Il Manuale di Gestione Informativa nei processi BIM

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Cos’è, a cosa serve e com’è strutturato il Manuale di Gestione Informativa, lo strumento d’indirizzo strategico per tutti i processi BIM

Quando si parla di BIM, siamo abituati a sentire parole complicate e sigle impossibili da ricordare.

Oggi ti spiego brevemente e in modo semplicissimo che cos’è e a cosa serve il Manuale di Gestione Informativa.

Nei prossimi articoli ti propongo anche un vero e proprio glossario BIM che raccoglie le principali sigle con relativi significati, riferiti a procedure, tools e documenti di natura operativa e strategica.

Inoltre, se ti occupi di BIM, ti ricordo che puoi gestire tutto il processo e i flussi di lavoro utilizzando una piattaforma gratuita e semplice da utilizzare: usBIM.

Clicca qui e scopri di più su usBIM, il primo sistema integrato per lavorare in BIM.

Che cos’è il Manuale di Gestione Informativa

Il Manuale di Gestione Informativa o OIB (Organization Information HandBook) è un documento che nasce dall’esigenza di fissare regole di indirizzo complessivo, non relative alla singola commessa, al fine di organizzare in modo ottimale qualsiasi processo BIM.

In sintesi, dovrebbe essere un documento strettamente connesso a strumenti come il Manuale della Qualità Aziendale (ISO 9000), che fissi regole generali di carattere organizzativo.

Infatti, con lo sviluppo del BIM, sono emerse una serie di nuove problematiche operative e gestionali riguardanti il management dei dati, delle informazioni, dei modelli, ecc.
E’ risultata, quindi, necessaria l’adozione di una disciplina in grado di strutturare i processi BIM, e rispondere alle esigenze dell’azienda nel suo insieme, al di là della singola commessa/intervento/contratto.

Non è più sufficiente, quindi, il BEP (BIM Execution Plan) perché non pensato per soddisfare la complessità del sistema, dei ruoli e dei processi a livello di “organizzazione”.

Attualmente la definizione di un Manuale di Gestione Informativa è una proposta ancora in via di sistematizzazione a cui però fanno esplicito riferimento le seguenti normative nazionali e internazionali:

  • la ISO 19650 a livello internazionale
  • la PAS 1192 in Gran Bretagna.

L’obiettivo dichiarato dalle norme è proprio quello di proporre una struttura informativa ben definita nel quadro generale dei processi edilizi che completerebbe l’indirizzo tracciato dal quadro normativo vigente.

La struttura organizzativa

Abbiamo detto che, allo stato attuale, la redazione del Manuale di Gestione Informativa resta una proposta.

E’ già ben chiara, però, una prima ipotesi per la futura struttura che il Manuale dovrebbe avere e gli allegati che dovrebbe includere.

Di seguito, ti riporto l’elenco degli allegati del Manuale di Gestione Informativa:

  1. OIROrganization Information Requirement
    • OIMOrganization Information Maps
  2. AIBAsset Information HandBook
    • AIRAsset Information Requirements
    • AIM – Asset Information Model
  3. PIBProject Information HandBook
    • PIR – Project Information Requirements
    • PIMProject Information Model
  4. EIR Exchange Information Requirement
  5. IDP – Information Delivery Planning
    • BEP – BIM Execution Plan
  6. PDM Platform Data Management
    • CDE – Common Data Environment
    • DR – Data Room.

Quelli citati sono tutti documenti di indirizzo “strategico” che vanno al di là del singolo intervento e sono indispensabili per la costruzione di un sistema organizzativo organico.

Tali documenti andrebbero ad affiancarsi ai ben più noti documenti di natura “operativa”:

  • CI – Capitolato Informativo
  • OGI – Offerta di Gestione Informativa
  • PGI – Piano di Gestione Informativa.

Manuale di Gestione Informativa - struttura e allegati

Dopo la nascita del BIM, nelle prime fasi, si è data sempre maggiore attenzione ai processi riferiti alla gestione della singola commessa, ovvero quelli che abbiamo appena definiti di natura “operativa”.

Da un lato i documenti come il Capitolato Informativo, relativo alla domanda di gestione informativa, dall’altro documenti come il Piano di Gestione Informativa e il Bim Execution Plan, per l’offerta di gestione informativa e infine gli strumenti di gestione informativa (il Common Data Environment o Ambiente di Condivisione dei Dati).

Solo di recente, si sta tentando il salto di scala, puntando sulla strutturazione di regole, ruoli e processi BIM a livello aziendale.

 

usbim
usbim
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *