Tipi di manutenzione

Tipi di manutenzione: ecco una lista dettagliata

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Esistono molti tipi di manutenzione: manutenzione preventiva, manutenzione correttiva, manutenzione migliorativa, ecc. Ecco la lista dettagliata con caratteristiche e obiettivi di ciascuna tipologia

I tipi di manutenzione esistenti sono numerosi e ciascuno serve a raggiungere obiettivi differenti. Quando si gestisce la manutenzione degli asset di un’azienda bisogna valutare tutte le esigenze aziendali e stabilire i tipi di manutenzione che bisogna combinare per ottenere la strategia più efficiente.

In questo articolo saranno approfonditi caratteristiche e scopi dei differenti tipi di manutenzione per aiutarti a capire quale si adegua meglio alle attività di manutenzione che gestisci. Scoprirai che esistono molti tipi di manutenzione, e per gestirli al meglio ti consiglio di utilizzare un facility management software. Con questo strumento sarà molto più facile valutare quali interventi di manutenzione è necessario attuare e seguire facilmente il loro avanzamento.

Cos’è la manutenzione e perché esistono diversi tipi di manutenzione?

La manutenzione è una parte importante del patrimonio aziendale. Può essere utilizzata per garantire che l’azienda disponga di ciò di cui ha bisogno in termini di strutture, attrezzature e macchinari per raggiungere gli obiettivi prefissati. Una gestione ottimale delle attività di manutenzione è essenziale per evitare costose riparazioni e aumentare la produttività.

Ogni azienda ha necessità diverse e, in base alle proprie caratteristiche ed ai propri asset, conduce strategie di manutenzione differenti, è per questa ragione che esistono differenti tipi di manutenzione.

Esistono in particolare due macro categorie di manutenzione:

  • manutenzione ordinaria: comprende le azioni semplici e di routine come le ispezioni;
  • manutenzione straordinaria: comprende tutti gli interventi più invasivi e rilevanti, come la sostituzione dei componenti o l’integrazione tecnologica aggiuntiva.

In queste categorie rientrano i seguenti tipi di manutenzione:

 

tipi di manutenzione - organigramma

Principali tipologie di manutenzione

Tipi di manutenzione ordinaria

La manutenzione ordinaria può essere considerata la manutenzione “base”, quella che permette di mantenere in buono stato gli ambienti e le attrezzature, evitando spiacevoli incidenti.

Si tratta di una serie di operazioni di verifica ed eventuale riparazione necessarie a mantenere in efficienza gli asset.

Comprende tutte le azioni preventive e correttive che hanno lo scopo di ripristinare il funzionamento di un asset senza andare ad aumentarne le prestazioni.

Gli interventi di manutenzione ordinaria hanno lo scopo di:

  • mantenere l’integrità di un asset;
  • contenerne il naturale degrado;
  • ripristinarne l’efficienza a seguito di un guasto.

Tra i tipi di manutenzione ordinaria abbiamo:

  • la manutenzione preventiva;
  • la manutenzione correttiva.

Manutenzione preventiva

La manutenzione preventiva è un tipo di manutenzione che viene eseguita per prevenire il verificarsi di guasti. È un approccio proattivo alla manutenzione, che permette di rallentare il processo di degrado di un bene o un impianto, andando ad ottimizzare la capacità produttiva in termini di costi e tempi.

Di solito viene eseguita su base regolare, ad esempio settimanale o mensile e può essere eseguita su attrezzature, macchinari o strutture.

I vantaggi della manutenzione preventiva includono:

  • la riduzione della probabilità di guasti;
  • la riduzione del costo delle riparazioni;
  • l’estensione della durata delle apparecchiature;
  • il miglioramento della sicurezza.

La manutenzione preventiva può essere divisa in due tipi principali:

  1. programmata;
  2. non programmata.

La manutenzione preventiva programmata è quella secondo cui la manutenzione viene eseguita a intervalli regolari, indipendentemente dalle condizioni dell’attrezzatura o del macchinario.

Gli interventi possono essere programmati, in base ai piani di manutenzione su base temporale o possono originarsi da ispezioni che mettono in evidenza eventuali problematiche da affrontare.

