Superbonus #4: asseverazioni, assicurazioni e responsabilità

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

La legge Rilancio prevede che per beneficiare delle detrazioni al 110% siano necessarie una serie di asseverazioni del tecnico; che dovrà avere un adeguata assicurazione

Il decreto Rilancio prevede una serie di obblighi e di responsabilità in capo al tecnico/progettista che affianchi il committente che voglia usufruire delle detrazioni fiscali del 110%.

In questo articolo cerchiamo di fare chiarezza sugli aspetti legati alle asseverazioni, alle possibili sanzioni, alle responsabilità ed all’assicurazione che fanno capo ai tecnici.

Quest’articolo, ed i webinar ad esso collegati, fanno parte di una serie di 9 approfondimenti sul Superbonus:

  1. Immobili e beneficiari
  2. Conformità urbanistica
  3. Cessione del credito
  4. Asseverazioni, assicurazioni e responsabilità
  5. Massimali di costo e detrazioni
  6. Esempio pratico di riqualificazione energetica
  7. Esempio pratico di riqualificazione antisismica
  8. Esempio pratico di impianto fotovoltaico
  9. Esempio pratico di calcolo del compenso professionale.

Come fare un asseverazione per il Superbonus

Gli elementi essenziali allegati all’asseverazione (a pena di invalidità) sono:

  • dichiarazione espressa del tecnico abilitato della PEC cui ricevere le comunicazioni con valore legale;
  • dichiarazione che il massimale della polizza allegata è adeguato al numero delle attestazioni o asseverazioni e agli importi degli interventi oggetto delle asseverazioni o attestazioni;
  • copia allegata della Polizza di Assicurazione , che costituisce parte integrante del documento di asseverazione;
  • copia del documento di riconoscimento;

Non sono valide le Polizze di Assicurazione stipulate con le imprese di assicurazione extracomunitaria; il tecnico dichiara che il massimale della Polizza di Assicurazione allegata all’Asseverazione è adeguato. In ogni caso il massimale della Polizza di Assicurazione non può essere inferiore a € 500.000.

Per asseverare gli interventi ai fini del superbonus, bisogna:

  1. compilare on line sul portale ENEA;
  2. stampare il modello generato e firmare tutte le pagine e apporre il timbro solo sull’ultima pagina;
  3. caricare la scansione sul portale;
  4. inviare entro 90 gg da termine lavori (per lavori ultimati);
  5. conservare ricevuta e codice identificativo attribuito dal sistema.

Controlli e sanzioni

ENEA effettua:

  • controlli a campione nel limite minimo del 5% delle asseverazioni annualmente presentate;
  • i controlli su tutte le asseverazioni relative a interventi avviati prima del 1 luglio 2020;
  • entro 60 gg da entrata in vigore elabora un programma di controlli a campione da sottoporre a controllo documentale e a controllo in situ, i quali non sono inferiori al 10% delle istanze complessivamente sottoposte a controllo.

Ai soggetti che rilasciano attestazioni e asseverazioni infedeli si applica:

  • sanzioni penali , ove il fatto costituisca reato;
  • sanzione amministrativa pecuniaria da euro 2.000 a euro 15.000 per ciascuna attestazione o asseverazione infedele resa.

NB: La non veridicità delle attestazioni o asseverazioni comporta la decadenza dal beneficio.

Assicurazione del tecnico

La legge Rilancio prevede l’obbligo di stipula di una polizza di assicurazione della responsabilità civile con massimale adeguato al numero delle attestazioni o asseverazioni rilasciate e agli importi degli interventi, non inferiore a 500.000 euro.

Infatti chi assevera la congruità dei costi e la conformità dei requisiti tecnici per accedere al Superbonus, deve stipulare una polizza assicurativa della responsabilità civile, con massimale adeguato a:

  • numero delle attestazioni o asseverazioni rilasciate;
  • importi degli interventi oggetto delle predette attestazioni o asseverazioni;
  • almeno 500.000 euro.

Si ricorda che i professionisti abilitati al rilascio del visto di conformità devono, per legge, stipulare una polizza assicurativa RC professionale (art. 22 dlgs. n. 164/1999 ) che:

  • deve garantire i rischi derivanti dall’apposizione del visto di conformità;
  • avere un massimale non inferiore alla soglia di 3.000.000 di euro, adeguato al numero dei contribuenti assistiti, nonché al numero dei visti di conformità, delle asseverazioni e delle certificazioni tributarie rilasciati;
  • prevedere la totale copertura degli eventuali danni subiti dal contribuente, dallo Stato o da altro ente , non includendo franchigie o scoperti;
  • prevedere il risarcimento nei cinque anni successivi alla scadenza del contratto.

Slide Superbonus #4: asseverazioni, assicurazioni e responsabilità

software-superbonus
software-superbonus
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *