dal BIM al BOS

Dal BIM al BOS

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Il passaggio dal BIM al BOS rappresenta una svolta notevole per lo sviluppo di edifici intelligenti. Scopriamo cosa significa e perché è importante

Hai mai sentito parlare di BOS?

Il BOS (Building Operating System) è il prossimo sviluppo del BIM nato per rispondere al meglio alle esigenze degli edifici di nuova generazione.

Scopriamo di più sul BOS, la nuova evoluzione del BIM che migliora il settore delle costruzioni.

Che cos’è il BOS?

Il BOS è una piattaforma che consente la raccolta delle informazioni relative ad un edificio e la comunicazione tra i diversi utenti coinvolti. In pratica, è il sistema che permette di gestire gli edifici intelligenti (smart building) e di migliorarne le prestazioni secondo le richieste e le esigenze manifestate dai fruitori dell’opera.

Lo scopo del BOS è di mettere in comunicazione tutte le app che governano i sistemi automatizzati di uno smart building (riscaldamento, sistema di allarme, videosorveglianza, elettrodomestici, luci, ecc.), al fine di aiutare l’utente a tenere tutto sotto controllo, in modo semplice.

BIM e BOS

BIM e BOS

Gli smart building rappresentano oggi un nuovo punto di riferimento nel mercato delle costruzioni e costituiscono senza dubbio un settore in rapida crescita. Sono edifici che includono sistemi automatizzati e offrono una gamma di servizi per proprietari, utenti e operatori. Ormai si parla di smart building in relazione a edifici per uffici, ospedali, supermercati, musei ma è una tecnologia che sta entrando sempre più anche nella vita quotidiana e domestica.

Il BOS trasforma gli edifici in una vera e propria piattaforma digitale scalabile che costituisce un reale valore aggiunto per gli utenti.

Il suo potere innovativo si basa su tre cose:

  • visualizzazione;
  • apertura;
  • scalabilità.

Direttamente collegato al BIM, questo “sistema operativo” per edifici smart fornisce un accesso grafico e intuitivo ai dati.

Questo implica, ad esempio, che il sistema di illuminazione di un determinato ufficio, situato in un esteso complesso di edifici dedicati al terziario, può essere immediatamente identificato e gestito da remoto, in tempo reale.

Che si tratti di infrastrutture, sistemi computerizzati di gestione della manutenzione, BIM, sistemi di gestione degli edifici, IoT, applicazioni di servizio rivolte agli utenti degli edifici, è necessario che si stabilisca un linguaggio comune e condiviso.

Il concetto di BOS mira a trasformare la relazione tra l’edificio e i suoi fruitori. Facciamo un esempio.

Pensiamo a come funziona Amazon, che ha costruito il suo successo analizzando le abitudini e i comportamenti dei suoi utenti per affinare le sue offerte. Allo stesso modo BOS migliora l’edificio in base a ciò che viene evidenziato dagli usi dei suoi occupanti.

Questo processo di apprendimento semplifica la correzione dei malfunzionamenti rilevati dagli utenti e fornisce informazioni utili per la creazione di nuovi servizi adatti alle loro esigenze.

Questo modus operandi potrebbe diventare un fattore chiave di differenziazione sul mercato immobiliare e di agevolazione dello sviluppo di smart building e smart city.

Il valore  aggiunto infatti, si traduce nella semplificazione di tante azioni comuni come la gestione di:

  • illuminazione;
  • temperatura;
  • qualità dell’aria;
  • dialogo con le applicazioni esterne all’edificio;
  • manutenzione;
  • aggiornamento delle applicazioni;
  • ecc.

In breve, BOS agisce come un database aperto e dinamico che può essere modificato in tempo reale, collegando i dati BIM con altre fonti di dati dell’edificio.

Sicuramente, per progettare e realizzare edifici dotati di servizi di autoapprendimento, e di conseguenza scalabili in base ad esigenze personalizzate, sarà necessario integrare nuove aree di competenza nell’architettura, nell’interpretazione dei dati, nella gestione, nella manutenzione e nella sicurezza informatica per le infrastrutture. Ci sarà sempre più bisogno di utilizzare dei BIM management system e di gestire la realizzazione e la manutenzione di un’opera in maniera digitalizzata.

 

usbim
usbim

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.