Verifica trasmittanza media con TerMus

Trasmittanza termica U media non verificata: come fare con TerMus

?Stampa l'articolo o salvalo in formato PDF (selezionando la stampante PDF del tuo sistema operativo)
Stampa articolo PDF

Come risolvere i problemi con le verifiche della trasmittanza termica media richiesta per la pratica del Superbonus grazie ad una nuova funzionalità di TerMus 51.u

Ti occupi di certificazione energetica, pratiche per il Superbonus, legge 10, efficientamento energetico, ecc.? Devi fare il calcolo energetico e ti sei imbattuto in problemi con la trasmittanza termica media?

In questo focus ti spiego come risolvere i problemi con le verifiche della trasmittanza termica media (U media) grazie ad una nuova funzionalità di TerMus, il software ACCA per il calcolo energetico disponibile dalle versione v. 51.00u.

Scopri di più su TerMus e continua a seguire le mie indicazioni.

La verifica della Trasmittanza termica media

Uno dei problemi in cui ci si imbatte quando si effettuano le verifiche previste dal DM requisiti minimi (DM 26 giugno 2015) è il rispetto delle U medie previste nelle tabelle dell’Appendice A. Inoltre, in caso di Superbonus, occorre anche soddisfare il rispetto delle U previste dall’Allegato E del DM requisiti ecobonus (DM 6 agosto 2020).

Da notare che le verifiche di trasmittanza termica vanno effettuate in due modi diversi, a seconda se si faccia riferimento alle verifiche di legge previste da:

Verifiche di trasmittanza di legge DM 26/6/2015

Per il calcolo della U media da utilizzare nelle verifiche di legge di cui al Decreto 26/6/2015 “Decreto requisiti minimi” valgono le indicazioni di cui alla FAQ 3.16 del MiSE.

In questo caso, la U media va riferita a tutte le strutture della stessa tipologia, indipendentemente dall’orientamento, dallo spessore e dalla stratigrafia delle diverse porzioni, comprensive anche dell’effetto dei ponti termici.

Le tipologie di strutture sono quelle definite nell’Appendice B del Decreto 26/6/2015, ossia:

  • strutture opache verticali
  • strutture opache orizzontali di copertura
  • strutture opache orizzontali di pavimento.

Ciò equivale a dire che le trasmittanze comprensive di ponti termici devono essere mediate per tipologia e di conseguenza, per ognuna di esse, ci sarà un unico valore medio che lo caratterizza da confrontare con la U limite prevista dal decreto (limite di legge).

Verifiche di trasmittanza media Superbonus

La U media da utilizzare per la verifica dei requisiti previsti dal DM 6 agosto 2020, Allegato E – ecobonus – è quella indicata alla FAQ 8 di Ottobre 2020 di MiSE ed ENEA ed è calcolata in modo del tutto identico alla U media prevista per i requisiti minimi ma non contempla l’effetto dei ponti termici.

 

Se la verifica della trasmittanza media non risulta soddisfatta, come si procede? Esiste un modo per localizzare il problema e per capire dove intervenire in modo mirato con TerMus?

Scopriamolo subito.

Cosa fare se non si rispetta la verifica della Trasmittanza termica media

Dopo aver eseguito il calcolo con TerMus, se la Trasmittanza termica media non è verificata, puoi sfruttare il nuovo strumento di diagnostica che ti aiuta a capire velocemente su quali stratigrafie intervenire per risolvere i problemi con le verifiche delle U medie.

Nello specifico, hai a disposizione una tabella in cui puoi visualizzare tutti gli elementi che concorrono al calcolo della U media, la trasmittanza dei singoli elementi, la loro superficie e la loro posizione all’interno del modello 3D.

Inoltre, hai anche un diagramma “a torta” in cui è riportata l’incidenza (espressa in percentuale) di ciascuna entità nel calcolo della trasmittanza media.
Per esempio, nell’immagine riportata di seguito, le tamponature in laterizio da 35 cm incidono per l’81 %, quindi, sono quelle che hanno un peso maggiore nel calcolo della media della trasmittanza termica. Inoltre, in caso di condominio è possibile verificare questi dati unità per unità.

Nuova funzionalità di TerMus per la verifica della Trasmittanza termica media

Diagramma “a torta”

Tutte queste informazioni sono di enorme aiuto perché ti consentono di visualizzare graficamente tutti gli elementi coinvolti nella verifica e avere un quadro d’insieme completo per valutare eventuali ed ulteriori analisi di progetto.

Il vantaggio maggiore di questo nuovo strumento, infatti, è proprio il controllo grafico nel modello. In pratica, visualizzi quali sono le strutture che entrano nella verifica, se hai assegnato correttamente le stratigrafie alle singole entità, controlli se hai incluso tutte le entità o se hai dimenticato di escludere dalla verifica entità su cui non sei intervenuto in progetto (ad esempio in caso di ristrutturazione di secondo livello).

Cliccando, infatti, sull’elemento in tabella, nel 3D si evidenziano le singole entità grafiche corrispondenti.

Nuovo strumento di diagnostica per la verifica della Trasmittanza termica media con TerMus

Controllo grafico nel modello 3D

In questo modo, ha maggior controllo sul progetto e fai una prima verifica su errori che si possono commettere facilmente e che pregiudicano gli esiti del calcolo.

Inoltre, hai la possibilità di modificare manualmente la Trasmittanza delle stratigrafie (U) e/ o la Trasmittanza Lineica (kl) dei ponti termici per simulare il calcolo delle U medie non verificate. Questo ti permette di studiare su quali elementi intervenire e in che misura, per far rientrare le U medie nei limiti di legge.

Una volta individuati gli elementi su cui intervenire, nella colonna gialla, puoi modificarne la Trasmittanza per vedere come cambia la U media. Se la U madia rimane comunque non verificata puoi rapidamente aggiornare i valori della Trasmittanza dell’elemento e rilanciare nuovamente il calcolo.

Come operare con TerMus

Ora ti faccio un elenco dettagliato dei passaggi che devi seguire per utilizzare il nuovo strumento di diagnostica di TerMus.

Innanzitutto, supponiamo che tu stia facendo una pratica per il Superbonus e che tu abbia terminato il modello energetico di progetto (post operam), quindi con tutte le stratigrafie previste in progetto.

A questo punto:

  • dal Navigatore>Dati Generali>Edificio, scegli la tipologia d’Intervento (per esempio: Ristrutturazione importante di 1° o 2° livello, ecc.)
  • compila tutti i dati richiesti (titolo edilizio, oggetto, committente, ecc.)
  • clicca su Calcolo  e scegli di eseguire il calcolo Completo
  • clicca su Diagnostica per avere il quadro riepilogativo del calcolo
  • se la Trasmittanza media non risulta verificata (ovvero se supera i limiti fissati dalla legge per le diverse zone climatiche) clicca sull’icona Strumento di diagnostica in alto, nella toolbar
  • nella finestra che si apre, clicca sui vari nodi delle diverse stratigrafie che hai inserito, per capire l’incidenza percentuale di quella stratigrafia sul calcolo della Trasmittanza termica media e per evidenziare nella vista 3D, tutte le stratigrafie corrispondenti a quel nodo e inserite nel calcolo
  • verifica graficamente, cliccando nodo per nodo, se hai inserito correttamente tutti gli elementi da calcolare
  • modifica manualmente il valore della Trasmittanza degli elementi con incidenza maggiore prima di provare a rilanciare il calcolo
  • esporta i risultati in formato .xml per analizzare i risultati numerici del calcolo.

Il video che ti mostra come fare

Ecco il video che ti illustra tutti i passaggi da seguire per utilizzare la nuova funzione di TerMus.

 

 

 

termus
termus
2 commenti
  1. Sandro Arello dice:

    Non mi è chiaro il tipo di verifica da effettuare in caso di Superbonus. Leggendo l’articolo sembrerebbe ci si debba attenere al decreto requisiti minimi 2020, a meno di un “inoltre” ed un “anche” al primo periodo del paragrafo “La verifica della Trasmittanza termica media”. Tale primo periodo, in ogni caso, sembrerebbe in accordo con la FAQ n. 8 dell’ENEA che impone la doppia verifica minimi 2015 e minimi 2020. Il dubbio nasce anche dalla circostanza che l’allegato E al decreto requisiti minimi non sembra parlare di Umedia ma di valori massimi. Quindi, nel caso di differenti pareti (ipotizziamo una da 40 cm ed una da 20 cm) si sarà costretti a coibentare sino a raggiungere i valori prescritti dall’allegato “E” e non mediarle in una Umedia. Me ne date conferma?

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *