rispondi
    • Michele Santoro dice:

      Bianca,
      anzitutto grazie per i complimenti e l’apprezzamento, per noi stimolo a continuare e migliorarci.
      In merito alla tua perplessità possiamo dire che in entrambe le frasi l’indicazione è stata data come consiglio: infatti nella prima abbiamo detto “è opportuno che sia previsto un pianerottolo di sosta al massimo ogni 15 gradini”, nella seconda, come da te riportato, che “è consigliabile non superare i 15 gradini a scala”.
      In ogni caso considera che la legge 13/89 si limita a dire che la lunghezza delle rampe deve essere “contenuta; in caso contrario, si deve interporre un ripiano in grado di arrestare la caduta di un corpo umano”.
      In pratica, in mancanza di direttive specifiche, sembra che l’unica regola sia il buon senso: è utile tuttavia sempre consultare regolamenti edilizi del comune e regolamento ASL.
      Generalmente si consiglia di interrompere la rampa ogni 12/15 alzate: va tenuto conto che se l’intervento è soggetto a normativa antincendio per le scale esterne sono vietate rampe con più di 15 gradini.
      Buon lavoro e continua a seguirci.

      Rispondi
  3. Gia dice:

    Grazie mille per aver condiviso un articolo così straordinario. Esattamente quello che stavo cercando. Mantenere il buon lavoro

    Rispondi
    • Michele Santoro dice:

      Grazie a te per l’apprezzamento che ci manifesti: è stimolo a continuare e a migliorarci sempre di più.
      Continua a seguirci. Buon Lavoro

      Rispondi
  4. Pasquale dice:

    Grazie per l’articolo molto interessante. Mi domandavo: in una scala non ad uso pubblico (interna a servizio di abitazione principale), la larghezza minima di 80cm è da calcolare come larghezza del gradino o “da muro a passamano”? Grazie

    Rispondi
    • Mario Guerriero dice:

      Ciao Pasquale,
      come evidenziato nell’articolo è importante fare riferimento al Regolamento Edilizio comunale.
      In linea generale la larghezza minima è la larghezza del gradino.
      Tuttavia bisogna anche considerare che tale misurazione varia anche in base alla struttura della scala e dalla tipologia di corrimano.
      Il mio consiglio è di rivolgerti all’ufficio tecnico del Comune per avere maggiori, e più specifici, chiarimenti.

      Rispondi
  5. Maria Piedimonte dice:

    Buongiorno,
    mi chiamo Maria, devo progettare delle scale ad uso interno e non uso comune, che collega due piani in un appartamento a Milano.
    Dal regolamento edilizio di Milano, non si evince quanti gradini consecutivi posso fare, mi saprebbe aiutare?
    Grazie
    Maria

    Rispondi
    • Michele Santoro dice:

      Buongiorno Maria,
      grazie a te per l’attenzione con cui ci segui.
      In merito alla domanda, possiamo dire che il numero di gradini consecutivi deve essere compreso tra un minimo di 3 ed un massimo di 15: questo è quello che richiede la normativa antincendio… alcuni regolamenti edilizi e/o asl fissano il tetto massimo di gradini per ogni rampa a 10.
      Il dm n.236/1989 non dice nulla in merito al numero massimo dei gradini, anche se la norma UNI 10804:99 indica per le scale a giorno (sia comuni che private) un numero massimo di gradini pari a 15. Senza andare troppo nel dettaglio, si può anche dire che una rampa con 12-15 gradini consecutivi rientra tra le “buone pratiche”.
      Continua a seguirci e buon lavoro.

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *