As-built documentation

As-built documentation: cos’è e a cosa serve

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

As-built documentation è l’insieme delle informazioni relative all’edificio e aggiornate dopo la sua realizzazione. Scopriamo a cosa serve

Che cos’è as-built documentation? Come si usa? Perché dovrebbe interessarti?

Per as-built documentation si intende la documentazione relativa all’edificio aggiornata e verificata dopo la sua realizzazione. In questo articolo vediamo che cos’è nel dettaglio e perché è così importante.

Intanto, se sei interessato all’argomento, ti consiglio anche un BIM management system per gestire gratis modelli 3D e documentazione as-built in modo semplice, sicuro e collaborativo.

Che cos’è la documentazione as-built?

La documentazione “as-built” è un set di dati e modelli 3D che raffigurano l’edificio come è stato effettivamente realizzato e che vengono consegnati al cliente al termine dei lavori.

I dati as-built includono tutte le modifiche e le aggiunte apportate durante il processo di costruzione, rispetto al progetto inizialmente approvato. Solitamente includono le dimensioni, le caratteristiche e le geometrie esatte di tutti gli elementi dell’edificio, così come rilevate al termine dei lavori (as-buil survey). Il rilievo geometrico può avvenire con diversi strumenti: laser scanner, droni, stazione totale, ecc.

Per approfondire questi aspetti ti consiglio di leggere l’articolo di approfondimento “As-built survey: cos’è e a cosa serve“.

È buona prassi lavorare alla documentazione as-built già durante la fase di cantiere, aggiornando mano mano le informazioni che hanno subito modifiche. In questo modo, si ha la sicurezza di generare un modello informativo virtuale coerente con quello reale e di rispondere pienamente alle clausole contrattuali.

modello BIM con documentazione as-built

Modello BIM con documentazione as-built

La documentazione as-built ha molte applicazioni nel settore delle costruzioni soprattutto per:

  • appaltatori che necessitano di dati aggiornati per dimostrare di aver eseguito i lavori in rispondenza al progetto;
  • proprietari, acquirenti e gestori dell’immobile che hanno bisogno di accedere a tutti i dati dell’edificio (dal progetto originale fino allo stato attuale) al fine di avere maggiori garanzie o gestire al meglio opere di manutenzione, ristrutturazione, ecc.
  • imprese e professionisti che lavoreranno sull’edificio in futuro e che necessitano di modelli aggiornati e completi
  • banche e assicuratori che devono, ad esempio avere certezza per garantire mutui e prestiti.

As-built documentation è necessaria per qualsiasi tipologia di progetto. Possono essere illustrati interi edifici, facciate o anche singole stanze e può riguardare qualsiasi tipo di lavorazione: dal rifacimento degli impianti in un edificio esistente alla progettazione ex-novo di un complesso di edifici.

Solitamente, l’appaltatore che ha realizzato l’opera ha anche l’onere di produrre e consegnare al cliente la documentazione as-built. Prima della consegna al cliente, la documentazione dovrà essere accettata e approvata definitivamente dal professionista incaricato.

I vantaggi della documentazione as-built sono:

  • gestione dei difetti – il collegamento ad un BIM validation software permette di gestire e controllare tutti i dati IFC di ogni scambio informativo e generi report di validazione che assicurano la qualità del tuo modello;
  • rilevamento dei difetti – gli errori vengono identificati e corretti in una fase iniziale per evitare che i costi di risoluzione dei problemi diventino insostenibili;
  • gestione della qualità – garantisce una maggiore qualità dell’edificio, poiché si individuano e risolvono i difetti prima della consegna dell’opera;
  • controllo di conformità – il confronto da modello reale e quello virtuale permette d verificarne la conformità e di aggiornare la documentazione in caso di incongruenze.

In definitiva, la documentazione as-built assicura una maggiore trasparenza tra il cliente e l’impresa che ha realizzato i lavori, poiché ogni dettaglio risulta documentato e può quindi essere verificato più facilmente.

Quali sono gli esempi più comuni di as-built documentation

Tradizionalmente, gli esempi più comuni di documentazione “as-built” sono rappresentati da disegni CAD 2D.

Questa prassi si sta via via evolvendo con l’avanzare delle metodologie BIM e con l’utilizzo crescente, da parte di tecnici e professionisti del settore, di modelli 3D intelligenti e ambienti di dati comuni.

Un disegno CAD 2D as-built, ad esempio una pianta di un’abitazione, rappresenta le dimensioni accurate di ogni ambiente attraverso un disegno fatto di linee. Ciò significa che la pianta 2D non contiene informazioni aggiuntive degli elementi rappresentati (tipo di pavimentazione, materiali, costo dell’intervento, tempi di realizzazione dell’opera, ecc.).

Un modello BIM, invece, è composto da oggetti parametrici intelligenti a cui è possibile associare tutte le informazioni necessarie al ciclo di vita dell’opera.

Quando si gestisce un modello BIM as-built, è possibile selezionare qualsiasi oggetto (una finestra, un pilastro, ecc.) e visualizzare le informazioni ad esso associate. Inoltre, è sempre possibile implementare il modello con nuove informazioni o aggiornare quelle esistenti in caso di modifiche nel corso del tempo. Il modello as-built risulta, quindi, sempre aggiornato e completo e costituisce un ricco contenitore informativo sempre consultabile da professionisti e appaltatori interessati.

La gestione dei dati, però, può essere estremamente complessa senza uno strumento idoneo perché i dati BIM:

  • sono costituiti da differenti tipi di file;
  • sono spesso distribuiti su più software, rendendo difficile la condivisione e la collaborazione;
  • cambiano continuamente con l’evolversi del progetto, rendendo difficile tenere traccia di tutte le ultime modifiche.

L’unico modo per gestire i BIM data in modo efficace è utilizzare un BIM data management software, una piattaforma basata sul cloud che aiuta la gestione dei dati BIM in un’unica posizione centralizzata, direttamente online e in tempo reale.

Inoltre, garantisce a tutte le parti interessate l’accesso all’ultima versione del modello BIM, facilita il monitoraggio delle modifiche ed evita incomprensioni e ritardi durante la costruzione.

Perché è necessaria as-built documentation

Al termine dei lavori, l’opera realizzata non corrisponde mai perfettamente al modello di progetto.

Ciò accade perché le condizioni ipotizzate in progetto possono subire variazioni oppure essere soggette ad errore. In corso d’opera possono verificarsi modifiche al budget, errori di valutazione e imprevisti che richiedono riprogettazioni e rielaborazioni.

Anche il processo di costruzione più fluido e la metodologia BIM o VDC più avanzata possono produrre un edificio, anche in minima parte, diverso dal progetto originale.

Con questa premessa, quindi, si rende necessario aggiornare alle condizioni reali il modello di progetto e le informazioni ad esso associate, per avere un modello coerente con quello costruito e che sia un effettivo digital-twin della costruzione esistente.

In sintesi, as-built documentation è utile per:

  • dimostrare che quanto realizzato risponda in pieno alle clausole contrattuali;
  • avere un modello informativo aggiornato che corrisponda allo stato reale della costruzione;
  • avere una base di partenza certa per future opere di manutenzione;
  • garantire e tutelare gli interessi di clienti e appaltatori;
  • fornire ai professionisti che interverranno in futuro di partire da informazioni aggiornate e complete relative al manufatto.

 

usbim
usbim
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.