Integrated Design Process

Integrated Design Process: cos’è e quali sono i vantaggi

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Integrated Design Process è il metodo che ti permette di gestire i progetti in modo integrato e collaborativo e ottenere prestazioni ottimali. Scopri i vantaggi

Qualità, funzionalità, sicurezza, efficienza energetica, sostenibilità… il numero dei requisiti da soddisfare nella progettazione delle nuove opere del settore delle costruzioni è sempre crescente!

Per fronteggiare le sfide dell’edilizia moderna, diventa quindi necessario concepire un processo costruttivo efficace e funzionale, che sia in grado di considerare l’interazione tra i diversi fattori in gioco.

L’Integrated Design Process risponde perfettamente a questa esigenza ponendosi come approccio integrato alla progettazione, supportato dalla cooperazione tra le diverse professionalità coinvolte.

Scopriamo insieme quali sono le potenzialità di questo metodo e in che modo la metodologia BIM può supportare la gestione integrata dei progetti.

Cos’è l’Integrated Design Process

L’Integrated Design Process (IDP) è un approccio progettuale interdisciplinare basato sulla collaborazione dei soggetti coinvolti nel processo di progettazione, costruzione e gestione di un’opera.

Questo metodo viene utilizzato soprattutto nell’ambito della bioedilizia in quanto permette di migliorare notevolmente le probabilità di successo dei progetti relativi agli edifici ad elevate prestazioni.

La partecipazione attiva di tutti gli stakeholder consente, infatti, di ricercare soluzioni ottimali, innovative e sostenibili, in relazione all’intero ciclo di vita dell’edificio.

Ma in realtà l’IDP è un approccio estremamente flessibile, di conseguenza può essere applicato in modo efficace in qualsiasi contesto, e ad ogni tipo di progetto o processo decisionale.

Naturalmente, le fasi e le strategie specifiche da adottare saranno direttamente correlate all’intento progettuale, che non solo differisce tra i progetti, ma cambia anche continuamente con l’evoluzione del settore.

Quali sono le differenze tra IDP e processi di progettazione convenzionali

I processi di progettazione tradizionali presentano una struttura lineare che si sviluppa secondo una sequenza ordinata di passaggi, in cui sono previste le seguenti modalità operative:

  • le discipline progettuali (architettura, strutture, impianti, ecc.) vengono considerate separatamente, come sistemi isolati;
  • le diverse figure coinvolte intervengono solo quando è necessario e le decisioni vengono prese da un numero limitato di stakeholder;
  • viene speso poco tempo nelle attività di pianificazione e progettazione, con ricadute negative sulle fasi successive;
  • le possibilità di ottimizzazione sono ridotte;
  • il processo si conclude con la fase di costruzione dell’opera.

L’Integrated Design Process si pone in netta contrapposizione ai criteri precedentemente illustrati in quanto:

  • rifiuta i processi lineari di pianificazione e progettazione che possono portare a soluzioni inefficienti, e adotta un sistema iterativo che considera le continue interazioni tra i diversi settori;
  • enfatizza le connessioni tra le varie discipline e migliora la comunicazione tra i professionisti e le parti interessate per tutta la durata del progetto;
  • le decisioni sono prese in maniera condivisa da tutti i partecipanti al processo;
  • prevede un investimento maggiore in termini di tempo ed energie nella fase iniziale di progettazione, per un migliore coordinamento delle fasi successive;
  • incrementa l’ottimizzazione e riduce al minimo i rischi di ritardi, modifiche in corso d’opera e superamento dei costi;
  • il processo continua anche dopo la fase di costruzione dell’opera, per un Facility Management più efficiente.
Differenza tra progettazione tradizionale e Integrated Design Process

Differenza tra progettazione tradizionale e Integrated Design Process

Come implementare un processo IDP

Per implementare correttamente un Integrated Design Process è opportuno:

  • definire in via preliminare gli obiettivi da raggiungere, per evitare modifiche nelle fasi future di progettazione;
  • formare una squadra di lavoro multidisciplinare, in grado di ricercare strategie integrate finalizzate al miglioramento delle prestazioni complessive del progetto (ad esempio, includere nel processo di progettazione gli operatori edili garantisce che le loro competenze siano condivise, mentre includere gli utenti finali assicura che le loro esigenze siano pienamente soddisfatte);
  • organizzare delle “charrette”, ossia dei workshop (intesi come intensi periodi di attività di pianificazione o progettazione) che dovrebbero essere condotti da un facilitatore esperto e dovrebbero includere tutte le parti interessate (proprietario, professionisti, appaltatori, ecc.). Le charrette offrono l’opportunità di unificare il team di progetto e raccogliere il contributo di tutti i partecipanti, lavorando per un obiettivo comune. Inoltre, sono indispensabili per elaborare soluzioni ottimali ai problemi di progettazione e stabilire sequenze temporali per il completamento del progetto;
  • utilizzare strumenti e software di modellazione e collaborazione per supportare e rafforzare l’integrazione del progetto. Tra gli strumenti che facilitano un processo decisionale efficiente e si combinano perfettamente con l’IDP, un ruolo di fondamentale importanza viene assunto dalla metodologia BIM. Cerchiamo di capire il perché.
Principi per la corretta implementazione dell'IDP

Principi per la corretta implementazione dell’IDP

In che modo il BIM supporta l’Integrated Design Process

La metodologia BIM rappresenta uno dei fattori di supporto più importanti per una progettazione integrata di successo.

L’uso del BIM nell’IDP, infatti, consente di integrare le informazioni provenienti dai partecipanti al progetto afferenti alle diverse discipline, che tradizionalmente operano in fasi distinte del processo di costruzione.

Oltre ad assicurare un’efficiente collaborazione tra le figure coinvolte (committente, progettisti, costruttori, utilizzatori finali, manutentori, ecc.), la metodologia BIM permette anche di:

  • integrare in un unico modello le informazioni utili in ogni fase della progettazione (architettonica, strutturale, impiantistica, energetica, gestionale, ecc.);
  • considerare tutte le dimensioni associate al progetto (tempi, costi, manutenzione, sostenibilità, ecc.) e sviluppare adeguatamente tutti i processi correlati;
  • andare oltre la fase di pianificazione e progettazione, per gestire l’intero ciclo di vita dell’edificio;
  • garantire un elevato controllo del processo tramite opportune verifiche di coordinamento e validazione.

Per assicurare il successo del tuo IDP prova il software di BIM Coordination che ti permette di facilitare la comunicazione con gli altri soggetti coinvolti, ottimizzare i flussi di lavoro e migliorare la qualità complessiva del progetto. Con unica soluzione online ed integrata potrai condividere dati e informazioni, eseguire clash detection e code checking e coordinare tutte le attività del tuo progetto.

Quali sono i vantaggi dell’IDP

Un processo di progettazione veramente integrato ci aiuta a:

  • identificare i conflitti nella fase preliminare del processo, e ridurre gli imprevisti nella fase avanzata di progettazione o durante la realizzazione dell’opera;
  • migliorare la collaborazione e la comunicazione tra i professionisti e i soggetti interessati;
  • ridurre i tempi e i costi di realizzazione;
  • assicurare un maggiore controllo del processo;
  • incrementare le probabilità di raggiungere gli obiettivi previsti;
  • aumentare l’efficienza della fase costruttiva;
  • garantire la corrispondenza tra fase di progetto e risultato finale;
  • migliorare la qualità complessiva del progetto e ottenere prestazioni ottimali;
  • facilitare la fase di gestione e manutenzione dell’opera.

 

usbim
usbim

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.