FAQ SuperbonusCategoria: Proposte SuperbonusSISMABONUS (110%) “Acquisti”: semplificazioni
Staff 13 Novembre 2020

SISMABONUS (110%) “Acquisti”: semplificazioni

In caso di acquisto di unità immobiliare facente parte di edificio ubicato in zone classificate a rischio sismico 1, 2 e 3 oggetto di interventi antisismici effettuati mediante demolizione e ricostruzione con eventuale ampliamento (cd. Piano casa) dell’immobile da parte di imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare che, entro 18 mesi dal termine dei lavori, provvedano alla successiva rivendita è necessaria l’asseverazione ai sensi dell’art. 3 del DM 28/02/2018 e s.m. per la “Classificazione sismica della costruzione” da redigere nelle modalità e tempi previsti. Tra l’altro è da asseverare:

  • la congruità della spesa ammessa a detrazione, stimata mediante il prezzario ______ pubblicato nell’anno 20__ , che ammonta ad un costo complessivo dell’intervento, comprensivo delle spese professionali, pari ad € _______________ , di cui di lavori pari ad € _______________

per tale fattispecie la detrazione è da riferire al prezzo di acquisto.
Sarebbe auspicabile un “allegato B-bis” per il sismabonus acquisti.
Ulteriore semplificazione, sempre facendo riferimento alla fattispecie di cui innanzi, potrebbe essere quella di evitare il calcolo dello stato di fatto (ante operam) del fabbricato da demolire almeno nel caso in cui lo stesso sia stato realizzato in epoca antecedente alla classificazione sismica del territorio in cui ricade. In tale situazione il salto di classe rispetto ad un nuovo edificio rispettoso delle NTC vigenti è evidente salvo alcune rare eccezioni. In tali situazioni si potrebbe sostituire il calcolo dello stato di fatto con l’asseverazione dell’epoca della sua realizzazione e il riferimento alla data di classificazione sismica del territorio in cui ricade.

34 Dai un voto positivo Vota questa proposta!