BIM Sustainability Analysis

BIM Sustainability Analysis: BIM e valutazione ambientale

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

La BIM Sustainability Analysis è l’applicazione della metodologia BIM al processo di valutazione ambientale del progetto. Scopri come realizzare un’analisi della sostenibilità BIM-based


Se ti stai chiedendo se si può essere tecnologicamente e digitalmente avanzati ed allo stesso tempo eco-sostenibili, la risposta è sì e la spiegazione sta nel BIM per l’ecosostenibilità.

In un precedente articolo abbiamo parlato dei vari BIM uses, tra cui vi è anche la valutazione della sostenibilità ambientale del progetto, altrimenti detta Sustainability Analysis.

In questo articolo approfondiremo insieme proprio questo specifico uso del BIM, ovvero la sua importanza in uno degli aspetti cardine di una buona progettazione: la sostenibilità ambientale.

Qual è il rapporto tra la sostenibilità e il settore delle costruzioni?

È ormai noto che quello delle costruzioni è un settore fortemente energivoro, responsabile del 36% dei consumi energetici e del 39% delle emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera. Il settore AEC deve ancora fare uno sforzo e potenziare il suo approccio green per ridurre l’impatto negativo che ha sulla Terra e migliorare la sostenibilità dei propri progetti.

Il concetto di sostenibilità abbraccia infatti più ambiti della sfera progettuale e va perseguito analizzando e migliorando le ricadute degli interventi sul piano economico, sociale e ambientale. Tale analisi non deve essere limitata al momento della realizzazione degli interventi ma deve essere realizzata anche durante la vita utile degli interventi stessi e durante la loro dismissione.

Cercare la sostenibilità nel settore delle costruzioni vuol dire raggiungere un equilibrio tra i requisiti negli ambiti appena citati (economico, sociale ed ambientale) e vuol dire farlo nei diversi momenti del ciclo di vita dell’asset.

Nonostante la situazione attuale non sia delle più rosee e il quadro normativo non sia ancora definito, la progettazione si sta muovendo sempre di più verso una direzione green, alla ricerca di un dialogo tra uomo e natura. Ma la sostenibilità in edilizia, intesa come rispetto di specifici standard ambientali, deve cercare di seguire un approccio integrato e olistico.

Proprio il termine “integrato” ci suggerisce il potenziale valore aggiunto che il BIM, in quanto processo di progettazione integrato, può apportare alla sostenibilità dei progetti nel settore AEC.

Cosa si intende per analisi della sostenibilità BIM-based?

Per BIM Sustainability Analysis si intende l’applicazione della metodologia BIM al processo di valutazione ambientale del progetto, secondo il sistema di classificazione LEED o altri criteri di sostenibilità.

Quanto più il processo progettuale è “informatizzato” tanto più si riesce a seguire la strada “green”.

Gestione sostenibile delle informazioni - BIM Sustainability Analysis

Gestione sostenibile delle informazioni

In altre parole, per progettare in un’ottica di sostenibilità ambientale è necessario gestire una mole di informazioni considerevole riguardante i dati che derivano dalle scelte che si operano e relativi ad impatti ambientali, economici e sociali.

È chiaro che gestire in modo consapevole tutte le informazioni riferite alla sostenibilità dei vari interventi attraverso un processo progettuale tradizionale, non è assolutamente facile.

Al contrario il BIM rappresenta per definizione un processo progettuale integrato, grazie al quale si produce un modello BIM ricco di informazioni che possono essere facilmente gestite in maniera:

  • integrata;
  • intelligente;
  • interoperabile;
  • multidisciplinare.

Il BIM Sustainability Analysis permette quindi di gestire in maniera integrata un sistema complesso di informazioni riferito ai differenti sistemi tecnologici e relativo alle varie fasi del ciclo di vita del bene.

Che rapporto c’è tra il BIM Sustainability Analysis e il Life Cycle Assessment (LCA)?

Il Life Cycle Assessment (LCA) è una metodologia analitica e sistematica che valuta l’impronta ambientale di un prodotto o di un servizio, o nel nostro caso di un asset, lungo il suo intero ciclo di vita, dalla fase di produzione dei materiali, alla installazione e messa in opera, fino alla dismissione.

Life Cycle Assessment - BIM Sustainability Analysis

Life Cycle Assessment

Se immaginiamo di effettuare questa valutazione integrando la metodologia BIM non è difficile immaginare come sia più facile e potente la gestione della variegata mole di dati legata alla valutazione di impatto ambientale attraverso LCA.

Il binomio BIM-LCA ci permette di fornire in fase progettuale informazioni sulla sostenibilità di tutte le scelte progettuali operate e riguardanti le varie fasi del ciclo di vita del bene.

Il punto risiede proprio nella complessità e nella quantità di dati e informazioni che è necessario gestire in fase di valutazione della sostenibilità ambientale e di come il BIM sia in grado di farlo in modo efficace e relativamente semplice.
Analizzando più nel dettaglio la procedura LCA, regolata dalle ISO 14040 (2006), vediamo come essa si articoli in quattro fasi:

  1. Goal and scope definition: definizione del prodotto, della sua applicazione e delle ipotesi per lo studio LCA;
  2. Inventory analysis: definizione di un diagramma di flusso che descrive l’intero ciclo di vita del prodotto;
  3. Life cycle impact assessment: valutazione dell’impatto sull’ambiente;
  4. Interpretation of the results: valutazione delle fasi del ciclo di vita o dei componenti che determinano un contributo maggiore in termini di impatto sull’ambiente.

È evidente come, nel settore AEC, la mole di dati da gestire sia estremamente alta, perché derivante dall’utilizzo di differenti tipi di materiale, sistemi, impianti ecc. Le potenzialità del BIM di archiviare e gestire informazioni anche in grandi quantità e relative alle varie fasi del ciclo di vita, offrono la possibilità di supportare il processo decisionale della progettazione, perseguendo un approccio life cycle che integri nei modelli BIM informazioni relative agli impatti ambientali dei singoli componenti.

In questo modo il team di progetto riesce a valutare appieno l’impatto ambientale di un edificio in tutto il ciclo di vita, dalla produzione dei materiali, passando per l’installazione e messa in opera fino alla dismissione.

Il BIM Sustainability Analysis consente dunque di potenziare le performance dell’asset durante tutte le fasi del suo ciclo vita in quanto ogni aspetto (impiantistico, illuminotecnico, energetico ecc.) viene valutato in modo consapevole sulla base di un fitto sistema di dati relazionati che consentono al team di lavoro di virare su scelte sostenibili.

Qual è il valore potenziale dato dall’applicazione BIM nella Sustainability Analysis?

I possibili valori aggiunti che si avrebbero dall’applicazione del BIM nella analisi della sostenibilità sono molteplici e da non sottovalutare.

L’introduzione nel proprio progetto di questo specifico BIM use:

  • facilita l’interazione, la collaborazione e il coordinamento dei membri del team a partire già dalle prime fasi del processo progettuale e questo a sua volta facilita la realizzazione di progetti sostenibili;
  • consente una valutazione tempestiva e affidabile delle alternative progettuali al fine di propendere per scelte più sostenibili;
  • rende disponibili, già in fase di progettazione, informazioni “critiche” che aiutano la risoluzione di eventuali conflitti in modo efficiente in termini economici e ambientali;
  • abbrevia il processo di progettazione sostenibile;
  • garantisce una migliore qualità del progetto e ottimizza le prestazioni energetiche dell’edificio.

Al contrario, le risorse e le competenze necessarie per poterlo implementare sono:

  • dimestichezza con i software di BIM authoring e i software di monitoraggio dei criteri di valutazione della sostenibilità;
  • abilità di modellazione 3D;
  • conoscenza di criteri di valutazione della sostenibilità aggiornati;
  • capacità di organizzazione e gestione di database informativi.

È chiaro come l’applicazione di questo specifico BIM use al proprio progetto richieda pochi sforzi in cambio di potenti vantaggi.

Come il BIM facilita l’analisi della sostenibilità?

Il BIM facilita l’analisi della sostenibilità in molti modi diversi.

Per prima cosa, tramite la metodologia BIM, è possibile raccogliere i dati e le informazioni man mano che il processo di progettazione va avanti, consentendo ai progettisti di iniziare ad analizzare le prestazioni di un edificio fin dall’inizio.

È inoltre possibile ottenere informazioni come le percentuali di riciclaggio e riutilizzo dei materiali e utilizzare tecnologie avanzate per determinare il rendimento delle fonti energetiche sostenibili in un determinato ambiente.

Per finire è possibile analizzare in modo efficiente modelli 3D e collaborare con diversi stakeholder nello sviluppo di un design sostenibile.

Il green BIM offre quindi un enorme vantaggio nella creazione di un futuro più verde e se anche tu vuoi contribuire a creare un mondo più sostenibile ti consiglio di provare gratuitamente i software BIM e testare tu stesso come sia possibile realizzare progetti green ma in modo efficiente e risparmiando tempo.

usbim
usbim
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.