limiti del BIM

Limiti del BIM: quali sono le barriere all’utilizzo del Building Information Modeling

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

I limiti del BIM possono ostacolare l’adozione di questo efficiente metodo di lavoro da parte dei professionisti del settore. Scopri quali sono e come superarli

Interoperabilità, produttività, efficienza e collaborazione: ormai tutti conosciamo i vantaggi che derivano dall’implementazione del Building Information Modeling nei processi di progettazione e costruzione degli edifici.

Ma come spesso avviene quando si sperimenta una tecnologia innovativa, anche l’uso del BIM presenta alcune limitazioni e criticità che potrebbero scoraggiare i professionisti del settore ad adottare questa efficiente metodologia di lavoro.

Se non hai ancora sentito parlare dei limiti del BIM, in questo articolo ti aiuterò a scoprire quali sono i fattori di rischio e gli svantaggi legati all’utilizzo di questa metodologia, che si pongono come ostacolo alla sua completa diffusione nel settore delle costruzioni.

Perché il BIM non viene utilizzato

Nonostante il suo enorme potenziale, sono ancora molti i professionisti e le aziende del settore edile che fanno fatica ad accettare il BIM come metodo universale per la progettazione, costruzione e gestione dell’intero ciclo di vita degli edifici.

La sfiducia verso il BIM è dovuta soprattutto alla mancanza di un’adeguata comprensione dei suoi vantaggi e alla cattiva informazione, che inducono a pensare che questa metodologia sia:

  • caratterizzata da un’eccessiva complessità;
  • riservata alle aziende e alle imprese già affermate nel settore;
  • efficace solo per i progetti complessi e di grandi dimensioni;
  • costosa da implementare e non abbastanza redditizia e proficua.

Nella maggior parte dei casi questi fattori non hanno un riscontro nella realtà oggettiva.  È chiaro che abbracciare una tecnologia innovativa come il BIM richiede un investimento iniziale notevole non solo in termini di costi, ma anche di tempo, energie e capacità da parte di tutti i soggetti coinvolti nel processo. Ma è anche vero che questi sforzi vengono ricompensati da un flusso di lavoro più efficiente, produttivo, coordinato e meno soggetto a rischi, errori e cattive interpretazioni.

Conoscere i limiti del BIM è di fondamentale importanza per affrontare nel migliore dei modi e con la massima consapevolezza le sfide digitali del settore delle costruzioni. Cerchiamo allora di approfondire insieme quali sono i principali ostacoli all’adozione del Building Information Modeling, e quali sono invece le potenzialità che ci permettono di superare tali ostacoli.

BIM limitation

Limiti del BIM

Quali sono i limiti del BIM

I fattori che limitano l’implementazione del BIM dipendono dai requisiti tecnologici, economici, gestionali e organizzativi richiesti dalla metodologia stessa, e possono essere schematizzati nel modo seguente:

