Le sezioni in architettura

Le sezioni in architettura

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Come realizzare le sezioni correttamente e in modo veloce con l’aiuto di un software BIM per l’architettura

In architettura, le sezioni sono elaborati grafici 2D essenziali per la rappresentazione di un’opera esistente o di progetto.

Per realizzare la sezione di un edificio con un software CAD è necessario partire dalla pianta, scegliere il piano di sezione e costruire l’elaborato manualmente. Occorre procedere analogamente per ciascuna sezione da realizzare.

Utilizzando un software BIM per la progettazione architettonica, invece, questo procedimento diventa automatico e non lascia spazio ad errori.

Vediamo nel dettaglio cosa sono le sezioni e come generarle con l’aiuto di un software BIM.

Cosa sono le sezioni in architettura?

In riferimento al disegno architettonico, il termine sezione indica una proiezione ortogonale di un edificio intersecato con un piano verticale, ovvero perpendicolare alla linea d’orizzonte.

Questo tipo di rappresentazione bidimensionale consente un controllo della distribuzione degli spazi nei diversi piani, degli elementi di collegamento verticale (scale, ascensori, rampe, ecc.), delle strutture (solai, muri, pilastri), delle differenze di quota, ecc., mostrando l’interno e l’esterno del manufatto.

Concettualmente, tra pianta e sezione non vi è alcuna differenza, essendo entrambe proiezioni ortogonali effettuate su un piano di sezione ortogonale all’oggetto. Anche la pianta di un edificio è di fatto una sezione ma è ottenuta a partire da un piano orizzontale.

In generale, il piano di sezione è solitamente scelto in modo da fornire il massimo di informazioni utili alla comprensione dell’opera e deve essere opportunamente indicato in pianta (convenzionalmente con una linea mista a punto e tratto, frecce e lettere).

Per differenziare le parti sezionate da quelle in proiezione, come per la rappresentazione in pianta, si ricorre a linee di diverso spessore (più spesse per le parti sezionate, più sottili per quelle in proiezione e tratteggiate per gli oggetti non visibili ma che si ritiene di dover riportare nel grafico) e retini (tratteggiati o pieni).

 

Sezione A-A - realizzata con Edifcius

Sezione longitudinale realizzata con Edificius

Per la comprensione del disegno è sempre opportuno riportare anche la scala metrica di rappresentazione, scelta in base al grado di dettaglio e alla finalità che si vuole comunicare con il grafico.

Ad esempio occorre utilizzare la scala:

  • 1:25.000, 1:50.000 per le rappresentazioni topografiche;
  • 1:10.000, 1:5.000 per rappresentazioni su scala territoriale/comunale;
  • 1:2.000, 1:1.000 per gli aggregati urbani;
  • 1:500 per il passaggio dalla scala urbanistica a quella architettonica;
  • 1:200 per il progetto di massima;
  • 1:100 per il progetto architettonico;
  • 1:50 per il progetto esecutivo;
  • 1:20, 1:10, 1:5 per i particolari e i dettagli costruttivi;
  • 1:1 per i dettagli che necessitano di una rappresentazione a grandezza naturale.

Anche se viene dichiarata la scala metrica di rappresentazione, è buona regola quotare i grafici per aggiungere ulteriori informazioni e per avere una lettura immediata del disegno.

Quali sono i tipi di sezione utilizzati nei disegni di architettura?

Si distinguono tre tipi di sezione:

  • orizzontale,
  • verticale,
  • obliqua.

Questa distinzione fa riferimento al tipo d’inclinazione del piano rispetto alla base del solido sezionato. Le più utilizzate in architettura sono le sezioni orizzontali (meglio note come piante) e quelle verticali (più comunemente chiamate solo sezioni).

Inoltre, esistono:

  • sezioni a baionetta, quando la linea di sezione non ha andamento rettilineo ma il suo percorso viene deviato sezionando una porzione diversa da quella iniziale. Questo tipo di sezione è molto usata in ambito architettonico perché permette di mostrare più aree del progetto in un unica sezione;
  • longitudinali, quando il piano di sezione è parallelo al lato lungo dell’edificio;
  • trasversali, quando il piano di sezione è parallelo al lato corto dell’edificio
  • sezioni costruttive, quando il grado di dettaglio è utile per rappresentare i dettagli costruttivi di un edificio.

Le sezioni non vengono utilizzate solamente nelle proiezioni ortogonali ma esistono anche sezioni assonometriche oppure prospettiche.

Spaccato assonometrico

Sezione assonometrica realizzata con Edificius

Come disegnare una sezione: i vantaggi di utilizzare un software BIM

Per disegnare la sezione di un edificio occorre immaginare di tagliarlo letteralmente in due con un piano immaginario, di asportare una parte e disegnare con il metodo delle proiezioni ortogonali tutto ciò che è sezionato dal piano e tutto quello che si vede in proiezione. La finalità è quella di rendere visibili le sue parti interne.

Con un software BIM non occorre più disegnare manualmente le sezioni ma basta indicare la linea di sezione, utilizzando una specifica funzionalità del software, per generare in automatico la vista desiderata. Quello che si ottiene non è un disegno statico ma una vista dinamica connessa al modello 3D BIM che si aggiorna in automatico in caso di modifiche.

Questo significa che se ho già generato le sezioni ma decido ad esempio di modificare le altezze dei controsoffitti in cartongesso oppure la disposizione dei tramezzi interni, non devo rifare tutti i grafici perché nel momento in cui modifico il modello 3D si aggiornano in automatico e in tempo reale anche tutte le viste che ho creato.

In pratica, avendo a disposizione il modello 3D di un fabbricato, è possibile generare infinite sezioni (ma anche piante e prospetti) ed apportare continue modifiche di progetto senza dover ritornare sui grafici già realizzati.

Inoltre, posso personalizzare in base alle mie esigenze lo stile del disegno (bianco a nero, a colori, in scala di grigi, ecc.), gli spessori delle linee, i retini, la rappresentazione degli arredi, ecc. e creare tavole grafiche esecutive complete di grafici, render fotorealistici e viste 3D.

Tavola grafica esecutiva realizzata con Edificius

Tavola grafica esecutiva realizzata con Edificius

Tutto questo costituisce un grande vantaggio per il professionista e comporta risparmio di tempo e una notevole diminuzione degli errori di rappresentazione e di progettazione. Infatti, avere la possibilità di generare in tempo reale tutte le sezioni di cui ho bisogno permette un controllo maggiore e una verifica più attenta e critica delle scelte di progetto.

Per avere maggiori informazioni su come creare gli elaborati grafici a partire dal modello 3D, leggi l’articolo di approfondimento.

 

edificius
edificius

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.