Tecnico che ispeziona un macchinario

Tecnico che ispeziona un macchinario

La manutenzione preventiva non programmata si divide invece in:

  • manutenzione predittiva: rappresenta la tecnica sicuramente più evoluta dal punto di vista tecnologico, perché permette di monitorare in tempo reale lo stato degli asset mediante l’installazione di tool e strumenti capaci di individuare guasti e anomalie in anticipo, consentendo di correre ai ripari con tempestività per evitare interruzioni di operatività che causerebbero ingenti danni all’impresa. Negli ultimi anni si sta ormai diffondendo anche l’installazione di sensori IoT, che monitorano e trasferiscono costantemente una grande mole di dati che, dopo esser stati processati, sono in grado di generare previsioni di manutenzione di importanza cruciale;
  • manutenzione controllata: è una tecnica che si basa sull’analisi e su campionamenti centralizzati, andando ad eseguire di seguito interventi specifici in base a criteri prestabiliti;
  • manutenzione secondo condizione: è quella in cui la manutenzione viene eseguita solo quando vengono soddisfatte determinate condizioni, ad esempio quando un’apparecchiatura raggiunge un certo numero di ore di funzionamento o quando è necessario un controllo della calibrazione. In effetti questi interventi sono sempre subordinati al raggiungimento di parametri prestabiliti oltre i quali si alza, da un punto di vista statistico, la probabilità del verificarsi di un guasto.

Manutenzione correttiva (a guasto)

La manutenzione correttiva, detta anche a guasto, prevede che si intervenga su un macchinario o un bene a seguito di danneggiamenti, con lo scopo di ripristinarne la funzionalità.

Spesso rappresenta la tipologia di manutenzione più onerosa, perché in generale è più economico risolvere un problema prima che si verifichi ed inoltre i tempi di ripristino di una rottura lunghi causano numerose perdite di produzione.

Manutenzione a seguito di guasto

Manutenzione a seguito di guasto

Tipi di manutenzione straordinaria

La manutenzione straordinaria comprende tutti i tipi di interventi manutentivi più invasivi e rilevanti, che non sono ricorrenti e vengono realizzati per migliorare il funzionamento di un asset, aumentarne il ciclo di vita o comunque il suo valore. La manutenzione straordinaria raccoglie:

  • interventi invasivi su macchinari e impianti;
  • interventi sulla struttura;
  • interventi sul sistema tecnologico;
  • interventi sulle pertinenze.

La principale tipologia di manutenzione straordinaria è quella migliorativa.

Manutenzione migliorativa

La manutenzione migliorativa o proattiva non deriva da malfunzionamenti, ma risponde a esigenze di miglioramento infatti ha l’obiettivo di aumentare il valore del sistema e di mantenere le prestazioni delle attrezzature apportando miglioramenti tecnici a un intero impianto o a singole unità.

In questo modo si può aumentare il valore degli asset e fare in modo che raggiungano i limiti massimi di disponibilità programmati durante la fase di progetto, indipendentemente dagli effetti del tempo.

Come gestire qualsiasi tipo di manutenzione in modo efficiente

Come abbiamo potuto vedere sono molteplici i tipi di manutenzione esistenti e spesso è difficile orientarsi per scegliere la strategia più adatta alla propria azienda.

Ma, qualunque sia l’intervento di manutenzione da gestire, è sicuramente indispensabile uno strumento che consente di pianificare, tracciare e monitorare gli interventi in modo semplice e intuitivo.

Tra le caratteristiche principali di un software per il facility management vi è la capacità di:

  • centralizzare tutte le informazioni e i dati di manutenzione in un unico sistema di archiviazione;
  • rendere le informazioni di manutenzione facilmente accessibili a tutte le persone coinvolte negli interventi;
  • essere configurabile e personalizzabile in base alle specifiche esigenze di manutenzione dell’azienda che si gestisce.

Ti consiglio di affidarti subito ad un facility management software e scoprire quanto questo strumento riesce a rendere efficiente e produttiva la tua attività di Facility Manager!

 

usbim-maint
usbim-maint

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.