green bim

Green BIM: obiettivi e potenzialità dell’integrazione tra BIM e bioedilizia

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Il potere del Green BIM è quello di rendere semplice la progettazione di edifici ecosostenibili. Scopri perché il BIM è importante nella bioedilizia

Quante volte hai sentito parlare di Green Building, Bioedilizia o Architettura Sostenibile? Ti sei mai chiesto cosa succede se i criteri che sono alla base della progettazione sostenibile si integrano con l’approccio tipico della metodologia BIM?

In questo articolo voglio portarti a scoprire significato e potenzialità della nuova frontiera del Building Information Modeling: il Green BIM!

Cos’è il Green BIM

Nell’epoca in cui le tematiche ambientali e l’utilizzo delle risorse assumono un interesse sempre crescente, anche il BIM si tinge di verde e diventa Green BIM.

Ma cos’è in realtà il Green BIM?

Il Green BIM è un processo che prevede l’applicazione della metodologia BIM alla progettazione, costruzione e gestione di edifici ecosostenibili. L’integrazione tra BIM e sostenibilità ha l’obiettivo di rispondere efficacemente alla carenza di risorse energetiche e alle sfide del degrado ambientale legate al settore delle costruzioni.

cos'è il green bim

 

È importante ricordare che la valutazione della sostenibilità rappresenta una delle principali dimensioni del BIM, e si riferisce non solo all’analisi dei consumi energetici dell’edificio ma anche alla definizione degli aspetti economici e sociali.

Prima di analizzare nel dettaglio il ruolo del BIM nella progettazione degli edifici sostenibili, chiariamo insieme il concetto di bioedilizia.

Qual è il significato di Green Building

Il termine Green Building, o bioedilizia, si riferisce alla progettazione di edifici capaci di ridurre al minimo gli impatti negativi sul clima, sull’ambiente e sulla salute dell’uomo, sia durante la fase di costruzione che nel corso dell’intero ciclo di vita dell’opera.

La bioedilizia consente di salvaguardare il consumo di risorse naturali e migliorare la qualità della nostra vita.

Il grado di sostenibilità raggiunto da un edificio può essere valutato attraverso protocolli e sistemi di certificazione diffusi a livello nazionale e internazionale, come LEED, BREEAM, ITACA, ecc. I criteri da considerare in queste valutazioni riguardano, ad esempio:

  • la qualità e la sostenibilità del sito;
  • il consumo delle risorse (energia, acqua, suolo e materiali);
  • i carichi ambientali (emissioni di CO2, rifiuti solidi, ecc.);
  • la qualità ambientale interna (salubrità dell’aria, comfort termico, igrometrico, acustico e visivo)
  • la qualità del servizio (prestazioni energetiche, domotica, sicurezza degli utenti, ecc.).
green bim - sostenibilità: criteri protocolli e sistemi di certificazione

sostenibilità: criteri protocolli e sistemi di certificazione

Al fine di ottenere un livello di sostenibilità adeguato a caratterizzare l’edificio come Green Building, è utile adottare alcune importanti strategie, come:

  • privilegiare aree di intervento facilmente riutilizzabili, e accessibili dal punto di vista delle infrastrutture;
  • impiegare materiali ecocompatibili e atossici (materiali naturali, riciclati e/o riciclabili);
  • ridurre il fabbisogno idrico tramite l’utilizzo di sistemi di raccolta e di apparecchi ad elevata efficienza idrica;
  • limitare i consumi energetici, favorire l’utilizzo di energia da fonti rinnovabili e migliorare le prestazioni termiche dell’involucro;
  • installare sistemi per il controllo e l’automazione degli impianti e delle tecnologie presenti nell’edificio.

Per soddisfare tali requisiti è necessario partire da un’accurata fase di progettazione basata su un approccio di tipo integrato, in grado di supportare le interazioni tra i diversi fattori. Ed è qui che entra in gioco la metodologia BIM.

Grazie alla sua capacità di gestire in modo efficiente tutte le informazioni relative al progetto, incluse quelle riferite alla sostenibilità dell’intervento, il BIM costituisce il processo più adeguato a rispondere a questa esigenza.

In che modo il BIM contribuisce alla progettazione e alla costruzione di edifici sostenibili

Abbiamo visto che il Green BIM rappresenta un metodo di progettazione efficiente e innovativo, che consente di gestire gli obiettivi legati alla sostenibilità del progetto in modo integrato, attraverso la loro implementazione in ambiente BIM.

Ma in che modo il BIM può effettivamente aiutare nella realizzazione di edifici sostenibili?

Come sappiamo, la metodologia BIM si basa sulla condivisione delle informazioni e sulla collaborazione tra i diversi soggetti coinvolti nel processo. Questa natura collaborativa si sviluppa già a partire dalla fase preliminare del progetto e permette di avere una visione completa dell’opera da realizzare.

Attraverso l’ausilio di piattaforme collaborative BIM, professionisti afferenti a diverse discipline si interfacciano e valutano possibili scenari, con l’obiettivo di individuare la soluzione progettuale più sostenibile sotto il profilo energetico, economico, ambientale, e così via.

Il miglioramento dell’efficienza energetica, in particolare, costituisce uno dei principali requisiti da soddisfare nell’ambito della bioedilizia. La modellazione energetica basata su metodologia BIM prende il nome di Building Energy Modeling (BEM), e ha l’obiettivo di integrare gli aspetti legati al comportamento energetico dell’edificio all’interno del processo di progettazione.

Tramite la simulazione dei modelli energetici, supportata da software per la certificazione energetica, il progettista è in grado di effettuare analisi nelle diverse fasi del processo, e prevedere il fabbisogno di energia dell’edificio. Ciò consente di adottare soluzioni progettuali ottimali nell’ottica del risparmio energetico e della sostenibilità, che andranno a caratterizzare l’opera nel corso della sua vita utile.

L’unione tra BIM e bioedilizia permette di affrontare in modo più efficiente l’analisi dell’impatto ambientale e del ciclo di vita dell’opera (LCA). Sfruttando le potenzialità dei modelli informativi e l’interoperabilità tra i diversi software BIM, è possibile condurre analisi e simulazioni che permettono di verificare la sostenibilità del progetto e la rispondenza ai requisiti previsti dai protocolli internazionali.

L’implementazione del Green BIM, inoltre, svolge un ruolo significativo durante la fase di costruzione e successiva gestione dell’opera. Tra i vantaggi del BIM, infatti, ricordiamo la possibilità di pianificare e gestire in tempo reale la realizzazione dell’intervento, ottimizzando tempi e costi, e riducendo lo spreco di materiali e risorse. In fase operativa, grazie all’integrazione tra BIM e strategie intelligenti, è possibile monitorare le prestazioni dell’edificio e migliorare la qualità ambientale interna.

Vuoi iniziare anche tu a progettare edifici sostenibili e innovativi? Ti consiglio allora di scaricare subito gratuitamente la trial di un software BIM per scoprire tutte le potenzialità dell’integrazione tra il BIM e la sostenibilità.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.