Augmented Reality Construction

I principali vantaggi dell’Augmented Reality in Construction

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

La Realtà Aumentata permette l’integrazione della realtà fisica e del mondo digitale. Scopri i vantaggi dell’Augmented Reality in Construction


Quello della Realtà Aumentata è un tema fortemente innovativo.

La Realtà Aumentata, conosciuta con la sigla AR acronimo di Augmented Reality, si sta diffondendo sempre di più nel mondo della progettazione integrata. Ma cosa si intende davvero per AR nel settore delle costruzioni? E come interagiscono l’Augmented Reality e il BIM? Facciamo insieme il punto della situazione.

Cosa si intende per Augmented Reality nel mondo delle costruzioni?

Per Augmented Reality (Realtà Aumentata) si intende la realtà così come l’utente la percepisce ma arricchita di dati in formato digitale.

La Realtà Aumentata è quindi quella tecnologia che permette l’integrazione della realtà fisica e del mondo digitale consentendo ad oggetti generati al computer di convivere nell’ambiente fisico dell’utente.

In base alla situazione concreta, l’AR può:

  • ampliare virtualmente il quantitativo di informazioni visualizzabili in un oggetto reale arricchendo ciò che percepiamo con i nostri sensi e permettendoci di interagire virtualmente con oggetti digitali;
  • aggiungere informazioni in uno spazio reale privo di oggetti.
Augmented Reality Construction

Augmented Reality Construction

Questa realtà, potenziata da oggetti digitali, è visualizzabile attraverso l’utilizzo di dispositivi comuni come smartphone e tablet, oppure più sofisticati come gli smart-glasses, o i bracciali hi-tech.

Nel mondo delle costruzioni, la realtà aumentata crea e migliora le repliche esatte del mondo reale per una migliore visione dell’intero progetto attraverso modelli di realtà virtuale.

La possibilità che l’AR diventi uno strumento prezioso nel settore dell’architettura, dell’ingegneria e dell’edilizia è immensa grazie alla vasta gamma di applicazioni che fornisce durante l’intero ciclo di vita di un progetto.

Come interagiscono BIM e Augmented Reality?

L’integrazione tra il BIM e la Realtà Aumentata consente di arricchire virtualmente il pacchetto informativo che abbiamo prodotto con il nostro modello BIM.

L’integrazione tra il BIM e l’AR produce vantaggi sia per chi opera nel mondo delle costruzioni (Progettisti, Ingegneri, Costruttori, etc.) sia per il cliente finale, vediamo insieme perché.

Pensiamo all’enorme vantaggio che si trae dalla possibilità di mostrare al potenziale acquirente un appartamento, nella realtà privo di arredo, ma che grazie alla realtà aumentata può essere virtualmente e dinamicamente arredato, il tutto tramite dispositivi di utilizzo comune come smartphone e tablet. Gli oggetti, inseriti virtualmente nelle viste fornite al cliente, non sono semplici oggetti 3D ma sono modelli digitali informatizzati, di oggetti realmente esistenti e acquistabili, realizzati con software BIM.

Integrazione ambienti interni con oggetti digitali

Integrazione ambienti interni con oggetti digitali

Per gli operatori del settore delle costruzioni invece integrare BIM e AR vuol dire lavorare in un cantiere molto più smart con conseguenti risparmi in termini di tempi e costi.

Immaginiamo per esempio di far parte di una squadra che sta costruendo un nuovo edificio, in una delle visite in cantiere stanno posando i controsoffitti ma noi vogliamo verificare l’impianto HVAC. L’integrazione tra BIM e Realtà Aumentata consente di integrare istantaneamente il modello informativo dell’opera con la realtà fisica in cui ci troviamo.

Ecco quindi che ci è possibile visualizzare dinamicamente i condotti dell’impianto, le tubature dell’acqua e se poi volessimo continuare la visita in cantiere controllando se materiali e finiture che si stanno utilizzando corrispondono a quelli del modello di progetto, non ci resta che impostare il livello nel nostro modello BIM.

Integrare il modello BIM con l’Augmented Reality consente quindi di:

  • avere maggiore contezza di tutte le relazioni spaziali dell’opera;
  • intercettare eventuali errori o interferenze;
  • essere in grado di prendere decisioni sul campo in modo rapido e con meno errori;
  • risparmiare energia, tempo e denaro.

Quali sono le 7 principali applicazioni della AR nel settore delle costruzioni?

Nelle costruzioni, la Realtà Aumentata trova diverse applicazioni in varie fasi del processo progettuale. Vediamo insieme i sette principali utilizzi che si fa della AR in un workflow progettuale:

  1. Pianificazione del progetto:
    Il valore aggiunto che la realtà aumentata fornisce al progetto inizia già nella fase di pianificazione. In questo step  progettuale infatti l’Augmented Reality offre la possibilità di mostrare virtualmente l’opera completa ad un livello di dettaglio molto spinto, potendone così valutare l’impatto ambientale e sociale.
    Questa fase è inoltre molto importante per assicurarsi che quanto progettato rispecchi le richieste del cliente. L’utilizzo della realtà aumentata, integrata con il BIM, permette ai progettisti e ai costruttori di mostrare virtualmente l’opera al cliente sovrapponendola allo spazio reale. Il cliente potrà così proporre eventuali modifiche prima ancora che la costruzione abbia inizio.
  2. Misurazione accurata:
    I dispositivi per la realtà aumentata consentono la misurazione di elementi fisici all’interno di uno spazio, questo vuol dire che integrando il BIM con l’AR è possibile determinare con precisione le dimensioni e visualizzare in modo completo come apparirà il progetto. È  chiaro come queste potenzialità influiscano sulla capacità di determinare le ore di lavoro e i materiali necessari con più efficienza e concretezza.
  3. Revisione e modifica del progetto in situ:
    Uno dei principali vantaggi dell’applicazione dell’Augmented Reality nelle costruzioni è la capacità non solo di visualizzare il modello ma anche di apportarvi modifiche direttamente in loco. Utilizzando un dispositivo mobile abilitato AR con la sovrapposizione digitale del progetto, i progettisti possono apportare modifiche virtuali all’opera. Questo permetterà loro di capire come queste modifiche saranno integrate nell’edificio e come potrebbero influenzare il resto della struttura senza apportare modifiche alla struttura fisica reale e senza quindi causare ritardi in cantiere. Un controllo in loco del progetto tramite Realtà Aumentata, consente inoltre di scoprire eventuali incongruenze nell’architettura e adattare rapidamente il progetto con le modifiche necessarie prevenendo futuri sprechi di tempo e costi. Le modifiche approvate vengono aggiornate in tempo reale, riducendo il rischio che i lavoratori seguano piani obsoleti.
  4. Formazione in materia di sicurezza:
    Quello della sicurezza è un tema sempre caldo nel mondo delle costruzioni e l’integrazione della realtà aumentata con il BIM promette risvolti positivi soprattutto riguardo la formazione degli addetti ai lavori. La possibilità di utilizzare il digital twin dell’opera all’interno della realtà aumentata consente di formare i lavoratori in un ambiente sicuro e privo di rischi. I software BIM per la gestione del cantiere consentono di simulare scenari ed esercizi virtuali basati su quella che sarà la reale opera da eseguire e migliorare la consapevolezza de lavoratori sulla sicurezza, fornire istruzioni chiare e ridurre le spese di formazione e i ritardi nei tempi di inattività.
  5. Sicurezza e controlli:
    Grazie all’applicazione dell’Augmented Reality il Coordinatore della sicurezza, il Diretto dei lavori e le altre figure professionali coinvolte in cantiere, possono facilmente confrontare il modello BIM con la struttura reale, scattando foto di questa sovrapposizione, e condividendo le informazioni in modo istantaneo.
  6. Team Collaboration:
    La costruzione è un settore altamente collaborativo e un efficace lavoro di squadra è l’imperativo per garantire che un progetto sia finito nei tempi e nel budget previsti. Tuttavia, non tutti i membri del team che lavorano su un progetto possono essere in cantiere in ogni momento. In un approccio tradizionale alla progettazione questo comporta rimandare la risoluzione dei problemi a quando tutte le parti coinvolte non abbiano apportato le modifiche necessarie.La realtà aumentata consente ai professionisti di ispezionare il cantiere da remoto come se fossero lì di persona, in questo modo è possibile risolvere problemi e correggere errori in tempo reale senza la necessità di rimandare. Chi è presente sul posto può anche utilizzare la realtà aumentata per catturare immagini o video di eventuali problemi riscontrati, che i teams distanti possono visualizzare e commentare. Grazie alla realtà aumentata quindi la collaborazione tra i professionisti del team di progetto è possibile anche da remoto e questo consente di ridurre drasticamente tempi e costi altrimenti necessari per la risoluzione di problemi in loco.
  7. Risparmio economico:
    In conclusione, la realtà aumentata utilizzata a scopi differenti durante l’intero ciclo di vita del bene, potenzia la produttività dei lavoratori e riduce i costi connessi a interferenze individuate tardi o a modifiche apportate su un cantiere già avviato.

Quali sono i vantaggi e i limiti dell’AR nella Construction Industry?

I vantaggi della Realtà Aumentata nel settore delle costruzioni sono molteplici e anche se i costi di questa tecnologia non sono bassissimi, risultano comunque in calo e le previsioni ne vedono una integrazione anche nel workflow di piccole e medie imprese.

Saranno proprio queste imprese a beneficiare dei principali vantaggi dell’Augmented Reality nella costruzione: risparmio economico e fidelizzazione del cliente.

Nella Construction Industry il completamento dei progetti secondo i tempi prestabiliti è un aspetto fondamentale per garantire il rispetto del budget. Sappiamo quanto applicare la metodologia BIM sia prezioso in questo senso e se al digital twin ottenuto dal BIM aggiungiamo la Realtà Aumentata, rispettare i tempi e quindi rientrare nel budget, diventa una missione molto più facile da compiere.

Questa precisione ed efficienza permettono alle imprese di costruzione di pianificare progetti affidabili, migliorare le relazioni con i clienti e generare così ritorni sugli investimenti a lungo termine.

I vantaggi della realtà aumentata nel settore delle costruzioni sono quindi evidenti, tuttavia esistono ancora alcuni limiti alla sua applicazione:

  • il primo limite più che riguardare la tecnologia in sé interessa la dimestichezza che si ha con essa. L’integrazione della Realtà Aumentata nel settore AEC è ancora limitata, probabilmente perché considerata una tecnologia ancora non del tutto matura ma soprattutto perché non vi è la formazione sufficiente.
  • un altro ostacolo è rappresentato dalle implicazioni economiche che l’implementazione dell’Augmented Reality richiede, motivo per cui molte aziende, soprattutto se di piccole e medie dimensioni, sono ancora riluttanti a investire in questa tecnologia.
  • l’utilizzo dell’ Augmented Reality richiede una connessione WLAN e Internet stabile, non sempre garantita in cantiere.

Qual è il futuro della realtà aumentata nel mondo delle costruzioni?

Anche se attualmente non ci troviamo di fronte ad un utilizzo massivo di questa tecnologia nel settore AEC, l’AR ha tutte le carte in regola per diventare una parte indispensabile del settore delle costruzioni nel prossimo futuro, soprattutto considerando l’impatto della pandemia da COVID-19 che ha spinto le imprese di costruzione ad operare da remoto e implementare soluzioni digitali.

Le aziende che si occupano dello sviluppo di questa tecnologia, migliorano continuamente i prodotti che offrono, rendendo le app più veloci ed intuitive ed integrando la tecnologia AR direttamente nei software di progettazione.

La tecnologia continua a maturare ed inizia ad essere economicamente abbordabile, i ricercatori sono dunque ottimisti e sottolineano che l’uso della tecnologia AR  nel settore AEC vedrà una forte crescita nei prossimi 5-10 anni. In definitiva, un’adozione su più larga scala della tecnologia AR sarà guidata da due cose: la volontà dei professionisti della costruzione di passare attraverso la trasformazione digitale e la maturità della tecnologia AR stessa.

Progettare abbracciando la rivoluzione digitale e integrando la Realtà Aumentata al BIM,  prevede una certa dose di lungimiranza ma i vantaggi sono sotto gli occhi di tutti. Progetta anche tu con i software BIM e “aumenta” la tua realtà!

 

usbim-reality
usbim-reality

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.