Progetto di edicola funeraria: norme, costi ed esempi dwg

Ecco un progetto di edicola funeraria, completo di regolamenti, schemi, costi di progettazione, video esplicativi ed esempi pratici da scaricare

Qualsiasi edicola funeraria è una vera e propria opera edilizia, in quanto si costruisce su un terreno di cui si dovrà richiedere e ottenere la concessione, partendo dagli scavi e dalle fondamenta, con una grandezza variabile, realizzata in cemento armato o muratura, con vari elementi di finitura, decori e vetrate: ecco perché nel progetto di edicola funeraria è fondamentale prestare massima attenzione ai regolamenti cimiteriali e alle altre norme di riferimento per la progettazione, come le NTC.

In questa guida al progetto di edicola funeraria procederemo partendo dalla definizione di edicola e dalla sua differenziazione con le altre strutture presenti nei cimiteri, per poi analizzare le norme che ne disciplinano i criteri costruttivi.

Passeremo poi alla vera e propria progettazione di un’edicola funeraria, descrivendo in maniera analitica le scelte compiute:

  1. vedremo come possa essere semplice e veloce progettare un’edicola funeraria con un software di progettazione architettonica BIM
  2. metteremo a disposizione per il download gratuito gli elaborati tecnici (piante, prospetti, sezioni) ed il modello 3D del progetto realizzato
  3. produrremo una valutazione economica, relativa sia ai costi di progettazione che a quelli di realizzazione.
progetto di edicola funeraria

progetto di edicola funeraria – rendering

 

 

Tipologie di opere cimiteriali

Le opere cimiteriali per la sepoltura si suddividono in 2 categorie principali:

  • pubbliche (realizzate dal comune per i privati cittadini)
  • private (realizzate da privati cittadini su lotti concessi dal comune per 99 anni).

opere cimiteriali pubbliche

Le opere pubbliche per la tumulazione sono generalmente costituite da:

  • loculi
  • ossari
  • urne

I loculi possono essere classificati in diverse  tipologie e combinarsi in vario modo tra di loro. Inoltre, possono presentare un portico antistante. (vedi anche Progetto di loculi cimiteriali)

opere cimiteriali private

Le opere cimiteriali private sono generalmente costituite da:

  • cappelle
  • edicole

Capita spesso di far confusione tra la tipologia architettonica dell’edicola funeraria e quella della cappella, oppure di assimilare l’una all’altra.

In effetti non sono molte le differenze che le distinguono: entrambe assolvono alla medesima funzione, sono entrambe edificate da privati cittadini su lotti assegnati dal comune con concessione novantanovennale, rispondono ambedue alle stesse caratteristiche compositive e tipologiche.

progetto di edicola funeraria -sezione-b-b

progetto di edicola funeraria – sezione-b-b

Edicola funeraria

Le cappelle funerarie sono solitamente costituite da piccole costruzioni che si ispirano ai templi religiosi. Sono dotate di altare per lo svolgimento di funzioni religiose e sono collocate lungo i principali percorsi cimiteriali, solitamente isolate.

Le edicole funerarie sono una semplificazione delle cappelle, con dimensioni più contenute e disposte anche a ridosso di altre costruzioni o dei muri di cinta. Possono consistere in piccoli tabernacoli, nicchie o altre strutture inaccessibili, prive di altare interno.

Le edicole funerarie ospitano al loro interno, al piano terra o nell’ipogeo, qualora presente, i vani adibiti ad ospitare i feretri. Tali vani, detti loculi, sono separati tra loro mediante una soletta armata ed aperti su un unico lato che viene murato in seguito alla tumulazione.

Quando l’apertura di accesso a tale vano è sul lato corto, i loculi vengono definiti a colombario, o ad imbocco frontale; quando è posta sul lato lungo, invece, sono detti a cantera, oppure ad imbocco laterale.

Le edicole possono anche essere adibite ad ospitare gli ossari, dei vani posti l’uno sull’altro, di dimensioni ridotte rispetto ai loculi, adibite al deposito di piccole urne contenenti i resti del defunto.

progetto di edicola funeraria

Tipologie di edicola funeraria

In funzione dei materiali e delle tecniche di costruzione, si possono individuare tre tipi di edicole funerarie:

  • in cemento e marmo: con una struttura in cemento e rivestimenti in marmo o pietra, è la tipologia comunemente ritenuta più raffinata ed è anche quella che richiede un investimento maggiore
  • in muratura: realizzata in mattoni a vista e, di solito, con tetto a spiovente coperto da tegole in cotto
  • prefabbricata: di semplice realizzazione e dai costi contenuti, è solitamente realizzata con moduli prefabbricati in mattoni o blocchi di cemento da assemblare secondo il progetto di riferimento.

Progetto di edicola funeraria, le norme di riferimento

L’attività edilizia all’interno dei cimiteri è regolata prioritariamente dalle norme contemplate dai capo X e XVIII del Regolamento di Polizia Mortuaria (dpr 285/1990), ed in via secondaria dal Piano Regolatore Cimiteriale che ogni Comune è obbligato ad adottare.

Le norme da avere come riferimento nel progetto di edicola funeraria, e delle opere cimiteriali in genere, sono le seguenti:

Milano   –   Roma   –   Napoli   –   Palermo

Norme costruttive

Requisiti necessari e specifiche tecniche che devono essere posseduti dai loculi in un progetto di edicola funeraria sono rappresentate nell’art. 76 (Capo XV) del dpr 285/1990, il quale considera che:

  1. nella tumulazione ogni feretro deve essere posto in loculo o tumulo o nicchia separati
  2. i loculi possono essere a più piani sovrapposti
  3. ogni loculo deve avere uno spazio esterno libero per il diretto accesso al feretro
  4. la struttura del loculo e del manufatto, sia che venga costruita interamente in opera o che sia costituita da elementi prefabbricati, deve rispondere ai requisiti richiesti per la resistenza delle strutture edilizie, con particolare riferimento alle disposizioni per la realizzazione delle costruzioni in zone sismiche
  5. le solette orizzontali devono essere dimensionate per un sovraccarico di almeno 250 Kg/mq
  6. le pareti dei loculi, sia verticali che orizzontali, devono avere caratteristiche di impermeabilità ai liquidi e ai gas ed essere in grado di mantenere nel tempo tali proprietà
  7. i piani di appoggio dei feretri devono essere inclinati verso l’interno in modo da evitare l’eventuale fuoriuscita di liquido
  8. la chiusura del tumulo deve essere realizzata con muratura di mattoni pieni a una testa, intonacata nella parte esterna
  9. è consentita, altresì la chiusura con elemento in pietra naturale o con lastra di cemento armato vibrato o altro materiale avente le stesse caratteristiche di stabilità, di spessori atti ad assicurare la dovuta resistenza meccanica e sigillati in modo da rendere la chiusura stessa a tenuta ermetica.

Un esempio di progetto di edicola funeraria

Descrizione del progetto

progetto di edicola funeraria -pianta

progetto di edicola funeraria – pianta

L’edicola funeraria di progetto si sviluppa su un lotto rettangolare, di dimensioni 4,10 m x 5,60 m, confinante con il viale e con altri lotti di altra ditta. La costruzione, a pianta rettangolare, si posiziona al centro del lotto, lasciando un percorso pavimentato di 0,60 m lungo tutti e quattro i lati. Le distanze minime da rispettare tra il fabbricato, il viale e i lotti adiacenti, sono dettate solitamente dai Regolamenti cimiteriali comunali.

L’edicola ospita 4 loculi e 4 ossari al piano terra e 8 loculi nell’ipogeo, tutti a cantera, accessibili tramite una botola di 1,00 m x 1,00 m.

L’ingresso al piano terra avviene mediante un piccolo portico di 1,20 m x 1,20 m ottenuto per sottrazione dal volume del parallelepipedo che costituisce l’edicola e caratterizzato dall’imponente pilastro angolare a sezione circolare.

L’idea guida del progetto è quella di creare un volume compatto, che suggerisca l’idea di massa e ricordi un grande monolite ben ancorato al suolo. Le scelte compositive vengono supportate dalla scelta dei materiali.

progetto di edicola funeraria -sezione-a-a

progetto di edicola funeraria – sezione-a-a

Il blocco è interamente rivestito in pietra calcarea bocciardata, posta a corsi paralleli, e sormontato da una fascia in acciaio cor-ten che definisce l’attacco al cielo del fabbricato e si prolunga verso il basso, attraverso il pilastro circolare.

Oltre la porta d’ingresso, che si apre lungo il lato arretrato del piccolo portico, non vi sono altre aperture verso l’esterno. Entrando all’interno, dunque, si ricrea uno spazio introspettivo che suggerisce intimità e contemplazione.

In fase di progettazione si è posta attenzione anche allo smaltimento delle acque piovane. Per evitare l’impatto estetico di pluviali e canali di gronda, che potessero alterare la semplicità e la pulizia stilistica perseguita nel concept di partenza, è stato pensato un cavedio, non visibile dall’esterno, all’interno del quale sarà posto il canale di discesa delle acque piovane. Anche i canali di gronda non avranno impatto sui prospetti del manufatto in quanto  saranno posizionati lungo il perimetro della copertura ma arretrati rispetto al rivestimento in cor-ten della facciata.

progetto di edicola funeraria _ tavola esecutiva

DWG del progetto di edicola funeraria

Ecco, disponibili per il download gratuito, tutti gli elaborati tecnici (piante, prospetti, sezioni) del progetto realizzato, ed il corrispondente modello 3D.

 

Scarica e prova Edificius, il software per la progettazione architettonica BIM
Scarica i modelli 3D BIM (file .edf) del progetto di edicola funeraria
Scarica i modelli 3D BIM (file .edf) del progetto di edicola funeraria in formato Educational
Scarica i DWG in formato .zip degli elaborati del progetto

 

Progetto strutturale di edicola funeraria (video)

Per il calcolo strutturale dell’edicola rimandiamo ad uno specifico video in cui la progettazione strutturale viene affrontata per i loculi cimiteriali: al riguardo occorre chiarire che criteri costruttivi, dimensionali, tipologici e analisi dei carichi sono sostanzialmente analoghi.

Guarda il video sulla progettazione strutturale

Costo per la progettazione di un’edicola funeraria

Per determinare il costo di progettazione di un’edicola funeraria possiamo far riferimento al dm 140/2012.

Punto di partenza è l’importo complessivo dell’opera, che dipenderà da una serie di variabili: dimensione dell’edicola, costo della manodopera, tipologia di materiali scelti e di rifiniture. Nel nostro esempio ipotizziamo un valore dell’opera pari a 40.000 euro.

Riportiamo di seguito in tabella un esempio di parcella professionale per la progettazione esecutiva di un’edicola funeraria.

 

descrizione
Categoria dell’opera: EDILIZIA
Destinazione funzionale: Cultura, vita sociale, sport, culto
Valore dell’opera [V]: 40’000.00 €
Parametro sul valore dell’opera [P]: 17.4270%
Grado di complessità [G]: 1
specifiche incidenzeimporto
progettazione preliminare
Relazione illustrativa, Elaborati progettuale e tecnico economici (art. 14, comma 2, D.P.R. 207/2010)627.37 €
Relazioni, planimetrie, elaborati grafici (art. 17, comma 1, lettere a), b), e), D.P.R. 207/2010)627.37 €
Calcolo sommario spesa, quadro economico di progetto (art. 17, comma 1, lettere g), h), D.P.R. 207/2010)69.71 €
Relazione di indagine geologica (art. 19, comma 1, D.P.R. 207/2010) 348.54 €
progettazione esecutiva
Relazioni generale e specialistiche, Elaborati grafici, Calcoli
esecutivi (art. 33, comma 1, lettere a), b), c), d), D.P.R. 207/2010)
697.08 €
Particolari costruttivi e decorativi (art. 36, comma 1, lettera c), D.P.R. 207/2010)906.20 €
Computo metrico estimativo, Quadro economico, Elenco prezzi ed eventuale analisi, Quadro dell’incidenza
percentuale della quantità di manodopera (art. 33, comma 1, lettere f), g), i), D.P.R. 207/2010)
278.83 €
Schema di contratto, Capitolato speciale d’appalto,
Cronoprogramma (art. 33, comma 1, lettere l), h), D.P.R. 207/2010)
 139.42 €
Piano di manutenzione dell’opera (art. 33, comma 1, lettera e), D.P.R. 207/2010)139.42 €
Piano di Sicurezza e Coordinamento697.08 €
TOTALE PRESTAZIONI4’531.02 € 
Addebito contributo previdenziale INPS: su euro 4’531.02 il 4%181.24 €
Contributo integrativo Cassa di Previdenza: su euro 4’712.26 il 4%188.49 €
Imponibile4’900.75 €
IVA su euro 4’900.75 il 22%1’078.17 €
NETTO A PAGARE5’978.92 € 

 

L’esempio di parcella è stato prodotto utilizzando il software Compensus per il calcolo dei compensi professionali per lavori privati secondo il D.M. 140/2012.

In Italia, lo ricordiamo, le tariffe professionali sono sfate abrogate con il decreto ‘Liberalizzazioni’: la determinazione dei compensi è demandata alla contrattazione e alla libera concorrenza. Nel nostro esempio, per definire il costo della progettazione dell’edicola abbiamo scelto di basarci sul dm 140/2012, in quanto norma di riferimento per gli organi giurisdizionali chiamati a liquidare il compenso dei professionisti in difetto di accordo con il cliente

Su questa base, come si evince dalla tabella precedente, otteniamo un costo per la progettazione di un’edicola funeraria mediamente pari al 10% del valore complessivo dell’opera, escluso le tasse.

 

Clicca qui e scopri Compensus PRO

Come progettare un’edicola funeraria (video)

In questo video Chiara ci presenta un esempio di progetto di edicola funeraria, mostrandoci gli aspetti normativi, le dimensioni, le varie tipologie.

 

 


Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo del BIM?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *