Relazione tecnica descrittiva per un progetto di ristrutturazione, la guida completa

Come fare una relazione tecnica descrittiva per un progetto di ristrutturazione: la struttura, i contenuti, gli step da seguire, gli aspetti normativi. Un esempio pratico da scaricare

La redazione della relazione tecnica descrittiva per un progetto architettonico relativa ad interventi di nuove costruzioni, manutenzioni, ristrutturazioni e restauro, rappresenta una specifica fase dell’iter procedurale per la richiesta di un titolo edilizio.

La relazione tecnica descrittiva è un elaborato principale del progetto con cui illustrare le caratteristiche funzionali dell’opera e individuare le principali criticità e le soluzioni da adottare.

In questo articolo analizziamo come redigere una relazione tecnica descrittiva relativa ad un progetto di ristrutturazione di un appartamento per civile abitazione, sulla base di uno schema operativo (layout procedurale) indirizzato a fornire tutti i componenti necessari alla sua compiuta elaborazione. Lo schema proposto non risulta esaustivo nel rispondere a tutte le diversificate categorie d’intervento possibili, ma vuole rappresentare una sorta di vademecum per la compilazione della relazione architettonica.

Come sempre per i ‘Focus Progetti‘, nella specifica sezione sarà disponibile per il download una relazione tecnica architettonica di esempio realizzata con il software di progettazione architettonica BIM Edificius; per completezza  rendiamo disponibile anche il modello del progetto di ristrutturazione a cui la relazione si riferisce ed il software in versione trial con cui il modello è stato realizzato.

relazione tecnica descrittiva

 

 

Relazione tecnica descrittiva di un progetto di ristrutturazione, la struttura dell’elaborato

La relazione tecnica può essere strutturata nel seguente modo:

  • premessa
  • descrizione dell’area in cui è compreso l’immobile: Inquadramento e posizionamento rispetto all’abitato e ai piani vigenti
  • verifica conformità edilizia-urbanistica-catastale dello stato di fatto: Titoli abilitativi esistenti e Certificato di abitabilità/agibilità – Dati catastali
  • descrizione dello stato dei luoghi: Descrizione del fabbricato in cui è compreso l’appartamento – Caratteristiche tipologiche, distributive e funzionali dell’alloggio – Qualità, consistenza e stato di conservazione di strutture, impianti, infissi e rifiniture
  • descrizione del progetto di ristrutturazione: Descrizione delle trasformazioni dell’alloggio – Illustrazione delle modifiche/innovazioni impiantistiche e tecnologiche – Piante e sezioni di progetto, pianta delle demolizioni e nuove edificazioni dei tramezzi, e quadro di sintesi delle nuove consistenze
  • dichiarazioni di ordine normativo e legislativo.

Premessa

Nella relazione di un progetto architettonico la premessa contiene i dati anagrafici e professionali del progettista e del committente, quelli relativi all’immobile oggetto della relazione, la sua collocazione topografica, facendo riferimento al titolo abilitativo necessario.

Descrizione dell’area in cui è compreso l’immobile

Dopo la premessa è opportuno illustrare il contesto in cui è compreso l’immobile, la sua posizione rispetto al centro abitato e la distanza da strutture di interesse pubblico, scuole, servizi alle persone, zone commerciali, fermate e/o stazioni di mezzi pubblici.

Qui potrebbe essere utile inserire una ortofoto (immagine satellitare ottenuta ad esempio da Google Maps) e planimetrie di scala adeguata, su cui individuare la collocazione dell’immobile rispetto all’intera struttura urbana.

Verifica conformità edilizia-urbanistica-catastale

Va quindi verificata, e descritta, la corrispondenza tra il progetto depositato al comune (la cui realizzazione è stata autorizza da un procedimento dell’amministrazione comunale chiamato titolo abilitativo) e lo stato di fatto (regolarità urbanistica o edilizia) e quella tra lo stato di fatto ed i dati catastali. Deve essere indicato l’intero elenco delle pratiche visionate durante l’accesso agli archivi del Comune.

Una volta in possesso di tutte le informazioni, qualora venga verificata la mancanza di conformità nella consistenza, il tecnico è tenuto a verificare la sanabilità di tali difformità.

Stralcio di relazione tecnica descrittiva: abaco vani e infissi con pianta stato di fatto

stralcio della relazione tecnica descrittiva

Descrizione dello stato dei luoghi

La descrizione dello stato dei luoghi si riferisce:

  • alla descrizione del fabbricato in cui è compreso l’appartamento
  • alla descrizione delle caratteristiche tipologiche, distributive e funzionali dell’alloggio

Nella descrizione generale del fabbricato, al cui interno è compreso l’appartamento da ristrutturare, vanno inserite tutte le indicazioni relative alla tipologia edilizia, tecnica costruttiva, materiali ed elementi di rifinitura utilizzati. Va anche specificato se l’edificio ricade in zona soggetta a eventuali vincoli  (ad esempio storico, architettonico, paesaggistico, idrogeologico, etc.): in tal caso potrebbero essere necessari pareri di altri enti.

Si procede poi con una descrizione compiuta dello stato attuale dell’appartamento, della sua consistenza e delle condizioni d’uso degli ambienti e delle rifiniture, in base al rilievo metrico e fotografico effettuato in precedenza, dettagliando le sue componenti formali e tecniche.

È utile inserire tabelle con indicazione dei vani e per ciascuno di essi:

  • destinazione d’uso
  • dimensioni in pianta e in alzato
  • superficie
  • perimetro
  • superficie vetrata
  • rapporti aero-illuminanti
  • numero infissi

e completare con l’inserimento di abachi (serramenti, etc.) ed eventuali schemi funzionali.

Abaco vani e infissi dello stato di progetto

abaco vani e infissi dello stato di progetto

 

Descrizione del progetto di ristrutturazione

In questa sezione della relazione tecnica illustriamo le trasformazioni che riguardano l’alloggio: occorre effettuare un’attenta descrizione dei nuovi ambienti, sotto il profilo compositivo, distributivo e dimensionale, che avrà il doppio intento di illustrare la rinnovata funzionalità domestica post-ristrutturazione e di fornire accurate informazioni all’impresa edile su come operare per la trasformazione degli spazi originari. Infine, si schematizzano dettagliatamente le lavorazioni previste in progetto.

Piante e sezioni di progetto, pianta delle demolizioni e nuove edificazioni e quadro di sintesi delle nuove consistenze

Procediamo quindi ad inserire appositi grafici che contengono le piante con l’individuazione dei nuovi componenti inseriti evidenziati in colore rosso. Tali indicazioni saranno individuate in maniera più accurata e dettagliata nella tavola “Stato di progetto”, allegata alla relazione tecnica.

Progetto di ristrutturazione di un appartamento pianta stato di progetto

pianta stato di progetto

Le tavole, da inserire prima come schemi in relazione e poi come allegati di dettaglio, possono essere ottenute automaticamente come viste del modello se si usa un software BIM per l’architettura.

In questo modo ogni elaborato (tavola, tabella, relazione, ecc.) si aggiorna dinamicamente ad ogni modifica del modello, senza necessità di intervento da parte del tecnico. Alcuni software, come Edificius, consentono di ottenere lo stato di progetto direttamente operando sullo stato di fatto, con la demolizione di entità esistenti l’inserimento di nuovi elementi, mediante la modalità operativa “Project Group”.

Progetto di ristrutturazione di un appartamento pianta stato di confronto

pianta stato di confronto

Illustrazione delle modifiche/innovazioni impiantistiche e tecnologiche

E’ opportuno perfezionare la relazione progetto architettonico con la descrizione degli aggiornamenti, integrazioni o sostituzioni di impianti, elementi tecnologici e rifiniture, sia per completezza d’informazione alla pratica edilizia, sia per indicazioni di dettaglio a chi dovrà eseguire le progettazioni impiantistiche ed energetiche, nonché all’impresa che realizzerà le opere.

A titolo esplicativo ecco alcuni esempi di descrizioni che potrebbero essere riportate in relazione:

Gli infissi esterni saranno in alluminio a taglio termico con triplo vetrocamera basso emissivo, riempito con gas argon, nel rispetto delle indicazioni del dm 26 giugno 2015

L’impianto elettrico verrà realizzato con tubazioni corrugate autoestinguenti, cavi in fili di rame isolati con materiale termoplastico, interruttore magnetotermico, ed ogni ulteriore elemento in linea con il dm 37/2008 e le norme CEI 64-8 ed altre norme CEI applicabili

Per l’impianto idrico-sanitario saranno utilizzate tubazioni di adduzione in polipropilene e in pvc, cassette di scarico ad incasso, chiavi di arresto per i singoli elementi

L’impianto termico sarà dotato di pannelli radianti a pavimento in tubazioni in polietilene PE-RT con collettore, alimentati da una caldaia a gas metano a condensazione, utilizzata anche per la produzione di acqua calda sanitaria

Dichiarazioni di ordine normativo e legislativo

E’ buona norma, e a questo può essere riservata l’ultima sezione della relazione, specificare che gli interventi da realizzare siano conformi agli strumenti urbanistici, legislativi, ecc.

Esempio pdf di relazione tecnica: download

Ecco disponibili per il download gratuito l’esempio in formato pdf della relazione di un progetto architettonico ed il modello 3D BIM del progetto di ristrutturazione di un appartamento a cui la relazione si riferisce.

Scarica il file in formato pdf dell’esempio di relazione architettonica

 

Scarica e prova Edificius, il software per la progettazione architettonica BIM
Scarica il modello 3D BIM (file .edf) del progetto di ristrutturazione di un appartamento

 

Relazione tecnica descrittiva, Slide

 

 

 

Come redigere la relazione tecnica descrittiva di un progetto di ristrutturazione (video)

In questo video Chiara ci mostra come ottenere in maniera automatica dal progetto la relazione architettonica, utilizzando un software di progettazione architettonica BIM.

 

 


Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo del BIM?

2 commenti
    • Pellegrino Carullo dice:

      Grazie. Seguici in questo focus sulla ristrutturazione dell’appartamento, poiché continueremo proponendo altri documenti tipo di supporto al professionista (computo, capitolato, psc, etc.).
      Buon lavoro

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *