Persone che collaborano al progetto di uno spogliatoio

Progetto spogliatoi: strumenti utili per lavorare in team (e gestire i bonus)

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Progetto di spogliatoi: come gestire al meglio tutte le fasi del progetto grazie ad un sistema integrato

Devi fare un progetto di uno spogliatoio per un impianto sportivo? Devi collaborare con diverse figure e hai necessità di uno strumento che ti consenta di farlo in modo agevole? Vuoi sfruttare gli incentivi del Superbonus 110?

In questo articolo ti spiego come organizzare al meglio il lavoro per la progettazione di uno spogliatoio e la collaborazione con tutte le figure interessate. Puoi sfruttare le potenzialità di una piattaforma collaborativa gratuita e di tutte le sue applicazioni, ottimizzando sia i costi che i tempi. Inoltre ti indico quali sono gli incentivi fiscali a cui puoi far riferimento e quali sono gli strumenti utili per gestire i bonus fiscali.

Collaborazione nella progettazione di uno spogliatoio

La progettazione di uno spogliatoio prevede la collaborazione tra più tecnici che si occupano dei diversi aspetti che caratterizzano l’immobile (architettonico, impiantistico e strutturale). Per agevolare il lavoro e la cooperazione puoi far riferimento a piattaforme collaborative che sfruttano diverse applicazioni per creare computi metrici, evidenziare interferenze, visualizzare i modelli, ecc.

Ora ti spiego come fare per ottimizzare i costi e i tempi nella fase progettuale.

Progetto architettonico

Per la progettazione di uno spogliatoio, la prima fase è la redazione del progetto architettonico: organizzare gli spazi riservati alle diverse funzioni e la dimensione degli ambienti, nel rispetto della normativa vigente.

Organizzazione interna spogliatoio

Immagine renderizzata dell’interno dello spogliatoio realizzata con Edificius

Se vuoi approfondire la progettazione di uno spogliatoio, ti consiglio di leggere il focus “Progetto di spogliatoi per impianti sportivi“. Qui puoi trovare tutta la normativa vigente per redigere correttamente il tuo progetto.

Inoltre puoi anche scaricare il file di esempio in formato IFC che puoi aprire con qualsiasi BIM authoring e che puoi utilizzare come riferimento per il tuo progetto.

Progetto dell’impianto e della struttura

La seconda fase riguarda la progettazione degli impianti e della struttura.

Qui risulta indispensabile la collaborazione tra le varie figure e il diretto interscambio delle informazioni. Infatti è necessario che le tre figure cooperino al meglio per individuare dove inserire i pilastri, dove far passare la rete elettrica, come disporre l’impianto di scarico, ecc.

A tal proposito ti ricordo che puoi approfondire l’argomento leggendo il focus “Progetto di spogliatoi per impianti sportivi” dove puoi scaricare anche il file di esempio dell’impianto elettrico.

Progetto di spogliatoi per impianti sportivi - impianto elettrico

Inoltre, per collaborare con i tuoi colleghi, ti consiglio di sfruttare le potenzialità del sistema integrato usBIM e delle sue applicazioni. Puoi rimanere sempre in contatto con gli altri tecnici, grazie ad usBIM.chat e usBIM.meet, utilizzando anche uno spazio cloud dove condividere contenuti.

Nel dettaglio:

  • usBIM.chat è il servizio avanzato ed evoluto di meeting online per la condivisione della telecamera e del desktop con i tuoi colleghi di lavoro.
  • usBIM.meet è l’applicazione del sistema integrato usBIM per creare chat dinamiche con interi team di lavoro o con singoli collaboratori.
  • lo spazio cloud è un ambiente online dove puoi inserire e condividere con i tuoi colleghi tutti i tipi di file. Appena effettui la registrazione ottieni gratuitamente 10GB a cui puoi aggiungere altro spazio di archiviazione attraverso usBIM.store.

Ora ti mostro, con un esempio, le operazioni necessarie per collaborare con gli altri tecnici ed ottimizzare i tempi e i costi.

Ipotizziamo di aver terminato la parte architettonica della progettazione di uno spogliatoio e di dover completare con gli impianti e la struttura. È fondamentale, in questo caso, condividere il progetto, per esempio, con il tecnico progettista degli impianti.

La prima cosa che devi fare è accedere ad usBIM.

come-accedere-ad-usBIM

Schermata di accesso ad usBIM

Inserisci le credenziali del tuo account ACCA (mail e password).

Se non hai ancora un account ACCA, puoi crearlo subito nel seguente modo:

  • vai sulla pagina MyACCA
  • esegui la registrazione inserendo tutti i tuoi dati
  • inserisci la tua mail e una password.

Ora crea una cartella dalla sezione I miei documenti (in alto a sinistra) e poi seleziona l’icona Nuova cartella (in basso a destra). Infine inserisci tutti i file da condividere con un semplice drag&drop.

Per condividere con altre persone la cartella (o un solo file) clicca sull’icona dell’omino (sulla destra).

Al termine dell’invio il tuo collega riceverà un messaggio su usBIM.chat (il servizio di chat integrato in usBIM) oppure sulla sua mail, con il link che rimanda al file. A questo punto il tuo collega può visualizzare il file direttamente online con qualsiasi dispositivo e ovunque si trovi, anche se non possiede il software adatto.

Condivisione di una cartella con usBIM

Condivisione di una cartella con usBIM

Puoi sfruttare anche le potenzialità di usBIM.meet per creare videoconferenze e meeting online. Quindi potrai organizzare riunioni online come se i partecipanti fossero in presenza attraverso un qualsiasi device (pc, smartphone, tablet) connesso ad internet e che abbia la possibilità di aprire un browser (Chrome, Firefox, Safari).

usbim-meet-video-anteprima

usBIM.meet | L’applicazione di video meeting e condivisione del Desktop per collaborare online con il tuo team

Al termine di questa fase puoi procedere con le verifiche federando il progetto architettonico e il progetto impiantistico grazie ad usBIM.federation e scoprire eventuali interferenze con usBIM.clash.

Questo step è di fondamentale importanza per scongiurare errori in cantiere e, quindi, aumentare i tempi di consegna e i costi di costruzione.

Federazione modelli_Immagine iniziale

Come federare modelli 3D con usBIM.federation

L’integrazione di usBIM non finisce qui!

Puoi anche continuare con la redazione del computo metrico grazie a PriMus online:

  • direttamente sul browser senza installare software
  • dove vuoi (su desktop o su mobile, con Windows o con Mac)
  • con i dati sempre disponibili e al sicuro sul cloud e li condividi con chi vuoi
  • in real-time con il tuo team e comunichi in chat nello stesso ambiente di lavoro

La compilazione del computo metrico è necessaria per poter accedere alle detrazioni fiscali come, per esempio, il Superbonus 110%.

Progetto spogliatoi e Superbonus 110

Il progetto degli spogliatoi prevede la possibilità di sfruttare le agevolazioni fiscali legate al Superbonus 110, regolamentate dal DL 34/2020, a patto che si rispettino determinati requisiti.

Il Superbonus 110%, introdotto dal decreto rilancio (DL 34/2020), consiste in un’agevolazione fiscale che consente di detrarre dall’Irpef le spese sostenute per interventi di miglioramento energetico e sismico.

Per il progetto degli spogliatoi possono essere effettuati tutti gli interventi previsti da questa misura che sono suddivisi in interventi:

  • trainanti – isolamento termico, sostituzione impianti su parti comuni, sostituzione impianti su unità singole, interventi di miglioramento sismico
  • trainati – efficientamento energetico, impianto fotovoltaico, sistemi di accumulo, colonnine di ricarica per autoveicoli elettrici, eliminazione delle barriere architettoniche.

Inoltre ti elenco una serie di informazioni utili che possono aiutarti a sfruttare il Superbonus 110:

  • scadenza (30/06/2022)
  • intervento eseguito da parte di una ASD o SSD
  • intervento eseguito su un immobile (o parti di immobile) adibito a spogliatoi
  • i limiti di spesa che variano a seconda del tipo di interventi che puoi visionare gratuitamente utilizzando EdilBonus
  • rispetto dei requisiti minimi previsti dai decreti indicati nel comma 3-ter dell’articolo 14 DL 63/2013
  • il miglioramento di almeno due classi energetiche e, se ciò non sia possibile, il conseguimento della classe energetica più alta, da dimostrare mediante A.P.E. (Ante e Post intervento)

Fatta questa breve sintesi, ti consiglio di utilizzare EdilBonus per conoscere tutto ciò che c’è da sapere sul superbonus 110 e su tutti gli altri bonus attualmente in vigore.

Infine, per seguire le novità sui bonus edilizia 2022 ti consiglio 2 strumenti utilissimi:

 

usbim-browser
usbim-browser

 

usbim
usbim
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.