FAQ sulla simulazione per l’evacuazione antincendio

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Simulazione per l’evacuazione antincendio con metodo prestazionale e il motore di calcolo FDS (Fire Dynamics Simulator): le domande più frequenti

In questo focus ti propongo una serie di domande e risposte che possono esserti utili per approfondire il tema della simulazione per l’evacuazione antincendio con metodo prestazionale e il motore di calcolo FDS (Fire Dynamics Simulator).

Nella prima parte ti riporto le domande più frequenti relative agli aspetti generali e tecnici, nella seconda parte, invece, quelle più specifiche su ExiTus, il software di simulazione dell’evacuazione antincendio.

Prova anche tu ad utilizzare ExiTus e sfrutta tutti i vantaggi della simulazione grafica di evacuazione.

Simulazione evacuazione antincendio FAQ

Cosa si intende per vie di esodo?

Un percorso d’esodo è un percorso senza ostacoli al deflusso, appartenente al sistema d’esodo, che consente agli occupanti di raggiungere un luogo sicuro a partire dal luogo in cui si trovano.

Qual è la normativa di riferimento per la progettazione delle vie di esodo?

La normativa di riferimento per il calcolo delle vie di esodo è il “dm 3 agosto 2015 – Approvazione di norme tecniche di prevenzione incendi, ai sensi dell’articolo 15 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139”.

Che cos’è l’FDS?

L’FDS, acronimo di Fire Dynamics Simulator,è un motore di calcolo basato sulla fluidodinamica computazionale (CFD – Computational Fluid Dynamics), sviluppato dal NIST (National Institute of Standard and Technologies).

Ha l’obiettivo di prevedere le condizioni di un incendio con maggiore concentrazione sul fumo e sul calore trasportati dal fuoco.

Cosa indica il valore ASET?

ASET, acronimo di Available Safe Escape Time (tempo disponibile per l’esodo), è inteso come l’intervallo di tempo che va dall’innesco dell’incendio al momento in cui cessano di esistere le condizioni necessarie per raggiungere o permanere in un posto sicuro (riferimento dm 3 agosto 2015).

Cosa indica il valore RSET?

RSET, acronimo di Required Safe Escape Time (tempo richiesto per l’esodo), è inteso come il tempo compreso tra l’innesco dell’incendio e il tempo in cui le persone raggiungono il luogo sicuro.

Che cos’è il NIST?

Il NIST (National Institute of Standards and Technology) è un’agenzia nazionale degli Stati Uniti d’America che si occupa e gestisce diversi aspetti appartenenti al mondo delle tecnologie e del cyberspazio.

Cos’è l’FSE?

L’acronimo FSE sta per ingegneria della sicurezza antincendio (Fire Safety Engineering), meglio conosciuta come metodo prestazionale. È l’applicazione di principi ingegneristici ed altri fattori che permettono di limitare il più possibile i danni che possono derivare dall’incendio.

Quando è obbligatorio progettare le vie d’esodo?

Il progetto delle vie d’esodo è obbligatorio per le attività:

  • che hanno 10 o più dipendenti;
  • che sono soggette al controllo dei vigili del fuoco.

Che differenza c’è tra l’approccio prescrittivo e prestazionale?

L’approccio prescrittivo si basa sull’imposizione di regole tecniche e disposizioni legislative (dettate dal legislatore) che permettono di ottenere un livello minimo di sicurezza. Fanno riferimento a valori fortemente conservativi, al fine di essere applicabili in ogni contesto. Non sono ammesse soluzioni progettuali differenti a quelle imposte dal legislatore; in alternativa, la sicurezza antincendio del progetto viene garantita da deroghe e disposizioni aggiuntive concordate con i Vigili del Fuoco.

L’approccio prestazionale, invece, sul raggiungimento di una prestazione piuttosto che sul soddisfacimento di una prescrizione. Fa riferimento all’ingegneria della sicurezza antincendio (Fire Safety Engineering, FSE). Ciò consente al progettista di studiare soluzioni specifiche e mirate, che consentano di raggiungere la prestazione prefissata, valutando tutti rischi collegati. In linea di principio, l’approccio prestazionale garantisce risultati finali più aderenti al caso esaminato e di conseguenza consentono risparmio economico.

Quando si può utilizzare l’approccio prestazionale?

L’approccio prestazionale è spesso utilizzato in situazioni dove l’approccio prescrittivo comporta delle forti limitazioni (es. edifici storici, opere complesse e innovative). In questi casi si possono individuare le criticità e i punti di forza della struttura, prevedendo soluzioni più aderenti alla realtà. Va comunque specificato che per alcune attività va esclusivamente ed obbligatoriamente utilizzato l’approccio prescrittivo.

Quali elaborati produco con ExiTus?

Con ExiTus ottieni la relazione di calcolo, con tutti i dati relativi a tempi di evacuazione e i grafici connessi. Inoltre è possibile ottenere il video con simulazione real-time dell’evacuazione e dei flussi di persone.

ExiTus gestisce edifici multipiano?

Sì. Puoi anche inserire la scala che mette in comunicazione i vari livelli del progetto.

Posso realizzare la simulazione per l’evacuazione antincendio partendo da un file DWG/DXF?

Sì. Puoi importare il tuo DWG o DXF e definire aree calpestabili e ostacoli; puoi anche utilizzare funzionalità di riconoscimento automatico che ti velocizzano il lavoro.

Posso usare un’immagine raster come riferimento?

Sì. Importa il raster e utilizzalo come riferimento per aree calpestabili, ostacoli, oggetti, uscite di emergenza.

Posso utilizzare un file IFC per effettuare la simulazione per l’evacuazione antincendio?

Sì. Puoi importare il file IFC e sfruttare funzionalità di riconoscimento automatico che ti consentiranno una modellazione molto agevole.

Come si esegue il calcolo delle vie di esodo in ExiTus?

Dopo aver impostato il progetto (definito aree, ostacoli, vie d’esodo, ecc.), clicca sul comando “Avvia calcolo”. Dopo pochi secondi, potrai visualizzare tutti i risultati, le simulazioni e gli elaborati.

Come posso impostare l’affollamento degli ambienti?

Seleziona l’area calpestabile e inserisci il numero di persone corrispondente nel tool-box delle proprietà, Inoltre, puoi creare infittimenti e definire specifiche aree con sosta permanente di persone (esempio: banco gastronomia con presenza costante di addetti, reception, casse, ecc.).

Cosa sono le “celle” presenti nella simulazione delle vie di esodo?

Le celle costituiscono la restituzione bidimensionale dei parallelepipedi su cui si basa l’FDS (Fire Dynamic Simulator). Questa griglia consente la definizione e il calcolo degli spazi per la simulazione delle vie di esodo.

Come si individua l’area calpestabile della struttura?

L’area calpestabile è definita con l’apposito comando. Puoi creare le aree con riconoscimento automatico (“bacchetta magica”) a partire dal disegno di riferimento o puoi definire la superficie delimitando l’area di interesse.

Posso ottenere una simulazione dell’evacuazione?

Sì. Dopo aver effettuato il calcolo, puoi visualizzare l’animazione della simulazione dell’evacuazione sia in pianta che in 3D con vista realistica.

È possibile inserire gli ostacoli per il calcolo delle vie di esodo in ExiTus?

Sì. Puoi usare il comando “Ostacolo” che ti consente di ottenere il riconoscimento attraverso lo strumento “bacchetta magica” oppure di disegnare direttamente l’area degli ostacoli.

 

Scarica subito ExiTus e sfrutta tutti i vantaggi della simulazione grafica di evacuazione.

 

exitus
exitus