  • Costi da sostenere per l’infrastruttura tecnologica. A differenza dei metodi di progettazione tradizionali, l’implementazione del BIM richiede un investimento considerevole per l’acquisto di software di modellazione informativa, di piattaforme per la condivisione dei dati, e di sistemi hardware ad elevate prestazioni in grado di supportare le funzionalità di questi strumenti. Oltre ai costi per l’acquisto delle risorse informatiche, è necessario considerare anche le spese da sostenere per il loro costante aggiornamento e per la formazione del personale addetto al loro utilizzo. La predisposizione di un’adeguata infrastruttura tecnologica deve essere comunque vista come un investimento a lungo termine che sarà ripagato dalla maggiore produttività offerta dal nuovo metodo di lavoro.
  • Carenza di personale qualificato. Il BIM è una metodologia relativamente giovane, di conseguenza il numero di esperti che lavorano sul campo è ancora limitato. A causa di questo fattore, le aziende che decidono di adottare il BIM sono chiamate a investire tempo e risorse nella formazione del personale e a prevedere un periodo di transizione, probabilmente meno produttivo ma necessario a garantire l’adeguamento di tutti i professionisti alle nuove tecnologie.
  • Incompatibilità con i partner. Sebbene l’uso del BIM sia in costante crescita, sono ancora molti i professionisti, le aziende e le imprese del settore edile che hanno deciso di non seguire questo approccio collaborativo. In un simile scenario aumenta il rischio che i soggetti direttamente coinvolti in un processo BIM possano ritrovarsi con partner, collaboratori o subappaltatori che non utilizzano la stessa metodologia e che, quindi, non sono in grado di gestire i modelli BIM e non possono condividere le informazioni di progetto.
  • Mancanza di cooperazione. La collaborazione rappresenta uno degli elementi cardine della metodologia BIM perché consente lo sviluppo di flussi di lavoro più efficienti, dinamici e coordinati. Se le parti coinvolte in un processo BIM non sono disposte a condividere le proprie conoscenze e competenze, diventa difficile garantire la buona riuscita del progetto.
  • Problemi organizzativi. L’introduzione del BIM all’interno di una struttura aziendale richiede la rivisitazione completa dei processi già consolidati e l’attuazione di strategie mirate al soddisfacimento di specifiche esigenze. La scarsa esperienza nel settore del BIM di numerose realtà aziendali potrebbe causare intoppi o problemi nell’organizzazione dei nuovi processi, per questo motivo, soprattutto durante la fase iniziale, potrebbe essere necessario un servizio di consulenza esterno da parte di figure professionali esperte in materia (come il BIM Consultant).
  • Difficoltà ad applicare gli standard. Gli standard BIM assicurano il lavoro collaborativo e l’interoperabilità e garantiscono un’implementazione della metodologia più coordinata e coerente. Alcuni attori del processo, tuttavia, trovano difficoltà nell’applicare questi standard e finiscono per seguire regole e modalità operative del tutto personali, generando confusione, equivoci ed errori.

Quali sono i vantaggi del BIM

Nonostante i potenziali rischi, l’utilizzo della metodologia BIM offre una serie di benefici e vantaggi che ti aiutano non solo a recuperare gli investimenti iniziali, ma anche a rendere la tua azienda altamente competitiva e capace di rispondere adeguatamente alle nuove sfide della digitalizzazione.

In particolare, i vantaggi del BIM, che solitamente aiutano a superare gli ostacoli e le perplessità sull’utilizzo di questa metodologia, sono i seguenti:

  • pianificazione e progettazione più accurate;
  • migliore coordinamento tra le parti interessate;
  • monitoraggio costante delle modifiche al progetto;
  • rilevamento delle interferenze già in fase di progettazione;
  • riduzione di errori, rielaborazioni e ordini di modifica;
  • risparmio su tempi e costi di progettazione e costruzione;
  • riduzione dei rischi per la sicurezza;
  • migliore supporto alla prefabbricazione;
  • garanzia di qualità del risultato finale;
  • disponibilità dei dati e delle informazioni per l’intero ciclo di vita dell’opera.
Vantaggi e svantaggi del BIM

Vantaggi e svantaggi del BIM

Quali sono le probabili sfide all’adozione del BIM

Come avrai potuto notare, l’uso del BIM aiuta i team di progetto a sviluppare dei processi di progettazione e costruzione degli edifici molto più efficienti ed efficaci rispetto al passato.

Ma l’applicazione di questo metodo richiede anche la capacità di saper gestire i potenziali limiti e la disponibilità ad affrontare numerose sfide.

Chi decide di abbracciare una mentalità BIM, infatti, deve necessariamente:

  • superare la resistenza al cambiamento tecnologico;
  • accettare i rischi finanziari associati agli investimenti di capitale;
  • adottare un metodo di consegna del progetto più collaborativo, come l’Integrated Project Delivery (IPD);
  • mettere a disposizione le proprie competenze e capacità;
  • ridefinire la struttura organizzativa aziendale;
  • cambiare i flussi di lavoro tradizionalmente adottati.

Se stai cercando uno strumento che ti aiuti a implementare il tuo processo BIM in modo semplice ed efficace, il mio consiglio è quello di affidarti ad un BIM management software basato sul cloud. Tramite una piattaforma centralizzata potrai gestire i tuoi dati BIM direttamente online in modo sicuro e affidabile, e rendere la collaborazione con il team di progetto molto più efficiente e produttiva.

 

usbim
usbim

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.