BIM safety

BIM Safety: i 10 modi in cui il BIM aumenta la sicurezza

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Il BIM Safety è l’applicazione delle tecnologie BIM al servizio della sicurezza sul lavoro. Scopri subito i vantaggi dell’integrazione tra BIM e Safety


Il tema della sicurezza è uno tra i più delicati ed importanti nel settore AEC. L’obiettivo di tutti è da sempre quello di preservare la salute dei lavoratori, nonostante però i continui sforzi, le soluzioni tradizionali non sembrano in grado di ridurre il preoccupante numero di infortuni che da sempre riguarda il settore delle costruzioni.

Sembra quindi giunto il momento di introdurre soluzioni più tecnologiche e digitalmente avanzate che prevedano una “sicurezza integrata”, per questo oggi parliamo di BIM Safety.

Quanto è importante il tema della sicurezza nel settore AEC?

Quello della sicurezza è un tema delicato, spinoso e che sta a cuore a tutti quanti i coinvolti nel settore delle costruzioni.

Nonostante questo, un report INAIL – reso noto con un comunicato del 14 febbraio 2022 – dimostra come gli incidenti, tra cui quelli mortali, che coinvolgono i lavoratori dei cantieri edili sono ancora tanti, troppi!

Il report INAIL è stato condotto analizzando le dinamiche infortunistiche presenti nel sistema di sorveglianza Infor.Mo, curato da Inail e Regioni e arricchito dalle informazioni ricevute dai Servizi di prevenzione delle Asl negli ambienti di lavoro.

Lo studio evidenzia come tra il 2014 e il 2018, gli infortuni nel settore dell’edilizia siano stati in media 32mila all’anno. Il documento chiarisce preliminarmente che il rischio infortunistico varia a seconda dell’attività svolta. Il settore delle costruzioni è suddiviso, in questo senso, in tre segmenti:

  • costruzioni di edifici: edificazione edilizia e sviluppo di progetti immobiliari;
  • ingegneria civile: realizzazione di strade, ferrovie e altre opere di pubblica utilità;
  • lavori di costruzioni specializzati: preparazione e demolizioni di cantieri e lavori connessi ad attività specialistiche elettriche ed idrauliche.

Tutti e tre i segmenti si posizionano su un livello di rischio infortunio superiore alla media ma quello dell’ingegneria civile risulta avere una frequenza incidentale più alta, con una percentuale del 27,2.

Riguardo i fattori di rischio, sono stati 1173 quelli riscontrati. In particolare, è stata rilevata la forte presenza di problematiche legate alle modalità operative degli infortunati, non necessariamente riconducibili a loro responsabilità quanto a carenze di tipo gestionale che non permettono al lavoratore di operare in sicurezza.

BIM Safety - principali cause di infortunio settore AEC

È dovere di tutti gli operatori del settore tentare di intervenire per cambiare l’andamento di queste percentuali, e se implementare il BIM nella progettazione significa garantire l’abbassamento di questi numeri, allora vale la pena provare!

È necessario un approccio BIM al tema della sicurezza?

La ricerca suggerisce che il settore edile è saturo di strategie tradizionali di prevenzione degli infortuni e che parte di essi sono causati da carenze che nascono alla base del processo progettuale e si manifestano in fase esecutiva sulla sicurezza dei lavoratori.

È possibile, dunque, che sia necessario un nuovo approccio all’innovazione della sicurezza? È possibile che l’aumento del livello di digitalizzazione del processo costruttivo e l’implementazione del BIM Safety, porti alla diminuzione degli infortuni in cantiere?

Gli studi e le ricerche sembrano suggerire un’unica risposta positiva!

Abbiamo spesso parlato di digital twin, ovvero il gemello digitale dell’opera che viene realizzato prima ancora che il cantiere abbia inizio. È facile intuire come la simulazione digitale del processo costruttivo simuli anche le fasi costruttive e aiuti quindi a individuare e prevenire i rischi per la sicurezza legati alle varie lavorazioni.

In questo contesto si parla quindi di BIM Safety, ovvero dell’applicazione della metodologia BIM al servizio della sicurezza dei lavoratori. Il BIM applicato alla sicurezza offre l’opportunità di indentificare e prevenire i rischi per la salute e la sicurezza fin dall’inizio della progettazione grazie alla simulazione digitale del cantiere.

Cosa si intende per BIM Safety?

Per BIM Safety si intende l’applicazione delle tecnologie BIM al servizio della programmazione e gestione della sicurezza.

Il BIM Safety, quindi la metodologia BIM applicata al settore H&S – Health and Safety, grazie alla pianificazione integrata del cantiere e alla simulazione 4D delle fasi costruttive, permette di:

  • visualizzare e controllare digitalmente il cantiere;
  • identificare eventuali rischi e pericoli;
  • risolvere questioni come la pianificazione delle fasi di lavoro, la mancanza di comunicazione e formazione dei lavoratori, le interferenze tra le varie lavorazioni.

BIM Safety

L’adozione del BIM nel campo della gestione delle tematiche legate alla sicurezza è certamente un salto verso l’innovazione che permette di semplificare notevolmente la valutazione del pericolo e l’analisi del rischio nei cantieri.

Nel settore H&S è ormai diffusa la consapevolezza che digitalizzare il cantiere renderebbe efficiente e funzionale l’amministrazione della sicurezza nei cantieri e nelle attività produttive in generale.

In questo contesto si inserisce anche il tema della normativa, il BIM Safety infatti facilita notevolmente anche l’attuazione delle richieste normative ottenendo così il doppio risultato di abbattimento dei rischi per i lavoratori e coordinamento di tutti gli aspetti legati al settore H&S tramite la compilazione di un’unica base dati costituita da:

  • modelli 3d;
  • analisi 4d;
  • gestione documentale.

In definitiva, la progettazione del cantiere, che prima era perlopiù una pratica statica e solo documentale con il BIM Safety e l’utilizzo di specifici software di sicurezza dei cantieri diventa molto più dinamica. È possibile intercettare i possibili e reali incidenti che possono verificarsi durante le lavorazioni attraverso:

  • la creazione di piani di sicurezza;
  • i modelli 3D e 4D del cantiere;
  • l’analisi delle lavorazioni;
  • lo studio dei rischi.

Quali sono i 10 modi in cui il BIM rende i cantieri luoghi più sicuri?

I modi in cui il BIM rende i cantieri luoghi più sicuri per tutti gli operatori del settore che nel cantiere transitano e lavorano, sono molteplici e probabilmente più di quelli che stiamo per vedere insieme. Proviamo a percorrere il percorso progettuale dall’inizio e individuare i vantaggi del BIM Safety:

  1. Consente di riprodurre digitalmente l’esatta natura del territorio in cui si insedierà il cantiere (orografia, presenza di corsi d’acqua e vegetazione, la viabilità della zona, gli eventuali edifici presenti, la presenza di scuole, ecc.): in questo modo si ha reale contezza dei rischi e delle possibili interferenze che si potrebbero verificare tra lavorazioni e i relativi spazi operativi.
  2. Agevola l’operato del coordinatore della sicurezza (CSE): nell’approccio tradizionale alla progettazione il CSE non prende parte alla fase di progettazione dell’opera. Nel BIM invece la collaborazione è uno dei punti cardine, per cui anche la fase di pianificazione della sicurezza in cantiere viene condivisa in modo da evitare, in fase esecutiva, situazioni di rischio non previste.
  3. Semplifica l’adempimento delle varie normative in materia di prevenzione di incidenti sul lavoro.
  4. Consente di esaminare il cronoprogramma già in fase di progettazione: questo facilita l’analisi dei rischi legati alle differenti attività e permette di integrare, passo dopo passo, tutti gli aspetti riguardanti la realizzazione dell’opera suddividendo le aree di lavoro con un elevato fattore di sicurezza.
  5. Restituisce un vero e proprio cantiere digitale, completo di macchinari e uomini in movimento: consente, grazie a software BIM di gestione cantiere, di simulare gli ingombri reali, individuare le zone dove le attività potrebbero sovrapporsi e verificare il funzionamento delle vie di fuga.
  6. Permette di pianificare flussi di lavoro e di concentrarsi individualmente su ogni rischio in modo che i lavoratori possano prepararsi al meglio riguardo le singole attività da svolgere.
  7. Consente di gestire in totale sicurezza le attività di ristrutturazione in parallelo alle normali attività lavorative.
  8. Permette un’immediata contabilità delle attrezzature provvisionali con conseguente abbattimento dei costi di gestione.
  9. Consente, grazie ai bim clash detection software, di individuare eventuali collisioni prima della fase esecutiva riducendo così gli infortuni ad essi connessi.
  10. Fornisce una comunicazione informativa con un livello di dettaglio che aumenta in funzione della fase del processo progettuale, arrivando a poter inserire per ogni oggetto: i requisiti minimi di spazio per l’installazione e per la manutenzione, dettagli sulle parti di ricambio, date per la manutenzione programmata, fino ai dati relativi alla valutazione del rischio da esposizione ad Agenti Chimici Pericolosi e ad Agenti Cancerogeni e Mutageni. Il tutto dinamico e aggiornabile durante l’intero ciclo di vita dell’opera.

Questi sono solo alcuni dei vantaggi che il BIM Safety comporta, ma per poterli apprezzare tutti la cosa migliore è provare gratuitamente i software per la sicurezza sul lavoro su un tuo progetto. Apprezzerai la tranquillità di pianificare il tuo progetto in totale sicurezza!

 

certus-hsbim
certus-hsbim
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.