Tecnologia IBL nel render

Tecnica di illuminazione IBL nel render, i vantaggi per il progettista

Render iper-realistici? Possibili con la tecnica di illuminazione IBL. Vediamo in una pratica applicazione di cosa si tratta e quali sono i vantaggi nel render per l’architettura

Presentare render fotorealistici implica la necessità di riprodurre il più fedelmente possibile anche le condizioni al contorno proprie dell’ambiente in cui il progetto si inserisce.

Riuscire a ricreare le condizioni di luce di luoghi differenti (la luce fredda dei paesi del nord o quella più calda dei paesi del mediterraneo) oppure dello stesso luogo nelle diverse ore del giorno (all’alba o al tramonto) renderebbe la scena da renderizzare più realistica e accattivante.

Oggi tutto questo è possibile con AIrBIM, l’ambiente integrato in Edificius che grazie alla tecnica di illuminazione IBL (Image-based lighting) setta automaticamente le condizioni di luce della scena con un livello di illuminazione proveniente direttamente dalla foto di sfondo panoramica 360°.

 

 

 

Che cos’è la tecnica di illuminazione IBL?

Con il termine IBL (Image Based Lighting) si intende una serie di tecniche e algoritmi per l’illuminazione di oggetti sintetici e naturali utilizzando le informazioni delle fonti luminose presenti in immagini fotografiche. Negli ultimi anni l’IBL  si è sviluppato in vari campi tra cui:

  • computer graphics
  • realtà potenziata
  • film
  • videogiochi.

L’Image-Based Lighting è il processo di illuminazione degli oggetti presenti in una scena preimpostata con immagini che rappresentano le luci del mondo reale. E’ una tecnica derivante dal reflection-mapping, nella quale vengono utilizzate immagini panoramiche come mappe texture nei modelli di computer grafica per realizzare oggetti luminosi che riflettono l’ambiente reale circostante.

tecnica di illuminazione IBL

Tecnica IBL: render realizzati con Edificius

Gli step base che compongono l’Image-based Lighting sono:

  • catturare l’illuminazione dell’ambiente reale come un’immagine omnidirezionale (per ogni direzione c’è un pixel nell’immagine che corrisponde ad essa) di alta gamma dinamica;
  • mappare l’illuminazione per avvicinarsi alle condizioni dell’ambiente circostante (i valori dei pixel sono linearmente proporzionali alla quantità di luce nel mondo reale);
  • posizionare l’oggetto 3D all’interno dell’ambiente;
  • simulare le luci dell’illuminazione ambientale nel modello 3D.

Come renderizzare una scena con uno sfondo IBL

Vuoi fare il rendering di un progetto di architettura (di interni o esterni) posizionandolo in un luogo determinato oppure rappresentandolo in un preciso momento del giorno o dell’anno?

Applicando un’immagine con estensione .HDR (immagine ad alta gamma dinamica) a una sfera virtuale che racchiude il modello 3D (impostando uno sfondo) è possibile illuminare la scena da renderizzare dando l’impressione che sia effettivamente in un ambiente reale. La scena verrà illuminata in base alle proprietà dell’immagine HDR e i riflessi di questo ambiente si rifletteranno anche nei materiali opportunamente impostati (metalli, specchi, vetri, etc).

Le immagini utilizzate per IBL devono essere nel formato Latitudine/Longitudine (la larghezza deve essere doppia rispetto all’altezza).  Sono consigliate dimensioni di tipo (4000 x 2000), (6000 x 3000) o al massimo (8000 x 4000).

Applicazione della tecnica di illuminazione IBL: un caso pratico con Edificius

Terminata la fase di modellazione con Edificius BIM ONE, per ottenere un render di un modello 3D è necessario:

  • aggiungere una nuova prospettiva,
  • posizionarsi nel modello in modo da ottenere la vista da renderizzare,
  • caricare uno sfondo IBL dell’area in cui si inserisce il progetto,
  • posizionare correttamente lo sfondo IBL provando a far coincidere la sorgente luminosa del modello con quella della foto panoramica,
  • controllare i settaggi suggeriti direttamente dal software,
  • avviare l’anteprima,
  • avviare il render quando siamo soddisfatti della vista e delle condizioni di luminosità.
tecnica di illuminazione IBL - Render con sfondo IBL

Caricamento di uno sfondo IBL

L’obiettivo è realizzare render più realistici e più veloci e di semplificare l’impostazione dei settaggi prima di avviare la renderizzazione.

Con AIrBIM, ambiente integrato in Edificius, puoi usare una foto 360° con estensione HDR (High Dynamic Range) del luogo dove sarà realizzato il tuo progetto e usarla come sfondo del tuo render. AIrBIM offre anche un ampio archivio di sfondi 360º, catalogati e organizzati anche in base alle diverse categorie di effetti climatici. Gli sfondi 360° rendono semplicissimi il settaggio di tutti i parametri di rendering e la simulazione di illuminazioni di qualsiasi genere (invernale, estiva, di un paese nordico).

Edificius consente di scegliere anche tra diverse tipologie di sfondi:

  • immagine HDR,
  • sfondo climatico,
  • sfondo personalizzato (immagine semplice 360°).

Inoltre, prima di avviare il render, è possibile regolare l’intensità dell’IBL per aumentare o diminuire il suo contributo allo sfondo della scena.

Download

 

 

Scarica il modello 3D BIM (file .edf) del progetto
Scarica il modello 3D BIM (file .edf) del progetto in formato Educational

 


Vuoi rimanere aggiornato su questo argomento e sulle principali novità legate al mondo del BIM?

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *