Home » BIM in architettura » Assonometria in architettura: cos’è e come realizzarla con un software BIM

assonometria architettura

Assonometria in architettura: cos’è e come realizzarla con un software BIM

Assonometria in architettura: ecco come il BIM può rendere questa tecnica di rappresentazione tridimensionale più efficiente per migliorare la tua comunicazione progettuale

L’assonometria in architettura è un metodo di rappresentazione grafica che aiuta i professionisti a comunicare in modo chiaro e preciso la loro visione progettuale. Ma esattamente cos’è l’assonometria e come può essere realizzata utilizzando il software BIM?

Assonometria in architettura

L’assonometria è una proiezione cilindrica con centro di proiezione all’infinito che consente di rappresentare figure tridimensionali su un piano (quadro), ottenendo una visione di insieme dell’oggetto che, a differenza di quanto accade nelle proiezioni ortogonali, appare in larghezza, altezza e profondità in una sola immagine assai simile alla realtà. L’assonometria è chiamata anche prospettiva parallela perché gli spigoli paralleli degli oggetti restano paralleli tra loro.

Come abbiamo accennato in premessa, si tratta di un metodo di rappresentazione grafica che permette di visualizzare oggetti e spazi tridimensionali su un piano bidimensionale in modo dettagliato. Questo tipo di proiezione conserva le proporzioni reali degli oggetti lungo tutti e tre gli assi (x, y, e z), ed è particolarmente utile per comprendere la spazialità degli ambienti, la disposizione degli arredi e l’uso dei materiali all’interno di un progetto. Per questo l’assonometria offre una prospettiva chiara e dettagliata degli elementi architettonici, contribuendo a migliorare la comprensione e la comunicazione progettuale.

Immagine a colori che mostra lo spaccato assonometrico del progetto di una villa singola su un piano

Progetto villa singola su un piano – spaccato assonometrico realizzato con Edificius

 

Caratteristiche dell’assonometria

L’assonometria si basa su alcuni elementi chiave, tra cui:

  • piani ortogonali: i tre piani ortogonali (orizzontale, verticale e laterale) fungono da riferimento per la creazione delle assonometrie;
  • assi cartesiani: gli assi x, y e z definiscono la direzione e l’orientamento degli oggetti rappresentati;
  • quadro assonometrico: il piano su cui vengono proiettati gli oggetti tridimensionali;
  • triangolo fondamentale: un elemento geometrico cruciale per calcolare le proiezioni assonometriche.

Tipi di assonometria

Esistono diversi tipi di assonometria e tutte le varianti consentono di adattare l’assonometria alle esigenze specifiche del progetto offrendo ulteriori possibilità di rappresentazione. Distinguiamo le assonometrie ortogonali da quelle oblique in relazione all’inclinazione che facciamo assumere ai raggi proiettanti rispetto al quadro assonometrico.

Assonometria ortogonale

Nell’assonometria ortogonale i raggi proiettanti sono perpendicolari al quadro assonometrico, che però è inclinato rispetto al triedro di riferimento:

  • Assonometria Isometrica: l’assonometria isometrica è una rappresentazione tridimensionale in cui gli oggetti sono disegnati in modo tale che gli assi principali (x, y e z) formino angoli uguali tra loro. Questo significa che le proporzioni degli oggetti lungo tutti e tre gli assi sono conservate, rendendo l’immagine tridimensionale fedele alla realtà;
  • Assonometria Dimetrica: nell’assonometria dimetrica, due degli assi principali (x, y e z) formano angoli uguali tra loro, mentre il terzo asse forma un angolo diverso. Questo tipo di rappresentazione conserva le proporzioni degli oggetti solo lungo due degli assi, mentre il terzo subisce una distorsione;
  • Assonometria Trimetrica: l’assonometria trimetrica è simile alla dimetrica, ma in questo caso, tutti e tre gli assi principali (x, y e z) formano angoli diversi tra loro. Di conseguenza, tutte e tre le direzioni subiscono una distorsione, ma l’immagine risulta ancora tridimensionale.

Assonometria obliqua

Nell’assonometria obliqua i raggi proiettanti sono obliqui rispetto al quadro assonometrico, che però è parallelo (per nostra comodità) a uno dei tre piani del triedro di riferimento. Questo tipo di assonometria è caratterizzato da un alto grado di flessibilità, poiché è possibile variare l’angolo di inclinazione degli assi a seconda delle esigenze di rappresentazione:

  • Assonometria Cavaliera: l’assonometria cavaliera è una rappresentazione obliqua in cui uno degli assi (solitamente l’asse z) è rappresentato in scala reale, mentre gli altri due (x e y) sono inclinati rispetto al piano di proiezione. Questo tipo di assonometria è spesso utilizzato per rappresentare oggetti tecnici e meccanici;
  • Assonometria Planometrica nella variante detta monometrica convenzionale: l’assonometria planometrica è una variante dell’assonometria cavaliera in cui entrambi gli assi x e y sono inclinati rispetto al piano di proiezione. Questo tipo di rappresentazione è utilizzato per rappresentare oggetti architettonici e pianificazioni urbane in modo chiaro e dettagliato.

