progetto di una casa unifamiliare

Progetto di una casa unifamiliare, la guida tecnica

Il progetto di una casa unifamiliare a due piani: caratteristiche costruttive, riferimenti normativi ed un esempio pratico con disegni dwg e modello 3D da scaricare

In questo focus proponiamo il progetto di una casa unifamiliare affrontando aspetti teorici e pratici: dalla definizione del tipo edilizio fino alla realizzazione di un modello 3d.

Forniremo un progetto completo che sarà particolarmente utile come esempio da seguire e come guida all’intero iter progettuale: inoltre,  saranno disponibili per il download sia gli elaborati grafici in dwg (piante, prospetti e sezioni) che il modello 3D realizzato con un software BIM di progettazione architettonica.

progetto di una casa unifamiliare - rendering

progetto di una casa unifamiliare – rendering

progetto di una casa unifamiliare - pianta-piano-terra

progetto di una casa unifamiliare – pianta del piano terra

Casa unifamiliare: definizione e tipologie

Per casa unifamiliare si intende generalmente un organismo edilizio destinato ad abitazione per una sola famiglia, solitamente indipendente da altre unità abitative e circondata da spazi verdi. Il progetto di una casa unifamiliare può essere generato partendo dalla definizione del tipo.

In architettura, il tipo edilizio (dal greco Typos: impronta, matrice) è un insieme di regole compositive o caratteri invarianti di natura formale, funzionale e strutturale.

I caratteri invarianti derivano da una fusione di caratteri costruttivi e distributivi che si sono fissati nel tempo e hanno dato origine a schemi consolidati che possono essere definiti tipi edilizi.  Individuare un preciso tipo edilizio da seguire in fase progettuale consente di controllare l’intero processo ideativo.

La casa unifamiliare costituisce un caso particolare della classificazione tipologica, essendo ad un tempo alloggio, modulo tipologico e organismo abitativo.

progetto di una casa unifamiliare - prospetto

progetto di una casa unifamiliare – prospetto

E’ solitamente articolata su due piani fuori terra ed eventualmente un piano seminterrato adibito a garage, cantine e depositi. L’impianto, la tipologia delle apertura, la presenza di portici e verande, la conformazione della copertura e l’impiego dei materiali, sono tutti caratteri che variano in funzione del luogo in cui verrà edificato il manufatto.

A titolo esemplificativo ne citiamo alcuni tipi ricorrenti, di cui riportiamo anche uno schema tipo:

  • casa isolata
  • casa binata
  • casa a schiera
  • casa raggruppata
  • casa a patio
  • casa a piastra
casa unifamiliare - tipologie

casa unifamiliare – tipologie

Linee guida alla progettazione di una casa unifamiliare

La progettazione di una casa unifamiliare, se non in presenza di grandi limiti dettati da vincoli o da parametri urbanistici troppo restrittivi, è un tema piuttosto libero che consente di scatenare la vena creativa di architetti e ingegneri.  I vincoli, però, talvolta possono diventare lo spunto per superare delle limitazioni sperimentando soluzioni nuove ed ingegnose.

Ad ogni modo sviluppare un progetto di una casa unifamiliare pone il tecnico di fronte ad una grande sfida creativa. La progettazione, però, non è puro slancio creativo ma presuppone un ricco background di conoscenze e un’analisi preliminare che comprende lo studio:

  • del contesto paesaggistico (orientamento, orografia, fascia climatica e microclimatica, viste panoramiche, vegetazione autoctona, etc.)
  • dei manufatti esistenti (tecniche costruttive, materiali della tradizione, tipologie compositive, etc.)
  • dei materiali locali (pietre locali, legni, etc.)

Nel dettaglio, la progettazione di un edificio isolato non può prescindere dal tenere in considerazione affacci, orografia del lotto, orientamento.

Affacci

La tipologia della casa unifamiliare, per sua composizione, consente  di aprire finestre in tutti i suoi lati esterni lasciando prevalere nella scelta le condizioni di orientamento e soleggiamento, le visuali di particolare interesse, il carattere che si vuole conferire al manufatto.

Orografia del lotto

La pendenza del terreno e la conformazione del lotto edificabile possono costituire un vincolo alla progettazione portando, talvolta, ad un’organizzazione degli spazi anche molto articolata, tanto da poter sembrare ingiustificata se valutata solo alla luce di logiche distributive. Dall’abilità del progettista di esaltare le caratteristiche del contesto dipenderà la qualità del risultato finale.

Orientamento

Per stabilire il giusto orientamento del fabbricato e l’esposizione delle varie funzioni, bisogna innanzitutto considerare la latitudine di riferimento del nostro lotto.

I diagrammi del percorso solare, in associazione a valutazioni di carattere ambientali come la distanza dalle altre costruzioni, dagli alberi, da manufatti, ecc., possono essere di grande aiuto per la scelta dell’orientamento, della posizione dell’edificio nel lotto, nonché per controllare le ore di soleggiamento diretto dei vari spazi elementari.

Schema di percorso solare che illustra la posizione del sole alle diverse ore e nelle varie stagioni

Diagramma solare

I diagrammi solari consentono di individuare la posizione e l’altezza del sole nelle diverse ore del giorno e nelle diverse stagioni. Costituiscono un ottimo strumento grafico per determinare il corretto orientamento dell’edificio e dei vani all’interno dell’edificio.

Le conclusioni che si possono facilmente trarre analizzando il diagramma solare sono le seguenti:

  • il sole sorge ad est;
  • il sole tramonta a ovest;
  • il sole raggiunge la massima altezza alle 12:00;
  • l’altezza solare è massima il 21 giugno (solstizio d’estate: è il giorno più lungo dell’anno);
  • l’altezza solare è minima il 21 dicembre (solstizio d’inverno: è il giorno più corto dell’anno).

Generalmente, è preferibile collocare gli ambienti destinati alla zona giorno e relax fornendogli una buona esposizione al sole (sud, est, ovest), mentre quelli destinati a servizi vanno orientati verso nord.

Nel caso di una casa unifamiliare isolata la zona giorno potrebbe aprirsi sulla parte migliore del giardino o su viste panoramiche verso sud oppure est, mentre gli spazi di servizio potrebbero essere rivolti verso la strada (fonte di rumore) o verso viste meno privilegiate e orientati tra nord e ovest.

A seconda della latitudine e delle condizioni climatiche del luogo possono essere particolarmente utili dispositivi tecnici quali portici, loggiati, pergolati e aggetti collocati nei punti in cui, in certe ore del giorno, si desidera stare all’aperto in condizioni ambientali controllate.

Di seguito proponiamo un’immagine schematica che mostra gli orientamenti consigliati per i vari ambienti.

progetto di una casa unifamiliare - orientamento

Simulazione della radiazione solare

I software di progettazione architettonica generalmente consentono di simulare l’esatta posizione del sole e il rispettivo soleggiamento e la generazione delle ombre dopo aver definito l’ubicazione dell’edificio.

In particolare è possibile visualizzare la radiazione solare e il relativo ombreggiamento sul manufatto nelle diverse ore del giorno e nei diversi giorni dell’anno.

In questo modo il progettista è in grado si determinare esattamente il tipo di luce incidente in una certa zona dell’edificio e simulare le reali condizione di luce ed ombra.

Simulazione ombreggiamento e soleggiamento interni

studio dell’ombreggiamento e del soleggiamento all’interno di un vano

Risulta agevole prevedere eventuali schermature per zone troppo esposte o incrementare le superfici vetrate per zone poco soleggiate.

Nell’immagine successiva è raffigurato lo stesso ambiente in 2 stagioni differenti.

soleggiamento dello stesso ambiente in stagioni differenti

soleggiamento dello stesso ambiente in stagioni differenti

L’immagine di sinistra raffigura il soleggiamento in estate: essendo il sole molto alto, l’ambiente risulta ombreggiato grazie alla presenza dell’aggetto che ha, tra le altre cose, una funzione schermante (l’ombra inizia all’esterno dell’ambiente).

L’immagine di destra, invece, fa riferimento al soleggiamento nel periodo invernale: in tal caso la limitata sporgenza dell’aggetto consente alla radiazione solare (molto più bassa rispetto all’estate) di penetrare all’interno degli ambienti, ottenendo l’effetto desiderato.

Edificius, il software ACCA per la progettazione architettonica BIM, consente di studiare l’ombreggiamento e il soleggiamento di un edificio: dopo aver scelto il comune in cui è ubicato il manufatto, è possibile scegliere la data e avviare una simulazione solare con lo studio delle ombre. E’ anche possibile avvalersi del rendering in tempo reale (RT BIM) per simulare l’effetto del sole e delle ombre con scene animate. In questo modo il progettista può analizzare il comportamento dei materiali soleggiati e ombreggiati, aumentare o diminuire gli aggetti e le schermature, modificare orientamenti del fabbricato e posizionamenti del vano, secondo le sue esigenze progettuali.

Ricordiamo che è possibile scaricare la versione trial di Edificius, liberamente utilizzabile per 30 giorni-

 

 

Quadro normativo

Il progetto di una casa unifamiliare va sviluppato con riferimento alle specifiche indicazioni e prescrizioni previste dalla norma.

Al riguardo ricordiamo:

  • dpr 380/01Testo unico per l’edilizia
  • dm 1444/68standard urbanistici, distanze dai confini, ecc.
  • dm 5 luglio 1975altezze minime locali, superfici minime, rapporto finestre
  • codice civile – distanze dai confine
  • dm 236/89accessibilità, adattabilità, visibilità
  • regolamenti urbanistici comunali
  • piani e regolamenti locali

Progetto di una casa unifamiliare: un caso studio

L’edificio oggetto di approfondimento può essere classificato come casa unifamiliare isolata: è infatti costituito da una unità abitativa destinata ad un’unica famiglia, confinante solo con spazi verdi.

progetto di una casa unifamiliare - sezione-a-a

progetto di una casa unifamiliare – sezione-a-a

Preliminarmente all’elaborazione del progetto, è stato effettuato un calcolo della volumetria realizzabile in base alla superficie edificabile disponibile e una valutazione circa il posizionamento della sagoma del fabbricato in relazione alla distanza dai confini e dalla strada secondo le disposizioni dei piani urbanistici vigenti.

Il lotto su cui sorge il fabbricato di progetto ha un andamento costante, privo di rilevanti differenze di quota e lontano da altre abitazioni. Queste condizioni di partenza favoriscono una notevole libertà compositiva in fase progettuale.

L’edificio è stato posizionato al centro del lotto in modo da rispettare le distanze dai confini e dalla strada, si sviluppa su due livelli completamente fuori terra ed ha un’altezza complessiva di 6,90 m, con un’altezza interpiano di 2,90 m al piano terra e di 3,20 m al piano primo.

Il piano primo ha un ingombro ridotto rispetto al piano terra, lasciando una superficie scoperta adibita a terrazza/solarium.

progetto di una casa unifamiliare - pianta-piano-primo

progetto di una casa unifamiliare – pianta del primo piano

Al piano terra (140 m²) si dispone la zona giorno, affiancata da alcuni ambienti di servizio e dall’ampio garage. Dal giardino esterno si accede in modo diretto alla zona giorno che, grazie alla presenza delle grandi vetrate, conserva una comunicazione visiva costante con il paesaggio circostante.

Al piano primo (96 m²), accessibile mediante una scala interna ad unica rampa, si sviluppa la zona notte, articolata in tre camere da letto di cui quella patronale servita anche da cabina armadio e bagno privato.

Il volume è caratterizzato dallo svuotamento della zona solarium, dalle grandi vetrate a tutt’altezza aperte lungo il lato rivolto verso la strada e dalla bicromia delle superfici che rende leggibile il tema della “cornice”. Le superfici verticali arretrate rispetto al filo della copertura sono tinteggiate di bianco e caratterizzate dalla prevalenza di vuoti rispetto ai pieni. I lati corti e gli orizzontamenti sono tinteggiati di grigio scuro, presentano solo piccole aperture e incorniciano il prospetto principale, creando un netto contrasto cromatico.

progetto di una casa unifamiliare - interno

progetto di una casa unifamiliare – interno

All’interno gli spazi sono ampi e luminosi. La zona giorno è costituita da un unico grande ambiente dall’andamento lineare aperto verso il giardino. La cucina è concepita come un’ambiente-capsula inglobata all’interno di questo unico spazio aperto. I materiali scelti contribuiscono alla creazione di uno spazio minimale: parquet, finiture bicromatiche in bianco e in nero.

Il giardino segue la linearità dell’abitazione, è delimitato da un muretto intonacato e schermato dalla vegetazione. I percorsi sono geometrici e pavimentati in travertino e in gres effetto pietra.

In fase progettuale, particolare cura è stata riservata anche all’illuminazione dell’area esterna e delle facciate dell’abitazione, in modo da ottenere una visione scenica caratterizzante, esaltando il concept progettuale e prediligendo alcune viste prospettiche di evidente effetto visivo.

Download elaborati grafici in dwg (piante, prospetti e sezioni) e modello 3D BIM

Ecco, disponibili per il download gratuito, piante, prospetti e sezioni ed modello 3D del progetto di casa unifamiliare che abbiamo realizzato.

progetto di una casa unifamiliare - tavola grafica

 

Scarica e prova Edificius, il software per la progettazione architettonica BIM
Scarica il modello 3D BIM (file .edf) del progetto di una casa unifamiliare
Scarica il modello 3D BIM (file .edf) del progetto di una casa unifamiliare in formato Educational
Scarica i DWG in formato .zip di tutti gli elaborati tecnici del progetto realizzato

Come progettare una casa unifamiliare (slide)

 

Come progettare una casa unifamiliare (video)

Partendo dalla valutazione ed analisi di aspetti teorici (contesto di riferimento, normative urbanistico-edilizie per il dimensionamento e il posizionamento nel lotto, orientamento) in questo video Chiara ci illustra come procedere nella progettazione di una casa unifamiliare isolata su due livelli fuori terra con l’utilizzo di un software di progettazione architettonica BIM

 

 

 

 

Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo del BIM?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *