Immagine di copertina sugli interventi energetici superbonus

Superbonus 110: come progettare gli interventi energetici ed ottenere tutti gli elaborati tecnici

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Superbonus 110, ecco come effettuare gli interventi energetici su un edificio ed ottenere tutti gli elaborati tecnici (computo, APE, relazione legge 10, schede tecniche, AQE, asseverazioni, tavole esecutive)

Vuoi usufruire degli incentivi del Superbonus 110 per gli interventi energetici? Vuoi conoscere come ottenere gli elaborati tecnici da presentare (APE, asseverazioni, ecc.)?

Segui attentamente questo focus e tutti gli altri articoli della collana, così avrai una guida su come procedere in maniera corretta.

In questo focus ti mostro come progettare gli interventi e metto a tua disposizione:

Questi file li puoi scaricare gratuitamente ed utilizzarli liberamente come riferimento per i tuoi progetti.

Schema che mostra gli interventi incentivati del Superbonus

Gli interventi incentivati del Superbonus

Collana focus Superbonus 110

Questo articolo fa parte di una nuova collana interamente dedicata al Superbonus 110.

I focus ti saranno di aiuto per affrontare tutti gli aspetti operativi, gestire gli interventi incentivati e generare tutti gli elaborati necessari per ottenere la detrazione del 110%, grazie al supporto di software dedicati.

Ecco l’elenco dei focus della collana Superbonus 110:

Continua a seguirci per scoprire tutte le soluzioni per gestire i diversi interventi incentivati!

Superbonus 110%: gli interventi energetici agevolabili

Prima di entrare nel merito delle operazioni pratiche, è bene ricordare quali sono gli interventi energetici agevolati.

Inoltre, devi sapere che le agevolazioni sono da considerare come detrazioni dall’IRPEF, in 5 quote annuali, per un importo pari al 110% delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021. E’ anche possibile cedere il credito all’impresa che realizza i lavori, con uno sconto massimo del 100% oppure cedere a banche/istituti di credito.

Per accedere alle detrazioni devi considerare sia il tipo di intervento che il loro rapporto gerarchico. Infatti dallo schema che segue puoi osservare due gruppi di interventi:

  • “interventi trainanti”, che abilitano ulteriori interventi secondari;
  • “interventi trainati”, abilitati solo se associati alla prima categoria di interventi.
Immagine che mostra uno schema sulla gerarchia degli interventi del Superbonus

Gerarchia interventi Superbonus 110

Clicca qui per scaricare l’infografica con la gerarchia degli interventi Superbonus in PDF 

Gli interventi principali trainanti sono 4:

  • isolamento termico (C1a)
  • sostituzione impianti con lavori su parti comuni (C1b)
  • sostituzione impianti su unità singole (C1c)

e sono necessari per ottenere la detrazione del 110 % anche per gli interventi secondari:

  • efficientamento energetico (C2 – Ecobonus)
  • impianto fotovoltaico (C5)
  • sistemi di accumulo (C6)
  • colonnine di ricarica per autoveicoli elettrici (C8).

Superbonus 110%: un esempio pratico

Ora ti spiego cosa devi fare per soddisfare tutte le condizioni necessarie per accedere al Superbonus.

L’intero procedimento può essere suddiviso in 4 fasi principali:

  1. creazione del modello energetico dello stato di fatto;
  2. creazione del modello di progetto (con gli interventi migliorativi);
  3. computo metrico degli interventi;
  4. creazione degli elaborati necessari alla pratica (asseverazioni, APE ante e post, ecc.).

Tutto questo processo può essere garantito e gestito completamente da TerMus, partendo dall’importazione di un modello in formato IFC. Inoltre metto a tua disposizione i file di progetto e gli elaborati necessari per la pratica, così puoi prendere spunto per i tuoi lavori.

Modello energetico stato di fatto

Il modello energetico dello stato di fatto ci consente di avere le basi per l’inizio dell’intero iter, soprattutto perché da questo modello riusciamo a conoscere le condizioni energetiche attuali dell’edificio. Inoltre è utile per ottenere l'”APE ante“, utilizzato per il confronto successivo con la situazione di progetto (“APE post“).

Ecco come procedere:

  • dalla piattaforma collaborativa, scarica il file IFC che è stato condiviso dal progettista architettonico (per maggiori approfondimenti ti rimando all’articolo “Superbonus 110: come generare il modello 3D e progettare l’intervento“) e iniziamo ad associare gli elementi costruttivi corrispondenti. Questo è reso possibile grazie a delle specifiche funzioni di abbinamento, che consentono di associare, alle diverse entità, le proprietà energetiche e quindi di definire velocemente il modello;
  • definisci le zone climatizzate e quelle di confine (sia riscaldate che non riscaldate), abbinando i rispettivi vani e tutti gli impianti presenti nella struttura;
  • esegui il calcolo e visualizza i risultati immediatamente:
    • in forma numerica, selezionando un’entità;
    • in forma grafica, attraverso il comando “Visualizzazioni grafiche” (presente nella parte alta della finestra della “vista 3D”);
    • attraverso la classificazione energetica dell’edificio, che mettono in evidenza le prestazioni globali.
Immagine che mostra l'assegnazione delle stratigrafie nello stato di fatto

Interventi energetici Superbonus | Assegnazione delle stratigrafie dello stato di fatto

Modello energetico progetto

Questo modello ti permette di avere il quadro completo degli interventi migliorativi che sono stati apportati allo stato di fatto. Così puoi ottenere facilmente anche il confronto tra la situazione “ante” e “post” intervento.

Ecco come procedere:

  • seleziona il modello dello stato di fatto come punto di partenza e definisci tutti i dati generali del progetto con la descrizione degli interventi;
  • identifica le operazioni da portare a termine. Inizia con l’inserimento dell’isolante termico nella parte esterna della tamponatura andando a modificare la tipologia di stratigrafia, così da applicare la modifica a più elementi contemporaneamente, migliorando immediatamente il valore della trasmittanza;
  • apporta miglioramenti agli infissi (sia telaio che vetrate) in maniera analoga alla situazione precedente, modificando la tipologia dell’elemento utilizzato;
  • anche gli impianti sono soggetti alle modifiche: procedi con la sostituzione, per esempio, del tipo di generatore per l’impianto di riscaldamento, adottandone uno più efficiente sfruttando un sistema di termoregolazione adeguato;
  • procedi con il calcolo;
  • crea un “Nuovo documento di confronto ANTE e POST intervento” così mettiamo a confronto lo stato di fatto con il progetto, mettendo in evidenza i risultati ottenuti grazie agli interventi migliorativi.

    Immagine che mostra la stratigrafia dell'edificio nella situazione di progetto

    Interventi energetici superbonus | Stratigrafia della situazione di progetto realizzata con TerMus

Creazione degli elaborati

Uno degli aspetti molto importanti in questa fase è rappresentato dagli elaborati necessari per la pratica e che devono essere prodotti:

Questi elaborati li puoi ottenere in modo molto semplice. Nello specifico devi:

  • spostarti nel navigatore di progetto (situato sul lato sinistro della schermata);
  • selezionare uno dei documenti presenti sotto la sezione “Elaborati”;
  • procedere, quindi, con l’esportazione o con la stampa.
Immagine che mostra il confronto tra lo stato di fatto e la situazione di progetto il tutto realizzato con TerMus

Interventi energetici Superbonus | Confronto tra lo stato di fatto e la situazione di progetto realizzato con TerMus

Computo metrico degli interventi

Nel documento di confronto, appena citato, puoi procedere anche nel computo metrico degli interventi migliorativi così da poter conoscere subito il costo delle lavorazioni.

Questo è possibile attraverso l’apposita pagina nella quale:

  • puoi definire i costi a corpo, in cui puoi aggiungere la descrizione e il costo dell’intervento;
  • sfruttare le voci presenti negli “Archivi” degli interventi presenti nel programma.

Il risultato dell’intero lavoro lo puoi esportare nel formato PriMus, così lo puoi integrare con gli interventi previsti negli altri ambiti della progettazione.

Qui metto a tua disposizione un esempio del risultato ottenuto con TerMus e apribile con PriMus.

Immagine che mostra il computo metrico degli interventi, il tutto realizzato con TerMus

Interventi energetici superbonus | Computo metrico degli interventi realizzato con TerMus

Interventi energetici Superbonus: video

In questo video ti mostro come poter operare con TerMus per ottenere il modello energetico (ante e post operam), i documenti necessari per le pratiche edilizie e il computo metrico degli interventi

Interventi energetici Superbonus: materiale di supporto

Di seguito metto a tua disposizione una serie di file che possono esserti di aiuto per le diverse operazioni.

Files di supporto

Scarica i file di progetto di TerMus

Scarica il file del computo metrico

Software

Scarica gratis TerMus 110 Superbonus

Scarica gratis PriMus

 

termus
termus