Uso dell’assonometria nella progettazione

Una delle principali ragioni per cui l’assonometria in architettura è così ampiamente utilizzata è la sua capacità di fornire una visione completa e realistica degli oggetti tridimensionali. Mentre le rappresentazioni bidimensionali possono risultare limitate nel trasmettere la complessità degli spazi e degli oggetti, l’assonometria consente ai progettisti di esplorare dettagli specifici da diverse angolazioni.

Inoltre, l’assonometria offre un vantaggio significativo in termini di comprensione del progetto da parte di clienti e stakeholder. Gli spazi interni possono essere visualizzati in modo intuitivo, consentendo a chiunque di comprendere facilmente il layout e il design complessivo. Questo porta a una comunicazione progettuale più efficace e a una valutazione più consapevole dei progetti prima della loro effettiva realizzazione.

ristrutturazione appartamento - spaccato salone

Progetto di ristrutturazione appartamento: spaccato assonometrico salone – realizzato con Edificius

Vantaggi dell’utilizzo del BIM in assonometria

Grazie ai software BIM, la creazione di assonometrie è diventata particolarmente semplice e veloce, permettendo ai progettisti di migliorare la qualità dei loro progetti edilizi.

Uno dei vantaggi principali dell’utilizzo del software BIM è la possibilità di ottenere in automatico, con un solo input, tutti gli elaborati di progetto (piante, prospetti, sezioni, assonometrie, spaccati assonometrici, relazioni, tabelle ed abachi), e la conseguente velocizzazione della creazione e modifica delle rappresentazioni. Utilizzando software BIM, è possibile apportare modifiche al modello tridimensionale in tempo reale e vedere immediatamente come queste influiranno sull’aspetto generale dell’edificio. Ciò consente ai progettisti di esplorare varie opzioni progettuali in modo efficiente e di adattarsi rapidamente alle esigenze del cliente o alle sfide del progetto.

Vediamo come.

Come realizzare un’assonometria con un software BIM

Ecco i semplici step da seguire per realizzare in maniera veloce e professionale l’assonometria del tuo progetto con Edificius, software per la progettazione architettonica 3D BIM.

  1. Creazione del progetto: crea il tuo progetto all’interno di Edificius; questo passaggio include la modellazione 3D dell’edificio o dello spazio che desideri rappresentare.
  2. Inserimento di pianta o sezione: inserisci nel progetto una ‘Pianta’ o una ‘Sezione’ che rappresenti la vista desiderata dell’edificio.
  3. Aggiunta dello spaccato assonometrico: seleziona la ‘Pianta’ o la ‘Sezione’ che hai appena inserito e clicca su ‘Aggiungi Spaccato Assonometrico’. Questo comando consentirà al software di generare automaticamente l’assonometria desiderata.
  4. Personalizzazione: Edificius ti permette numerose opzioni di personalizzazione per le tue assonometrie. Puoi applicare colori alle parti tagliate degli oggetti, regolare la trasparenza delle sezioni e decidere se vuoi visualizzare le entità selezionate senza tagli all’interno dell’assonometria.
  5. Visualizzazione in real-time: una delle grandi caratteristiche di Edificius è la possibilità di visualizzare gli spaccati assonometrici in tempo reale con la tecnologia di Real-Time Rendering. Grazie all’ambiente RT-BIM di Edificius hai una visione realistica degli edifici progettati e puoi prendere decisioni più informate.
  6. Condivisione e collaborazione: inoltre, utilizzando l’ambiente di realtà virtuale immersiva integrata alla modellazione BIM 3D di Edificius, puoi condividere facilmente gli spaccati assonometrici online con altri professionisti. Questo rende la collaborazione nel settore edilizio più efficiente e trasparente.

Per approfondire leggi anche “Creare uno spaccato assonometrico con un software BIM“.

Nel video che segue puoi vedere come inserire la tavola grafica Assonometria con Edificius

 

L’assonometria in architettura è un elemento indispensabile per migliorare la comunicazione progettuale e la comprensione dei progetti. Grazie al software BIM, la creazione di assonometrie è diventata più efficiente che mai. Prova gratis Edificius e sfrutta i vantaggi della tecnologia BIM per ottenere una visione chiara e dettagliata dei tuoi progetti edilizi.

 

edificius
edificius

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *