Progetto di un campo da calcetto, guida pratica con esempio 3D da scaricare

Ecco il progetto di un campo da calcetto con DWG e modello 3D da scaricare, completo di indicazioni su misure minime, delimitazioni, elementi di arredo permanenti, tipologie di pavimentazione

Il progetto di un campo da calcetto (o calcio a 5 come più correttamente va definito), che sia utilizzato da giocatori amatoriali o da professionisti in competizioni ufficiali, deve avere delle caratteristiche ben precise.

Per tali motivi, la progettazione di un campo da calcio a 5 deve essere affidata a professionisti esperti in grado di individuare la metodologia costruttiva più adatta, tutto ciò al fine di ottenere il migliore risultato possibile in termini di fruibilità e longevità dell’opera.

In questo pratico vademecum tecnico mostreremo gli aspetti fondamentali della progettazione partendo dalle norme federali e dalle indicazioni di misure minime, delimitazioni ed elementi di arredo permanenti, fino a considerare le diverse tipologie di pavimentazione.

La descrizione sarà accompagnata da grafici esplicativi, elaborati tecnici in formato dwg e dal modello del progetto in formato EDF, tutti immediatamente scaricabili, e da un video in cui illustreremo come progettare un campo da calcio a 5 in maniera semplice e veloce con l’ausilio di un software BIM.

 

progetto di un campo da calcetto

Progetto campo da calcetto | rendering realizzato con Edificius

 

Scarica il modello 3D BIM (file .edf) del progetto

 

Riferimenti normativi

Per le dimensioni del campo, fasce di rispetto e segnature occorre seguire le indicazioni contenute nel regolamento della Federazione Italiana Giuoco Calcio Divisione Calcio a 5, mentre per l’impiantistica sportiva si fa riferimento alle norme CONI.

Rispetto ad eventuali titoli abilitativi, necessari per la realizzazione di un progetto di un campo da calcio a 5, dobbiamo considerare che serve il permesso di costruire solo per opere di natura edilizia quali tribune, spogliatoi e chioschi per la ristorazione, mentre, per la realizzazione del campo da gioco, è sufficiente la sola SCIA (Tar Toscana sentenza n. 1458/2015).

Progetto di un campo da calcetto: tipologie e caratteristiche

Possiamo distinguere due tipologie di campi da calcetto: indoor e all’aperto.

La differenza, come facilmente intuibile, è che nel primo caso il “rettangolo di gioco” è inserito all’interno di una nuova struttura costruita appositamente (ad esempio una tensostruttura) o adattandone una esistente. Non è raro che ex capannoni industriali vengano riqualificati per ospitare questi piccoli campi da calcio.

Tuttavia, che sia al chiuso o all’aperto, nel progetto di un campo da calcetto, specie se vuole avere un qualche carattere di ufficialità, bisogna considerare queste caratteristiche:

  • dimensioni campo
  • dimensioni arredi permanenti
  • pavimentazione
  • eventuale recinzione
progetto di un campo da calcetto

Caratteristiche campo da calcetto

Dimensioni e segnature

Il campo da calcio a 5, definito anche come rettangolo di gioco, è la struttura destinata ad ospitare partite di calcio con cinque giocatori per squadra.

Il regolamento del calcio a 5 prevede che le misure del campo possano andare da:

  • minimo 25 m di lunghezza per 15 m di larghezza
  • massimo 42 m di lunghezza per 25 m di larghezza.
progetto di un campo da calcetto

progetto campo da calcetto | planimetria

Tuttavia per le gare internazionali tale spettro di misure è ridotto a un minimo di 38 x 18 m, fino ad un massimo di 42 x 22 m.

Il terreno di gioco è delimitato con linee larghe 8 cm (segnature), che delimitano il campo stesso, le due aree di porta, il centrocampo e i calci d’angolo. Al centro di ciascun lato minore del campo di gioco sono situate le porte. Il campo di gioco è diviso in due parti uguali dalla cosiddetta “linea mediana”.

La porta, fissata a terra, ha dimensioni di 3 m di larghezza per 2 m di altezza, con misurazione interna ai pali che devono avere spessore di 8 cm.

progetto di un campo da calcetto

campo da calcetto | dimensioni porta

La profondità della porta sarà di almeno 80 cm nella parte superiore e di 100 cm al livello del terreno. Le porte possono essere bianche, ovvero a tratti alternati, purché siano contrastanti con l’ambiente ed il fondo del rettangolo di giuoco. Le reti dovranno essere realizzate in canapa, juta o nylon, o altro materiale approvato.

Le porte, incluse quelle portatili, dovranno essere fissate solidamente al suolo attraverso idonea attrezzatura che ne impedisca il ribaltamento e/o il movimento.

Nei campionati nazionali non è consentito l’uso di manti erbosi, naturali o sintetici, o di terra battuta e i campi devono essere coperti; nei campionati regionali e provinciali queste limitazioni non esistono.

Segnature

Il campo da gioco è suddiviso in zone dette evidenziate da linee (segnature).

La linea mediana divide in due il campo. Nel centro della linea mediana è segnato un punto intorno al quale è tracciata una circonferenza con un raggio di m. 3. Le altre zone di suddivisione del campo da gioco sono:

  • area di rigore – da entrambe le linee di porta, facendo centro in ciascun palo e con un raggio di 6 m, sono tracciati, verso l’interno del rettangolo di gioco, due quarti di circonferenza. Questi ultimi sono congiunti nella parte superiore da una retta, parallela alla linea di porta, lunga 3,16 m. Lo spazio racchiuso tra queste linee e quella di porta è denominato ‘area di rigore’
  • punto del calcio di rigore – a distanza di 6 m dal centro di ciascuna linea di porta, misurato lungo una linea immaginaria, perpendicolare ad essa, è segnato un punto, denominato ‘punto del calcio di rigore’
  • punto del tiro libero – a distanza di 10 m dal centro di ciascuna linea di porta, misurato lungo una linea immaginaria, perpendicolare ad essa, è segnato un punto, denominato ‘punto del tiro libero’
  • area d’angolo – su ogni angolo, verso l’interno del rettangolo di gioco, è tracciato un quarto di circonferenza con un raggio di 25 cm
  • zona delle sostituzioni – la zona delle sostituzioni è situata sullo stesso lato in cui sono ubicate le panchine delle squadre, direttamente di fronte ad esse. Queste aree sono riservate al movimento dei giocatori in sostituzione. Ciascuna di queste zone deve avere una lunghezza di 3 m per 80 cm di larghezza. In dettaglio, gli 80 cm saranno suddivisi per metà nell’area di gioco e per metà fuori dalla stessa. Tra le due aree delle sostituzioni, in corrispondenza della linea mediana, è ubicato il tavolo dove ha posto il cronometrista. Lo spazio visivo antistante al tavolo del cronometrista, per ovvi motivi, deve essere lasciato libero.

 

progetto di un campo da calcetto

progetto campo da calcetto | segnature

La pavimentazione

Quando si esegue la progettazione di un campo da calcio a 5 occorre tenere ben presente tipo e livello di pratica sportiva: una finalità solo amatoriale infatti consente di utilizzare tipologie di pavimentazione, quali l’erba naturale o la terra battuta, che altrimenti non potrebbero essere impiegate.

In base al regolamento, la pavimentazione di un campo da calcio a 5 può essere in PVC, gomma, resina e parquet, oppure, per attività agonistiche a livello locale ed anche per attività amatoriali, in erba sintetica. Tappeti erbosi naturali, invero poco diffusi, possono essere utilizzati solo per attività amatoriali all’aperto.

 

La superficie deve essere piana, liscia e senza alcuna asperità; è soltanto ammessa una pendenza massima dello 0,5% nella direzione degli assi. Sono assolutamente escluse come tipologie di fondi il cemento e il catrame.

progetto di un campo da calcetto

Per le gare internazionali della UEFA e della FIFA si predilige il materiale sintetico solitamente colorato di azzurro. Ciò, aumentando il contrasto cromatico tra le suddivisioni lineari, il tappeto e la palla da gioco, migliorerebbe la visibilità del campo quando la disputa sportiva si trovasse ad essere più frenetica e concitata.

Le caratteristiche essenziali che la pavimentazione deve garantire sono così riassumibili:

  • assorbire gli urti
  • non deformarsi
  • offrire massima restituzione di energia
  • attrito uniforme
  • essere antiscivolo
  • resistenti all’usura
  • garantire il perfetto rimbalzo della palla
  • perfetta tenuta dei colori
  • minima manutenzione.
progetto di un campo da calcetto

progetto campo da calcetto | sezione

Sistemi di drenaggio

I campi realizzati all’esterno possono soffrire di ristagni d’acqua o di presenza di fango e pozzanghere che li danneggiano e li rendono impraticabili. La soluzione al problema è la realizzazione di sistemi di drenaggio.

  • drenaggio orizzontale, con sottotappeti
  • drenaggio verticale, tradizionale con inerti o con con tubature

progetto di un campo da calcetto

Erba sintetica

Volendo ad esempio valutare una pavimentazione in erba sintetica occorre anzitutto verificare la natura del terreno dove si deve realizzare il campo.

Quindi si passa alla realizzazione del sottofondo, che consiste in base al terreno esistente, nel livellamento dello stesso e alla realizzazione di pendenze con materiali inerti. Oppure si ricorre allo sbancamento da 20 a 40 cm circa del terreno non idoneo e al riempimento di pietrame, pietrisco e sabbia di cava con successiva realizzazione di pendenze e rullatura.

Nei lati lunghi del campo si possono inserire delle canalette, che servono per la raccolta delle eventuali acquee meteoriche in eccesso, invece nei lati corti un cordolo che serve a perimetrare il campo in erba sintetica.

Nella terza fase si passa alla posa del manto erboso e alla rigatura del campo:

  • Posa
  • Incollaggio
  • Taglio
  • Inserimento rigatura campo

Successivamente si provvede all’intaso con sabbia silicea e gomma nobilitata e certificata ed infine alla spazzolatura del campo per distribuire l’intaso e uniformarlo:

  • sabbia silicea per zavorrare il manto erboso
  • intaso prestazionale in gomma nobilitata e certificata o intaso naturale fibre vegetali
  • spazzolatura finale per distribuire l’intaso in maniera uniforme nel campo

Progetto di un campo da calcetto: altri aspetti da considerare

In un progetto di un campo da calcetto devono sempre essere previste delle recinzioni; è buona norma inoltre valutare anche voliere e sistema di illuminazione.

Per la recinzione occorre considerare che queste devono essere poste ad una distanza minima di 1,50 m dalle linee laterali e 2,00 m dalle linee di porta, pur se sono ammesse minime tolleranze.

progetto di un campo da calcetto

progetto campo da calcetto | rendering realizzato con Edificius

E’ utile prevedere anche una rete di copertura superiore del campo da calcetto, per evitare la fuoriuscita del pallone nella parta alta.

Di colore verde con maglia 13 cm x 13 cm e filo del diametro di 2 mm, queste voliere sono realizzate in polietilene alta tenacità, con una lavorazione ad intreccio irremovibile, ad altissimo trattamento contro i raggi UV per garantirne resistenza agli agenti atmosferici.

L’illuminazione orizzontale e verticale sui campi da calcetto è molto importante: essa infatti deve permettere ai giocatori di ricevere la giusta intensità di luce in tutte le direzioni del campo per riuscire a seguire bene la traiettoria del pallone. La direzionalità delle luci led deve essere misurata a 1,5 m dal terreno di gioco.

Generalmente gli impianti di illuminazione sono realizzati con pali rastremati o conici e zincati a caldo completi di morsettiere, conchiglie e staffa di ancoraggio proiettore.

Le lampade ideali sono a ioduri metallici e luce bianca, con RA superiore a 80. Le lampade devono essere certificate IEC e CE.

I proiettori possono essere a fascia circolare o rettangolare: se le torri portalampada sono disposte lungo i lati maggiori, meglio scegliere un proiettore a fascia rettangolare, se invece sono disposte lungo le diagonali del campo è preferibile optare per le fasce circolari. I proiettori devono avere una classe di isolamento I e IP65, le unità di alimentazioni delle luci classe di isolamento IP20.

Infine, non può mancare l’illuminazione d’emergenza, obbligatoria per la sicurezza di spettatori durante l’uscita dalle strutture sportive.

Per l’illuminazione utili norme di riferimento sono:

  • UNI EN 12193
  • UNI EN 12665
  • norma CEI 64-8 variante V2
  • UNI EN ISO 9001.

Finanziamenti

Per realizzare, rigenerare o completare gli impianti sportivi situati in aree svantaggiate e zone periferiche urbane la Legge di Bilancio 2018 ha rifinanziato con 10 milioni di euro il Fondo “Sport e Periferie”. E’ interessante segnalare che tale misura è strutturale.

Clicca qui per scaricare il bando e la domanda di ammissione.

Piante e sezioni in DWG e modello in EDF del progetto di un campo da calcetto

Ecco disponibili per il download elaborati grafici e modello 3D dell’esempio realizzato di un progetto di un campo da calcetto.

progetto campo da calcetto | tavole esecutive

 

Download

Scarica i dwg in formato zip degli elaborati del progetto
Scarica il modello 3D BIM (file .edf) del progetto
Scarica il modello 3D BIM (file .edf) del progetto in formato Educational

 

 

Come progettare un campo da calcetto con software BIM

Vediamo con Chiara come progettare un campo da calcetto, rispettando le indicazioni di misure minime, delimitazioni, elementi di arredo permanenti, tipologie di pavimenti, utilizzando un software di progettazione architettonica BIM.

 

 

 

 

 

 

 


Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo del BIM?

3 commenti
  1. toty dice:

    molto utile
    sarebbe interessante averli per tutti i tipi di campi e pavimentazioni

    • Mario Guerriero dice:

      Ciao,
      cogliamo l’occasione per ringraziarti.
      A breve usciranno nuovi articoli sulle altre tipologie di campi da gioco, continua a seguirci per rimanere aggiornato!

I commenti sono chiusi.