Riqualificazione edifici storici, come fare progetti con un software BIM

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Come fare il progetto di riqualificazione di edifici storici con un software BIM: analisi del degrado e studio del quadro fessurativo direttamente sul modello 3D, con risultati grafici fotorealistici

Devi progettare la riqualificazione di edifici storici? Vuoi gestire il progetto di riqualificazione con un software BIM? Vuoi fare l’analisi del degrado e delle lesioni direttamente sul modello 3D?

In questo focus ti spiego come fare, grazie all’ambiente HBIM di Edificius, il software BIM per la progettazione architettonica.

Se vuoi lavorare direttamente in 3D e ottenere ottimi risultati grafici in tempi davvero molto brevi, scarica la versione trial di Edificius e segui le mie indicazioni.

Riqualificazione edifici storici - ambiente HBIM di Edificius

Perché fare il progetto di riqualificazione di edifici storici con un software BIM

Solitamente, per fare l’analisi del degrado oppure la classificazione delle fessurazioni di un edificio storico, con un software CAD, occorre:

  • disegnare in DWG i prospetti dell’edificio
  • fare il raddrizzamento delle foto del prospetto
  • importare le foto raddrizzate nel software CAD e allinearle ai disegni dei prospetti
  • ricalcare le aree di degrado e le fessurazioni
  • associare a ciascuna area un retino colorato
  • creare una legenda che associa ogni retino creato a ciascun fenomeno di degrado.

In questo modo, hai una rappresentazione bidimensionale dei prospetti e dei fenomeni di degrado presenti.

Con Edificius, puoi ottenere lo stesso risultato grafico ma con operazioni più semplici e veloci. Infatti, lavori direttamente sul modello 3D, sfrutti gli automatismi dell’ambiente HBIM del software e tutti i vantaggi di un processo BIM.

Per esempio, le tabelle e le legende del degrado vengono automaticamente generate secondo la classificazione NorMaL (metodo unificato per lo studio delle alterazioni dei materiali lapidei e per il controllo dell’efficacia dei trattamenti conservativi di manufatti di interesse storico e artistico) e automaticamente aggiornate ad ogni modifica apportata al modello.

Finora l’HBIM non ha avuto una grande diffusione in ambito professionale soprattutto a causa delle difficoltà legate alla modellazione degli edifici esistenti. Infatti, modellare un edificio storico significa tener conto di elementi non standardizzabili caratterizzati da deformazioni e irregolarità, incertezze sulle tecniche costruttive, presenza di fenomeni di degrado, ecc.

Per gestire in modo esauriente l’intero processo di digitalizzazione del patrimonio edilizio esistente, Edificius dispone di un nuovo ambiente specifico per l’HBIM, con oggetti e editor che si adattano in modo flessibile ad ogni singolo caso:

  • Editor delle volte – per modellare volte di diverso tipo sfruttando nuovi oggetti specifici (botte, botte rampante, botte zoppa, padiglione, padiglione a base poligonale, crociera, crociera a base poligonale, cupola, lunette/foro, taglio orizzontale e taglio verticale)
  • Costola – per inserire la costola sia nell’intradosso che nell’estradosso della volta in maniera manuale o in maniera automatica grazie all’uso della bacchetta magica
  • Solaio con travi in legno – per creare e personalizzare un solaio in legno, impostando lo spessore del solaio, la sezione, l’interasse e la rotazione delle travi
  • Area di degrado – l’editor per definire la superficie degradata a cui associare un determinato materiale
  • Lesione – l’editor specifico per individuare ed evidenziare le lesioni presenti su un determinato elemento dell’edificio
  • Ortofoto – per associare un ortofoto ad un elemento dell’edificio ed ottenere una rappresentazione fedele allo stato di fatto e completa delle informazioni materiche.

In questo modo, è semplice superare le difficoltà legate alla modellazione e sfruttare tutti i vantaggi dell’HBIM:

  • elaborazione del modello 3D in tempi rapidi
  • utilizzo di oggetti parametrici intelligenti
  • gestione dei documenti e dei dati
  • maggior controllo del progetto e delle campagne di indagini e analisi
  • condivisione delle informazioni e del modello
  • programmazione degli interventi di manutenzione
  • promozione del bene
  • creazione di database aggiornabili nel tempo
  • applicazione di tecnologie avanzate come la realtà virtuale o aumentata.

Ora ti mostro nel dettaglio come operare con il software per progettare la riqualificazione di edifici storici.

Un caso pratico con un software BIM

L’esempio pratico che ti mostro è un progetto di riqualificazione di un edificio storico, sviluppato interamente con Edificius. Si tratta di Palazzo Penne, edificio rinascimentale nel centro storico di Napoli.

Ti illustro brevemente i passaggi da seguire per modellare in 3D l’edificio, fare l’analisi del degrado e definire le lesioni direttamente sul modello BIM.

Il rilievo

Prima di iniziare la modellazione è necessario acquisire i dati metrici e geometrici dell’edificio su cui intervenire, attraverso una campagna di rilievo ben organizzata e strutturata.

E’ possibile scegliere le metodologie di rilevamento in base alle difficoltà del caso e agli strumenti a disposizione:

  • rulline, livelle, squadri e fili a piombo
  • laser scanner
  • stazione totale
  • rilievo fotogrammetrico
  • drone
  • ecc.

Attualmente le pratiche di rilevamento più idonee prevedono l’utilizzo di strumenti come laser scanner, droni o macchina fotografica per la fotogrammetria terrestre. Si ottengono così le cosiddette nuvole di punti, che contengono informazioni di carattere geometrico (le loro coordinate in un sistema di riferimento noto) e di carattere colorimetrico, in quanto ad ogni punto viene associato un colore relativo ricavato da una foto fatta dallo strumento durante la scansione.

I dati del rilievo sono importati in Edificius per la costruzione del modello 3D dell’edificio.

La modellazione

Prima di importare i dati del rilievo è necessario impostare i Livelli (piano terra, piano primo, fino alla copertura) e i subLivelli con relative altezze e creare il terreno con le quote e le curve di livello sfruttando l’apposita funzionalità.

Edificius ha un ambiente apposito (Ambiente Terreno) in cui è possibile:

  • importare il terreno da Google Maps per ottenere in automatico l’andamento del lotto
  • importare un rilievo in DXF/DWG
  • definire curve di livello, piani e punti quotati
  • modellare scavi e riempimenti
  • inserire oggetti come scale, strade, piazzali, muretti, vegetazione, piscine, aiuole, ecc.

Definiti i livelli e il terreno si può procedere con la modellazione dell’edificio.

Modellazione HBIM con Edificius - Riqualificazione edifici storici

Modellazione HBIM con Edificius

Con Edificius è possibile importare i dati di rilievo in diversi modi:

  • importi i disegni in formato DXF\DWG e costruisci il modello sfruttando lo strumento automatico Bacchetta magica
  • importi il file IFC del modello per ottenere un riconoscimento automatico degli oggetti
  • costruisci il modello inserendo manualmente gli oggetti (muri, solai, finestre, ecc.) e le misure ottenute dal rilievo.

A questo punto puoi procedere con la modellazione utilizzando gli oggetti architettonici parametrici di Edificius: muri, finestre, porte, tetto, volte, scale, solai, ecc.

Per approfondire tutti gli step della modellazione di un edificio storico, leggi l’articolo di approfondimento e guarda il video tutorial.

L’analisi del degrado con Edificius

Il modello 3D può essere utilizzato come base per tutte le analisi sullo stato di fatto e per la definizione degli interventi di progetto.

Nello specifico, ora ti indico tutti i passaggi da seguire per fare l’analisi del degrado con Edificius:

  • nella sezione HBIM, scegli il comando Ortofoto per caricare sul modello la foto già raddrizzata del prospetto da analizzare
  • seleziona il comando Degrado
  • dalla vista 3D, clicca sull’involucro su cui devi inserire l’area di degrado
  • clicca su Edita per definire l’area di degrado o modificarne una già inserita
  • traccia le aree che presentano manifestazioni di degrado ricalcandole sull’ortofoto appena caricata
  • al termine dell’operazione, clicca su Termina
  • seleziona l’area appena definita ed associa una tipologia di degradazione, dal toolbox delle proprietà
  • scegli la tipologia di degrado dalla libreria degli oggetti BIM nella cartella “Alterazioni e Degradazioni”
  • in “Caratteristiche” definisci anche la Profondità, la Classificazione e lo Spessore del fenomeno di degrado
  • ottieni in automatico la legenda dei fenomeni di degrado inseriti sul modello, con relativi retini e descrizioni, da inserire nelle tavole grafiche esecutive.
Riqualificazione edifici storici - Analisi del degrado di palazzo Penne con Edificius

Analisi del degrado con Edificius | Palazzo Penne

Con pochi passaggi, ottieni:

  • la rappresentazione realistica dello stato di fatto grazie all’utilizzo dell’ortofoto
  • la rappresentazione delle aree di degrado con i rispettivi retini e legende
  • un modello BIM consultabile, implementabile e aggiornabile nel tempo
  • tavole grafiche con prospetti fotorealistici
  • render fotorealistici del modello da utilizzare per la presentazione del progetto.

Definizione area di degrado: il video tutorial

Guarda il video che ti mostra come definire un’area di degrado con Edificius per fare la riqualificazione edifici storici.

Lo studio del quadro fessurativo

Per lo studio del quadro fessurativo, puoi procedere in maniera analoga all’analisi di degrado.

Nello specifico:

  • scegli il comando Ortofoto per caricare sul modello la foto già raddrizzata del prospetto
  • seleziona il comando Lesione
  • dalla vista 3D, clicca sull’involucro su cui inserire la lesione
  • clicca su Edita per definire la lesione o modificarne una già inserita
  • traccia il perimetro della lesione ricalcando l’ortofoto appena caricata
  • clicca su Termina
  • seleziona la lesione appena definita e dal toolbox delle proprietà definiscine le “Caratteristiche”:
    • Tipologia
    • Gravità
    • Cause
    • Specifica
  • spunta se si è in presenza di lesione “Passante” e se c’è “Perdita di materiale”
  • definisci la “Simbologia” da associare alla lesione
  • ottieni in automatico la legenda da inserire nelle tavole grafiche esecutive con i simboli, descrizione, causa e gravità di ogni lesione.
Analisi del quadro fessurativo con Edificius - palazzo Penne

Analisi del quadro fessurativo con Edificius | Palazzo Penne

Definizione di una lesione: il video tutorial

Guarda il video che ti mostra come definire una lesione con Edificius.

 

 

edificius
edificius
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *